Il Segreto: le trame dal 14 al 19 ottobre 2013 – Anticipazioni

Le anticipazioni de “Il Segreto”, la soap opera di Canale5, nella settimana che va dal 14 al 19 ottobre 2013. Le trame nel dettaglio.

Anticipazioni

Ecco le trame delle puntate de Il Segreto, la soap opera di Canale5, in onda da lunedì 14 a sabato 19 ottobre, alle 16:10 (il sabato alle 15:00).

Alberto, dopo aver abusato di Pepa, chiede conforto cristiano a Don Anselmo, che però lo accusa di avere infranto la promessa fatta a Pepa prima del loro matrimonio. Hipolito viene accettato dall’esercito e Tristan si preoccupa di dargli dei consigli riguardo al comportamento che dovrà tenere. Donna Francisca obbliga Pedro ad annullare le nozze di Soledad, ma Tristan non le permette di portare a termine il suo piano. Maximiliano arriva alla resa dei conti con Tristan. Sebastian dice ad Emilia che accetterà qualsiasi decisione del padre sull’eredità. Su tale questione, Emilia si confronta con Raimundo. Rosario svela quale ruolo avrà Hipolito durante il suo servizio militare a Madrid. Pepa rivela ad Emilia che partirà per Madrid. Francisca cerca di scoprire cosa lega Tristan al suo commilitone di Cuba. Tomas assolda Juan per un trasporto di cui non rivela la sostanza. Virtudes chiede aiuto a Sebastian, per nascondersi con Gerardo. Tristan viene arrestato.

Raimundo ed Emilia lavorano ancora per costruire la pensione, ma i carrettieri che trasportano mattoni e travi vengono assaliti da alcuni uomini che gettano giù dal burrone tutto il materiale. Dopo l’arresto di Tristan, Pepa decide di rimanere a Puente Viejo e così Alberto valuta rassegnato la possibilità di partire da solo. Donna Francisca riceve da Don Anselmo le notizie dell’avvocato: quest’ultimo ha scoperto che è stato Maximiliano Preto a denunciare Tristan. Ramiro ed Alfonso fanno sapere a Juan che ci sono dei pastori che potrebbero offrirgli un lavoro, ma lui rifiuta in quanto è alle prese con un altro affare: a Soledad racconta che lavorerà per un signore che gli ha commissionato dei dipinti. In realtà, Juan nasconde il carro di Tomas Alvarado nella sua stalla. Pepa incontra Carlos e gli racconta tutto ciò che è successo tra loro. Ma alla fine Carlos rivela che ricorda perfettamente tutto e accusa Pepa di averlo ingannato, facendosi mettere incinta; le rimprovera anche di aver provocato l’incendio e giura che gliela farà pagare.

Juan scopre che la cassa che gli è stata affidata da Tomas contiene nitroglicerina, ma accetta egualmente di effettuare il trasporto. Ramiro ed Alfonso cercano di scoprire chi stia boicottando il progetto di Raiumundo: Emilia è sicura che dietro ci sia lo zampino di Donna Francisca e così la affronta. Sebastian va in prigione da Tristan, che gli confessa di aver sottratto i soldi al conservificio per pagare il ricatto di Maximiliano; gli rivela inoltre di aver fatto fuori due ufficiali perché volevano sterminare un villaggio di innocenti. Dolores e Pedro ricevono una lettera da Hipolito, il quale racconta le sue giornate all’accampamento; il giovane assicura di aver imparato molte cose e di essere diventato un vero uomo, ma sta solo mentendo. Ramiro ed Alfonso, che hanno a cuore Raimundo, decidono di coinvolgere i paesani nella rivolta contro donna Francisca. Pepa chiede ad Alberto di scrivere una lettera ad un ufficiale dell’ospedale di Madrid per intercedere in favore di Tristan. Alberto accetta, ma scrive una lettera dal contenuto non troppo positivo… Donna Francisca si arrabbia con Mauricio quando scopre che quest’ultimo è responsabile dell’incidente che ha distrutto i materiali destinati alla costruzione della locanda degli Ulloa. Tutto il paese si mobilita per aiutare Raimundo. Carlos continua a tormentare Pepa e cerca inoltre di spaventare Martín; nel frattempo, Don Anselmo indaga sul passato dell’uomo. Alberto capisce che – per non perdere Pepa – gli conviene intercedere in favore di Tristan, che rischia di essere condannato.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter