La prova del cuoco – Puntata del 13/11/2013 – Chi batterà Gilberto? Moroni risparmia, Barzetti cucina.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 13 novembre 2013, con Antonella Clerici.

c10

Marco Di Buono snocciola le portate del menu odierno: una nuova sfida di Chi batterà lo chef?, le ricette di Sergio Barzetti, Luisanna Messeri, Anna Moroni e la gara. “Non ho dormito per lei!“, queste le rivelazioni di un signore del pubblico, ad Antonella, che però è pronta a scommettere: “non ha dormito perchè ha fatto altro, mica per me!“. Chi batterà lo chef, Gilberto Rossi? Andrea Amadei, di arancio vestito, accoglie gli sfidanti, marito e moglie, Angelo e Teresa, che utilizzano vino bianco, rosmarino, porri, formaggio, uova, salsiccia e farina di grano duro macinato, nella preparazione del loro piatto, che, forse, gli consentirà di battere lo chef, aggiudicandosi il montepremi di mille euro.

c11

Antonella chiede a Gilberto se, la scorsa settimana, per il suo compleanno, dopo la sorpresona organizzata per lui dalla fidanzata, ci sia stato anche un “romantico dopocena“… lo chef la rassicura.

Al termine dell’esecuzione, Andrea assaggia le due proposte e proclama il vincitore: lo chef, Gilberto Rossi, poichè “il raviolo era proprio spassoso, ti riempiva la bocca di sapori“.

Antonella raggiunge la “brociona della cucina del casale“, la toscanaccia Luisanna Messeri. “Tutti ci guardano perchè dicono: cosa faranno quelle due lì?!“, ebbene, quest’oggi, la cuoca prepara le pennette ai 4 formaggi.

c1

Ingredienti: 500 g di pennette rigate, 125 g di burro, 70 g di grana, 1 mozzarella vaccina, 100 g di groviera, 100 g di gorgonzola, pepe creolo in grani.

Lessare al dente le pennette rigate in abbondante acqua salata. Scolarle e condirle con il burro e il parmigiano grattato. Tagliare a fettine, scaglie o pezzettini una mozzarella, il groviera e il gorgonzola. Prendere una pirofila e condire a strati le pennette con i vari formaggi. Passare 5 minuti sotto il grill e servire in tavola.

c2

Cucina del risparmio, “ma goduriosa“, con Annina Moroni, che promette una ricetta sciuè sciuè molto economica: quella delle polpette di baccalà.

c3

Ingredienti per 4 persone: 400 g di baccalà già bagnato, 500 g di patate, 2 uova, 1 spicchio d’aglio, 1 mazzetto di prezzemolo, pangrattato q.b., 1 l di olio di semi di arachidi, sale q.b.

Lessare le patate, intere e con la buccia, per 25’ e salarle a fine cottura. Lessare separatamente il baccalà, in acqua non salata a fuoco dolce, per 15’. Spellarlo, spinarlo e metterlo in una ciotola, quindi schiacciarlo. Pelare le patate e schiacciarle con la forchetta. Mescolarle al baccalà e legare il composto incorporando le uova sbattute. Insaporire con lo spicchio d’aglio precedentemente spremuto e ridotto in poltiglia. Unirvi un cucchiaio di prezzemolo tritato e regolare di sale. Formare con il composto tante piccole polpettine. Passarle nel pangrattato e friggerle in olio bollente. Una volta fritte, asciugarle con della carta assorbente e servirle calde con delle foglie di songino.

c4

Antonella balla con Sergio Barzetti, che quest’oggi presenta un piatto particolarmente goloso, oltre che “geniale“, come ogni sua proposta: la schiacciata croccante al radicchio e pannerone.

c5

Ingredienti per 6/8 persone, per la pasta: 300 g di farina di kamut, 200 g di farina “0”, 300 ml di acqua tiepida, 10 g di lievito di birra fresco, 10 g sale, 3 g di zucchero. Per il condimento: 4 cespi di radicchio tardivo, 300 g di pannerone, olio extra vergine di oliva, 6 foglia di alloro, sale.

c6

Sciogliere il lievito ed il pizzico di zucchero nell’acqua tiepida, impastare con le farine. A metà della lavorazione aggiungere il sale. Formare una “palla” e riporla in una ciotola molto capiente. Coprire accuratamente con pellicola per evitare infiltrazioni di aria. Lasciare lievitare per almeno due ore ad una temperatura di 24/25°C. Nel frattempo lavare e tagliare grossolanamente il radicchio. Dividere l’impasto in due parti. Stenderlo, facendolo “roteare” imprimendo un delicato movimento dall’interno verso l’esterno con le mani sul piano da lavoro leggermente infarinato. In alternativa utilizzare il mattarello. Posizionare un disco di pasta su una ampia teglia non unta, disporre il radicchio e condire con il pannerone tagliato a cubetti, coprire con il secondo disco di pasta, condire con un filo d’olio, sale e cuocere in forno preriscaldato a 220°C per 8 minuti. servire tagliando a tocchetti.

c7

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter