La prova del cuoco – Puntata del 17/12/2013 – Il primo di Barzetti ed il secondo di Ribaldone. Cattelani vs Moroni.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 17 dicembre 2013, con Antonella Clerici.

c3

Anteprima con Marco Di Buono, che illustra il menu della puntata odierna: la rivincita di Anna, la ricetta di Sergio Barzetti, l’arrosto di Andrea Ribaldone, i consigli di Carlo Cambi, la ricetta di Antonella e ovviamente la gara. L’Istituto Alberghiero di Caserta affolla gli spalti ed accoglie festosamente Antonella, che annuncia una “puntata piena, piena, piena di cose“. La prima ‘cosa‘ è Anna contro tutte, che vede la veterana delle maestre in cucina, Annina Moroni, impegnata in una sfida all’ultimo gnocco fritto con Natalia Cattelani, anch’ella amatissima protagonista de La prova del cuoco. A Federico Quaranta, indeciso sul privilegiare lo gnocco, il gnocco o la gnocca (!), il compito di giudicare le due proposte.

c1

Natalia propone la ricetta tradizionale del gnocco fritto: impastiamo la farina con il latte, poca acqua e 2 noci di strutto. Stendiamo l’impasto, aiutandoci con la farina. Ricaviamo dei quadratoni e li tuffiamo nello strutto già a temperatura. Saliamo gli gnocchi una volta cotti. Accompagniamo a salumi e formaggi morbidi, ma anche con la nutella.

c4

Anna propone una variante, utilizzando lo stesso impasto: la torta fritta di Cremona. Impasta, allo stesso modo di Natalia, la farina con lo strutto, l’acqua, lo zucchero ed il lievito di birra (non usa il latte, a differenza della rivale).

c2

Stendiamo l’impasto, aiutandoci con la farina. Ricaviamo dei quadratoni e li tuffiamo nello strutto già a temperatura. Anna, in particolare, tra due sfoglie di gnocco, prima di friggerle, mette del prosciutto cotto. Saliamo gli gnocchi una volta cotti. Accompagniamo a salumi e formaggi morbidi, ma anche con la nutella.

c5

Antonella e Federico hanno divorato le due proposte, quindi hanno incoronato Natalia Cattelani vincitrice del confronto.

Frutta secca fa Natale“; Antonella raggiunge Carlo Cambi, che parla della frutta secca, quest’oggi. Raccomanda di consumarla tutto l’anno, poichè aiuta a mantenere basso il livello di colesterolo; tuttavia, meglio mangiarla lontano dai pasti (al mattino o al pomeriggio). Sergio Barzetti apre pagina 68 del nuovo libro de La prova del cuoco e trova la ricetta del risotto alla birra e grana.

c10

Ingredienti per 6 persone: 420 g di riso carnaroli, 1 patata, 330 ml di birra cruda artigianale, 100 g di nocciole, 100 g di mandorle con la pelle, 80 g di gherigli di noce, 50 g di pistacchi, 100 g di grana grattugiato , 1 scalogno, brodo vegetale, 2 foglie d’alloro, 1 noce di burro, sale.

Tritare lo scalogno. Con l’aiuto di un frullatore, sminuzzate la frutta secca e tenere da parte, rosolare lo scalogno in una casseruola con una noce di burro e due foglie di alloro, aggiungere il riso e farlo tostare per 3 minuti. Sfumare con metà della birra e lasciare evaporare completamente. Salare, bagnare con il brodo, aggiungere la patata sbucciata e grattugiata grossolanamente e portare a cottura, mescolando ed aggiungendo altro brodo, la restante birra di tanto in tanto e una spolverata di frutta secca frullata. A fine cottura lasciare riposare per qualche minuto, mantecare con una noce di burro e parmigiano e servire all’onda, guarnendo con frutta secca.

c7

Da un grande primo, ad un grande arrosto“; Andrea Ribaldone trasloca dal giovedì al martedì e propone un sontuoso arrosto di manzo natalizio.

c11

Disossiamo lo stinco di manzo (lo stesso taglia che usereste per l’ossobuco). Scaldiamo un filo d’olio in padella e vi facciamo rosolare la carne su tutti i lati. Trasferiamo in una pirofila; mettiamo il vino, quindi il cioccolato fondente (non troppo dolce; extra fondente), i fichi secchi tagliati a rondelle, un pizzico di sale ed inforniamo per almeno 2 ore (!). Tagliamo i topinambur grossolanamente e li mettiamo in un pentolino con un filo d’olio evo ed un goccio d’acqua; lasciamo stufare, quindi li frulliamo con un mixer ad immersione. Mettiamo gli altri due topinambur in una pirofila, con un goccio d’olio ed il sale; inforniamo per 30 minuti. Impiattiamo: crema di topinambur alla base, topinambur cotti al forno, le fette del nostro arrosto, il fondo di cottura e degli spinaci freschi.

c6

Antonella, con un po’ d’apprensione, raggiunge il suo angolo di studio: “non sono una grande cuoca, ma me la cavo…“. La conduttrice prepara la ricetta contenuta a pagina 328 di Tutti a tavola!, la dedica a Roberto Bolle, l’étoile, che ha mostrato di apprezzare questo piatto… quale? Tartare di tonno con sedano e agrumi.

c8 - Copia

Tagliamo il tonno a cubettini, insieme al sedano; tritiamo il prezzemolo ed il timo. Ricaviamo il succo dall’arancia e da metà limone. Antonella consiglia di tenere il tonno in freezer per almeno 36 ore, prima di utilizzarlo. Condiamo il tonno con il succo degli agrumi, sale, pepe ed olio. Uniamo sedano, prezzemolo e timo. Possiamo arricchire con un goccio di senape. Guarniamo a piacere con spinaci crudi, timo e quant’altro è di nostro gusto.

c8

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter