La prova del cuoco – Puntata del 20/11/2013 – Barzetti, Messeri e la cucina del risparmio di Anna.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 20 novembre 2013, con Antonella Clerici.

c1

Marco Di Buono snocciola le portate del menu odierno: una nuova sfida di Chi batterà lo chef?, le ricette di Sergio Barzetti, Luisanna Messeri, Anna Moroni e la gara. “Bisogna avere un po’ di buonumore, ci proviamo!“, Antonella palesa il suo intento, in apertura, portare il buonumore nelle case degli italiani, anche quando la Nazione piange le sue vittime. Vincenzo e Luigi, amici, ex colleghi all’Aeronautica Militare, quest’oggi tentano di ‘battere lo chef‘, ovvero Gilberto Rossi, preparando le orecchiette col broccolo pugliese, burrata e pangrattato; lo chef replica con un cannolo di pane con burrata su crema di broccoli.

c9

Andrea Amadei assaggia le due proposte e proclama il vincitore: lo chef Gilberto Rossi. Quella degli sfidanti era “una pasta eccezionale, ma aveva qualcosina in meno…“.

Antonella presenta la “brociona” Luisanna Messeri, che già se la ride di gusto: “hai una risata contagiosa!“, commenta Antonella. Quest’ultima, prima di cimentarsi ai fornelli, ricorda che oggi è la giornata dell’infanzia, quindi è pronta a cucina i bucatini con la ciccia.

c2

Ingredienti: 400 g di carne macinata, 2 uova, 1 fetta di pane, latte q.b., 150 g di grana, 1 spicchio d’aglio, un mazzetto di prezzemolo, farina “00” q.b., miscela di 4 spezie, 500 g di bucatini, 1 barattolo di pomodorini di collina, 1 cipolla, 1 cucchiaino di zucchero, sale e pepe, olio extravergine d’oliva.

Preparare, per prima cosa, il sugo di pomodoro, facendo rosolare in un tegame 1 cipolla tagliata finemente con un po’ d’olio. Aggiungere i pomodori pelati e una punta di zucchero. Aggiustare di sale e pepe, aggiungere una tazza d’acqua e cuocere tenendo il sugo sempre abbastanza liquido. Nel frattempo preparare le polpette: mescolare la carne macinata con le uova, la mollica di pane bagnata nel latte e strizzata, metà del grana grattugiato, l’aglio e il prezzemolo tritati. Profumare con un pizzico delle 4 spezie. Fare delle palline grandi poco più di una noce e passarle nella farina prima di buttarle nel sugo che bolle. Intanto cuocere al dente la pasta e condirla con il sugo ponendo sopra le polpettine. A piacere spolverare con il grana.

c3

Un “must” della cucina di Anna Moroni, che oggi ci insegna a risparmiare, proponendo una ricetta delle sue, sciuè sciuè, quella della frittata in trippa.

c4

Partiamo dal soffritto di sedano, carote e cipolle, che tagliamo a dadini e le passiamo in padella con un filo d’olio. Aggiungiamo la passata di pomodoro e lasciamo cuocere per qualche minuto. Rompiamo le uova e le sbattiamo, aggiungendo la farina, il sale ed il pepe. Con il composto di uova, facciamo 2 frittate: quindi, versiamo in padella metà del composto e facciamo dorare su entrambi i lati. Una volta cotta, arrotoliamo la frittata e la tagliamo a listarelle. Mettiamo la frittata tagliata in questo modo nel sugo. Giriamo, aggiungiamo le foglioline di menta spezzate con le mani ed il pecorino e/o il parmigiano grattugiati.

c5

Passo a due in cucina, con Sergio Barzetti ed Antonella. Il cuoco si complimenta con la conduttrice, che ha combinato un disastro, saltando le frittate di Annina, poi prepara le scaloppe di ricciola su crema di topinambur e finocchio.

c6

Ingredienti per 4 persone: 500 g di polpa di ricciola scaloppata, 300 g di topinambur, 4 arance non trattate, 2 finocchi, 1 bicchiere di latte, 2 foglie di alloro, 2 cucchiai di farina “00”, 4 rametti di finocchietto, olio extravergine d’oliva, sale.

Mondare i finocchi, lavarli e uno tagliarlo a tocchetti e il rimanente affettarlo sottilmente e conservarlo in acqua fredda. Pelare e tagliare a tocchetti i topinambur, immergerli in una piccola casseruola con l’acqua, il bicchiere di latte, il finocchio tagliato a tocchetti e la foglia di alloro, lasciare cuocere per circa 20 minuti, spegnere, salare e frullare condire con un filo d’olio a crudo. Infarinare le scaloppe di ricciola, passarle in padella con due cucchiai d’olio e farle colorire da entrambi i lati, sfumare con il succo di 2 arance e lasciare ridurre a fiamma vivace, spegnere salare e profumare con un trito di finocchietto fresco. Pelare al vivo le rimanenti 2 arance, scolare il finocchio tagliato precedentemente sottilmente e condirlo con gli spicchi d’arancia al vivo, servire la crema di topinambur sul fondo dei piatti, posizionare l’insalata fresca di finocchio e arance e ultimare con le scaloppe di ricciola e guarnire a piacere.

c7

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter