“Le Invasioni Barbariche” dimezzato: ‘colpa’ di Crozza. La nuova stagione a metà gennaio.

Torna, sulle nostre pagine, la “Rassegna Stampa“. Notizie curiose, commenti ficcanti, critiche calzanti, dalle pagine dei quotidiani, direttamente su UnDueTre.com.

Le Invasioni Barbariche

Dopo aver liquidato i programmi di Benedetta e Cristina Parodi, di Rita Dalla Chiesa, di Filippa Lagerback, di Gad Lerner, e aver rinunciato a collaborazioni costose come quelle di Geppi Cucciari ed Enrico Vaime, solo per citare i casi più eclatanti, ecco che la scure di Urbano Cairo cade anche su Daria Bignardi e le sue Invasioni Barbariche. Questa volta, però, si tratta più che altro di una questione di spazio. Le Invasioni partiranno in prima serata di venerdì su La7 a metà gennaio: inizialmente erano previste 12 puntate, ma l’intesa con la Bignardi era stata chiusa quando appariva ancora incerto il futuro di Maurizio Crozza. Poiché Cairo ha poi legato a La7 con contratto pluriennale il comico genovese, che ripartirà col suo show nel marzo 2014, non ci sono fisicamente disponibili così tanti venerdì per le Invasioni. Che quindi andrà in onda con sole sei puntate, rinviando poi le altre sei a settembre-ottobre, prima dell’inizio della nuova stagione 2014-2015 di Crozza.

Si era provato a valutare se vi fossero altri giorni compatibili col programma della Bignardi: dal lunedì al giovedì il palinsesto di La7 è blindatissimo con Formigli-Sottile-Paragone-Santoro, e, oltre al venerdì, potevano aprirsi gli slot del sabato sera, inadatto per le Invasioni, e della domenica, dove ci si sarebbe scontrati con un antagonista pericoloso e simile nel target come Fabio Fazio. Perciò, restava solo la soluzione, dimezzata, del venerdì.

In attesa degli sviluppi legali dell’affaire Rita Dalla Chiesa (l’agente Lucio Presta ha minacciato di portare in tribunale Cairo se si dovesse confermare la cancellazione del programma pomeridiano Settima Onda, mai partito; d’altra parte Rita Dalla Chiesa continuerà a percepire i compensi pattuiti, pur senza lavorare), prosegue comunque la politica di gestione più oculata delle risorse da pare del nuovo editore di La7. Da quando ha rilevato la gestione dell’impresa televisiva da Telecom Italia Media, nel maggio del 2013, i risparmi di costi, in cinque mesi (maggio-settembre) sono ammontati a 27 milioni di euro. Nessun taglio clamoroso, tanto che i big di La7 sono stati tutti confermati, ma piccole e medie limature qua e là che alla fine, sommate, hanno portato a 27milioni di euro di risparmi. Si è lavorato sui costi generali, e in particolare cancellando l’affitto di una sede a Roma, e riducendo di molto le spese per taxi, aerei, treni, alberghi, ristoranti.

Claudio Plazzotta per Italia Oggi