“Scherzi a parte” torna a gennaio, con Paolo Bonolis. Davide Parenti (de “Le Iene”) organizza gli scherzi.

“Scherzi a parte” torna a gennaio, con Paolo Bonolis. Davide Parenti (de “Le Iene”) organizza gli scherzi.

Scherzi a parte

Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi“; l’intento gattopardesco è lo stesso che sembra dirigere le scelte dei dirigenti Mediaset nella definizione del palinsesto della prossima stagione. Tutto cambia, eppure tutto resta com’è, o meglio, com’è stato nell’ultimo decennio. Torna il Grande Fratello, insieme a Zelig, risuscita Scherzi a parte. Proprio così: il programma ideato da Fatma Ruffini, in onda dal 1992 su Canale5, dopo un’ultima, fallimentare edizione, votata al varietà, con Luca e Paolo, potrebbe tornare, in una veste rinnovata, a gennaio 2014 sull’ammiraglia Mediaset.

L’intenzione, lo scrive Tv Sorrisi e Canzoni, è di rinnovare il format, stravolgerlo, affidandosi ad una ‘squadra fortissimi‘, formata da Paolo Bonolis, che erediterebbe il testimone dalle due Iene, e dal padre de Le Iene, Davide Parenti. Il primo, Bonolis, dovrebbe interpretare il ruolo dell’intervistatore irriverente e bastardo, sul modello di David Letterman, interrogando gli ospiti vip sui temi e gli spunti che l’attualità, lo spettacolo e anche la cronaca offriranno di volta in volta; il secondo, Parenti, dovrebbe invece occuparsi della parte ludica, pensando ed organizzando gli scherzi, che andrebbero a colpire personaggi famosi ma anche persone comuni, servendosi dell’esperienza e della faccia tosta degli inviati de Le Iene.

Così facendo, Mediaset potrebbe finalmente attualizzare un format storico e, forse, superato, Parenti potrebbe finalmente debuttare sulla rete ammiraglia e Bonolis potrebbe tornare in prima serata, con un progetto che gli consentirebbe di sperimentare, senza rischiare (proprio come piace a lui), realizzando l’antica ambizione di intervistare i protagonisti del nostro tempo, al suo modo e, glielo auguriamo, senza annoiare, come invece fu per Il senso della vita.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter