Servizio Pubblico – Puntata del 12/12/2013 – Brunetta e Travaglio sul ring.

Video, temi ed ospiti della puntata di Servizio Pubblico in onda, su La7, il 12 dicembre 2013.

s1

In Forza Italia c’è un ottantenne fidanzato con una ventenne che vuole allearsi con un sessantenne che governa i trentenni che hanno fatto fuori l’ottantenne, per contrastare il quarantenne“. Maurizio Crozza, ancora una volta, ci soccorre, somministrandoci una delle sue lucide e pittoresche analisi della situazione politica nostrana. Proprio all'”ottantenne fidanzato con una ventenne” e al “sessantenne che governa i trentenni che hanno fatto fuori l’ottantenne“, ovvero, a Silvio Berlusconi e Beppe Grillo, intendiamo riferirci, raccontando una curiosa convergenza. I due leader, l’uno in declino, l’altro in forte ascesa, solitamente divergenti, hanno convenuto sulla necessità di cavalcare il clamore suscitato dalla protesta dei Forconi, per ricavarne consenso, a scapito del governo che il primo, l’ottantenne, ha contribuito a formare. Proprio quest’ultimo, Berlusconi, ha incontrato una delegazione di autotrasportatori ed ha intimato ad Enrico Letta di “convocare immediatamente tutte le associazione di categoria, perché il Paese non può aspettare” (‘ha aspettato per vent’anni, non potrà farlo per qualche mese ancora?‘ Avrà pensato Letta); Beppe Grillo, invece, prendendo le parti dei Forconi, ha invitato i comandanti di polizia e carabinieri ad assecondare la protesta: “Unitevi a loro“; meglio che proteggere politici corrotti, ha sottolineato il comico genovese. Il neoeletto Segretario del Pd, Matteo Renzi, invece, cresciuto a pane, tv e politica, ha distinto i due piani: quello del malcontento “giustificato dalla crisi” e quello delle operazioni politiche, tanto caro ai succitati avversari. “L’incontro con i forconi significa che Berlusconi è tornato in forma, non lo sottovaluto“, ha concluso Matteo, che perlomeno, da Bersani, ha imparato a guardarsi dai giaguari fintamente smacchiati…

Veniamo, dunque, alla puntata di Servizio Pubblico, dal titolo “Abbasso il re! Viva il re!“, in onda questa sera, su La7O Giorgio Napolitano (ed il Governo Letta) oppure il caos? Il giorno dopo la fiducia e la vittoria di Matteo Renzi alle primarie, la contrapposizione tra chi punta sull’Europa e su un Esecutivo di larghe intese per far ripartire l’Italia e chi, invece, critica l’euro, il Governo Letta e la figura di Napolitano che ancora in questi giorni ha ribadito che ‘non ci sono elezioni dietro l’angolo’, diventa irrecuperabile. Con la protesta dei forconi a tenere banco, proprio il ruolo del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano diventa centrale nel quadro politico nazionale, un ruolo che i critici ritengono portatore di un presidenzialismo strisciante. Il presidenzialismo strisciante è causa o effetto dell’indebolimento del sistema politico italiano?

Ospiti in studio: Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, Federico Rampini, giornalista di Repubblica, Marcello Sorgi, editorialista de La Stampa e Marco Travaglio.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter