La prova del cuoco – Puntata del 31/10/2013 – Il dolce di Anna, il Campanile Italiano e…

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 31 ottobre 2013, con Antonella Clerici.

c1

Marco Di Buono, nella breve anteprima, rivela il menu della puntata: il Campanile italiano con Beppe Bigazzi, i segreti di Andrea Ribaldone, la pasticceria casalinga di Anna Moroni, la cucina dell’Artusi con Luisanna Messeri. Con un look da perfetta streghetta, Antonella festeggia Halloween. Marco si accontenta di una mascherina da zucca… e Beppe Bigazzi? Fa il serioso, come sempre. Annina già lo attende al tavolo: gusteranno le pietanze preparate dai campioni della Sardegna, ovvero pane frattau e sa burrida alla cagliaritana, e dagli sfidanti della Liguria, che preparano insalata di stoccafisso e dei ravioloni fritti con ripieno di zucca.

Al termine dell’esecuzione, il pubblico si pronuncia, attraverso il televoto: vince la Sardegna, con il 57% delle preferenze. Per regolamento, però, dopo 5 partecipazioni, i concorrenti non potranno più gareggiare: li rivedremo in finale, a fine stagione. Beppe, intanto, raggiunge Annina al tavolo: chiede di spegnere le luci e mettere una candela… romanticone lui…

Giovedì carne, con Andrea Ribaldone. Il cuoco, dopo una settimana d’assenza, torna a cucinare sontuose pietanze a base di carne. Quest’oggi, propone il vitello in olio cottura con zabaione ai funghi.

c2

Immergiamo il vitello nell’olio, che portiamo a 68°. Quindi, tiriamo fuori la carne cotto (si presenterà morbida e rosa. Intanto, prepariamo lo zabaione: mettiamo a bagno i funghi secchi con il marsala. Prendiamo i tuorli e li montiamo con il marsala in cui sono stati in infusione i funghi. Trasferiamo in un pentolino e cuociamo a bagnomaria, continuando a montare con la frusta a mano. Affettiamo i funghi freschi e li rosoliamo in padella con un filo d’olio. A fine cottura, aggiungiamo un po’ di prezzemolo tritato. Affettiamo il vitello, che serviamo con lo zabaione ed i funghi saltati in padella.

c9

Oggi facciamo i dolci di casa sua“, ovvero di Anna Moroni. Quest’oggi, un “classico dei classici“, la torta di carote. Questa, a detta di Annina, è la ricetta migliore di un dolce che può essere considerato un classico della pasticceria casalinga.

c4

Ingredienti: 300g di carote grattugiate, 300g di farina di mandorle, 6 uova, una bustina di lievito per dolci, 90g di farina 00, 200g di zucchero, 1 limone.

Separiamo gli albumi dai tuorli. Profumiamo i tuorli con la scorza grattugiata del limone. Quindi, li montiamo, aggiungendo lo zucchero. Montiamo anche gli albumi, aggiungendo un pizzico di sale ed uno di zucchero. Uniamo alla montata dei rossi la farina di mandorle, la farina 00 ed il lievito per dolci. Amalgamiamo e, infine, aggiungiamo le carote tritate. Incorporiamo gli albumi montati a neve al composto, mescolando dal basso verso l’alto. Imburriamo una teglia di diametro 24 cm ed inforniamo a 180° per circa 40 minuti. Controlliamo la cottura con uno stecchino.

c3

C’era una volta...”, Luisanna Messeri! Artusi non c’è più, ma le sue ricette di sono ancora. Quest’oggi, la cuoca toscana propone una delle 750 ricette del primo “food blogger” della storia, quella del cavolo ripieno.

c5

Ingredienti: 1 cavolo verza, 1 pezzo di scamerita, 2 spicchi d’aglio, un rametto di ramerino, 50g di grana, 1 uovo, noce moscata qb, 2 fette di pane, sale e pepe, olio evo.

Portare a mezza cottura il cavolo intero in abbondante acqua bollente salata dopo averlo pulito dalle foglie esterne più dure e dopo aver pareggiato il gambo. Metterlo capovolto a scolare, poi aprire le foglie ad una ad una fino al grumolo nel mezzo e sul medesimo mettere il ripieno di carne che preparerete macinando l’arrosto di maiale che avrete cucinato per 1 ora coperto, nel tegame con un filo d’olio, aglio e ramerino, sale e pepe. Macinare la carne e mescolarla al pane bagnato precedentemente nel sugo di cottura, il formaggio, il tuorlo dell’uovo, noce moscate, sale e pepe. Ritirare, richiudere tutte le foglie legandole a croce. Terminare di cuocere il cavolo nel sugo dell’arrosto, aggiungendo un pezzettino di burro volendo.

c6

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter