La prova del cuoco – Puntata del 10/01/2014 – Superchef, Messeri, Pascucci e…

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 10 gennaio 2014, con Antonella Clerici.

c4

Nell’anteprima, Marco Di Buono rivela il menu della puntata odierna: il torneo Superchef con Davide Scabin, la ricetta di Luisanna Messeri, il piatto a base di pesce di Gianfranco Pascucci, i consigli di Augusto Tocci e la gara finale. Giro più corto (manca un pezzo di scena), Antonella arriva in anticipo, da Marco; ma Davide Scabin già ne richiede la presenza al suo fianco. Nuova gara, all’interno del torneo dedicato ai Superchef: a confrontarsi, quest’oggi, Diego Bongiovanni, che prepara i lecca lecca con la carne, le caramelle con patate e le microsfere di ketchup; e Pietro Famengo, che cucina un canederlo di manzo scomposto. Il tema, l’avrete capito, è la carne macinata.

c7

Il livello si alza, spiega Scabin, dunque cambia anche la modalità di giudizio: lo chef potrà attribuire un punteggio che va da 1 a 10 a ciascun concorrente. Diego e Pietro appaiono più disinvolti e preparati: l’uno ‘ridondante‘, osserva Antonella, l’altro ‘minimalista‘. Chi sceglierà Scabin? Tutto dipenderà dall’assaggio.

Scabin, finalmente, si pronuncia: problema di cottura per Pietro, di cui però apprezza l’idea, il progetto; un po’ troppo unto il piatto di Diego. Dunque, 5 a Pietro, 7 a Diego.

Non c’è la “ballerina preferita” da Antonella, Alessandra Spisni, ma c’è la sua “brociona preferita“, la toscana Luisanna Messeri, che anche quest’oggi propone una delle ricette del mitico Artusi, padre della cucina italiana. La cuoca brociona prepara un contorno, che può anche fungere secondo piatto, la frittata in riccioli per contorno.

c1

Ingredienti: 300 g di spinaci, 3 uova, una noce di burro, una manciata di grana grattugiato, olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

Luisanna riapre l’antica diatriba con Bigazzi: la frittata si gira o non si gira? Luisanna la gira, Beppe sostiene di no… Veniamo alla ricetta: lavare gli spinaci e appena scolati cuocerli 5 minuti, strizzarli e passarli allo staccio. Sbattere le uova con un pizzico di sale e pepe. Mescolare le uova e la verdura. Mettere sul fuoco una padellina antiaderente unta con un filo d’olio e cuocere una parte di composto girando la padellina per ogni verso finché la frittatina riesca sottile come un foglio di carta. Quando sarà ben assodata ed asciutta rigiratela e poi levatela dalla padella e tenetela da parte. Ripetere l’operazione fino al consumo totale. Prendere le frittatine arrotolarle insieme, tagliarle finemente a forma di taglierini e rimetterle in padella con un pezzettino di burro e una spolverata di parmigiano.
Serve per contorno al fricandò. Si può mangiare condito con una cucchiaiata di sugo al pomodoro.

c2

In studio arrivano gli gnomi… anzi, lo gnomo: Augusto Tocci. Oggi, l’abitante del sottobosco parla dei cavoli; “ma allora i bambini nascono veramente sotto i cavoli?!“, osserva sorpresa Antonella. Augusto prepara i fagotti di cavolo.

c8 - Copia

Sbollentiamo le foglie di cavolo in acqua per 10 minuti circa; tritiamo della carne già cotta ed avanzata (arrosto, lesso o altro), la condiamo con parmigiano grattugiato, la ammorbidiamo con della mollica di pane ammollata nel latte ed un uovo; impastiamo e mettiamo una pallina del composto ottenuto all’interno di una foglia di verza; la ripieghiamo, fissandola con una fogliolina di giunco; tuffiamo il fagotto in brodo di carne; serviamo il fagotto con delle mestolate di brodo.

c3

Venerdì pesce, con lo chef stellato Gianfranco Pascucci. Protagonista del piatto odierno, la razza, che ad Antonella fa “un po’ impressione…“. Gianfranco, in particolare, usa l’arzilla: consiglia di comprarla già pulita, altrimenti, dovrete privarla della pelle, aiutandovi con uno straccio o dei guanti, poichè la pelle è dura e ruvida; ricavatene dei filetti.

c8

Scaldiamo un filo d’olio in padella, vi sciogliamo un’acciughina e mettiamo a rosolare l’arzilla; aggiungiamo capperi e pinoli, quindi saliamo. Facciamo dorare su entrambi i lati. Prepariamo un’insalata con spinaci crudi, lamponi, menta, popcorn, bottarga ed un filo d’olio. Serviamo l’arzilla con l’insalata ed un filo di aceto balsamico.

c5