Voyager – Puntata del 13/01/2014 – Anticipazioni e temi.

Voyager, la quarta puntata speciale del 13 gennaio 2014 – I temi e le anticipaizoni dei servizi trattati.

voyager2

Quarta puntata speciale, questa sera in prima serata su Raidue, di Voyager – Ai confini della conoscenza, il programma di divulgazione ideato e condotto da Roberto Giacobbo. Sono cinque le puntate speciali che ci torneranno utili per tentare di rispondere alle domande che da sempre interrogano l’uomo: Il nostro pianeta nasconde ancora dei segreti? La Terra è l’unico luogo abitato dell’Universo? Quali tecnologie che non riusciamo nemmeno a immaginare sono già state inventate? E quale futuro è già entrato nel nostro presente? Il nostro destino è già tutto scritto? C’è qualcosa che va al di là dei nostri sensi e della vita stessa?

Nel primo speciale Roberto Giacobbo ha fatto un’indagine sulla storia di Gesù di Nazareth direttamente dalla Terra Santa, alla ricerca dei luoghi in cui, al di là della tradizione religiosa, il Cristo ha realmente vissuto e predicato duemila anni fa; nella seconda puntata speciale si è indagato sulla scoperta di una base militare sotterranea abbandonata di cui nessuno, fino a poco tempo fa, conosceva l’esistenza; la scorsa puntata si è parlato dal CERN di Ginevra.

Anche nella quarta puntata in onda stasera tante le indagini sui temi della scienza, della storia e dell’attualità, commentate dalla viva voce dei protagonisti e dei testimoni che le hanno vissute in prima persona.  Ospiti del programma Enrico Facco, professore di Anestesiologia e Rianimazione presso l’Università di Padova; Andrea Rigoni, esperto di sicurezza informatica, e il Prof. Andrea Ballabio, genetista. Questi i principali temi: esiste un legame speciale tra due fratelli gemelli, un legame che va al di là dello spazio e del tempo?

E inoltre: un pirata informatico può arrivare a dirottare un aereo senza salirci a bordo, semplicemente utilizzando un computer? Infine: è possibile inibire il dolore senza l’uso di farmaci, affidandosi solo al potere della nostra mente?