“Linea Gialla”: Salvo Sottile al debutto, su La7. Nella prima puntata del 17 settembre, Yara e i 15 ricercatori catanesi morti di tumore.

“Linea Gialla”: il nuovo programma di Salvo Sottile, su La7. Yara e i 15 ricercatori catanesi morti di tumore nella prima puntata.

linea3

Chi l’avrebbe mai detto che colui che da anni viene additato come uno dei patrocinatori di quella ‘tv sciacalla‘, che morbosamente sguazza nei fatti di cronaca nera, sarebbe diventato un personaggio da prima serata su La7?! Il pluricriticato (e addirittura parodiato) Salvo Sottile passa, da stasera, da Rete4 e da Quarto Grado al settimo canale e a un programma che, sulla carta, pur parlando di cronaca nera e dintorni, sembra rispettare il principio della vera tv di servizio.

Lo stesso Salvo Sottile, durante la conferenza stampa del nuovo Linea Gialla ha cosi commentato: «Voglio subito sgomberare il campo da tutti gli equivoci di fare un tv trash, morbosa che mi hanno appiccicato nella mia precedente vita professionale. Noi racconteremo storie diverse, anche quelle che dopo anni aspettano ancora giustizia: non saremo i parenti poveri né di “Quarto Grado” né di “Chi l’ha visto?”».

Ad affiancare Sottile in questa sua nuova avventura c’è Fiore De Rienzo, 63enne giornalista autore per 25 anni di Chi l’ha visto?, che firma il programma insieme a Giovanni Filippetto, in quella che è una co-produzione La7- FremantleMedia. Il taglio del programma, annuncia Sottile, sarà in linea con quello della rete.

Il direttore di La7, Paolo Ruffini, ci tiene a sottolineare che «alla rete mancava questo tassello importante e la cronaca è importante come la politica – ha detto – la cronaca è la nostra vita, racconta il paese e questo programma vuole rispondere alle domande della gente che chiedono di sapere cosa accade». Non a caso la ‘linea gialla‘ vuole essere anche quella che lega il programma al pubblico, chiamato ad interagire sia in studioil pubblico per la prima volta potrà fare domande agli ospiti», rivela Sottile) sia da casa, grazie al telefono (numero 02.87317), ma anche grazie ai social network e all’hashtag #lineagialla.

Tra i casi di cui si parlerà, non mancheranno i delitti più noti (oggi sarà indagata una nuova pista del caso di Yara Gambirasio), ma anche quella cronaca che non trova spazio in altri programmi. Buona parte della prima puntata (titolo “Predatori e prede“) sarà dedicata al caso di 15 ricercatori dell’Università di Catania morti di tumore in seguito alle condizioni di lavoro nei laboratori dell’Ateneo.

E rispetto al giorno di collocazione del programma, lo stesso di Ballarò, Sottile afferma : «Ne siamo ben consapevoli ed entriamo nella programmazione del martedì in punta di piedi e con grande professionalità». Nessuno si sbilancia sugli obiettivi di share: «Puntiamo a fare un po’ di più rispetto a quello che fa La7 il martedì», sorride Sottile.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter