La prova del cuoco – Puntata del 23/01/2014 – Campanile, ricetta di Luisanna Messeri, il dolce di Annina, le sorelle Landra.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 23 gennaio 2014, con Antonella Clerici.

pdc1

Marco Di Buono rivela il menu della puntata: il Campanile italiano con Beppe Bigazzi, la ricetta di Luisanna Messeri, l’impiattamento della sorelle Landra, il dolce di Anna Moroni e ovviamente la gara finale. Con lui, nell’anteprima, le sorelle Landra, che danno consigli sul brodo, ossia di prepararlo immergendo la carne in acqua fredda, ovviamente aromatizzata con sedano, carota e cipolla. Sigla ed ecco Antonella che raggiunge Marco e commenta Unomattina con Lorella Landi, in cui hanno parlato del suo Festival di Sanremo del 2010, ricordando la magica sigla utilizzata anche quest’anno per il vincitore di XFactor, Michele Bravi. Marco le chiede se tornerebbe a Sanremo. “Chissà, in futuro, quando avrò qualcosa da dire…”.

pdc1

I saluti al pubblico e subito da Beppe Bigazzi, pronto a narrare le gesta dei concorrenti del Campanile italiano. A confrontarsi oggi i campioni del Friuli Venezia Giulia, Udine rappresentati da marito e moglie alle prese con la  pizza di patate e la minestra di tegoline, contro gli sfidanti di Melfi, Potenza ossia la Basilicata, rappresentata da due fratelli giovanissimi alle prese con la panzetta di agnello ripieno alla lucana e il pancotto ripieno alle rape.

pdc2

Beppe e Antonella si alternano quindi nelle due cucine per parlare con i concorrenti, seguirne i procedimenti e raccontare curiosità, aneddoti e tradizioni sui prodotti tipici dei loro luoghi. Il pubblico, tramite il televoto, decreta che a vincere siano i campioni del Friuli con il 60% di preferenze.

pdc2

Antonella raggiunge la sua rossa brociona preferita, ossia la simpaticissima Luisanna Messeri che, questa volta, per la rubrica C’era una volta, rispolvera una classica ricetta dell’Artusi proponendo le rotelle di palombo fritte in salsa.

pdc1

Tagliamo a rotelle un pezzo di palombo, mettiamo a marinare nell’uovo sbattuto e poi le impaniamo due volte passandole nel pangrattato e nell’uovo e poi friggiamo in abbondante olio. Prepariamo il sugo sciogliendo in una padella il burro, uniamo un cucchiaio di farina e aglio schiacciato, facciamo soffriggere aggiungendo un goccio di olio e il prezzemolo tritato, poi uniamo la passata di pomodoro e facciamo cuocere una decina di minuti. Serviamo le rotelle di pesce fritto con il sugo fatto e infine spolveriamo con il parmigiano grattugiato. Buon appetito!

pdc3

Anna Moroni arriva a proporre agli spettatori un altro dolce di casa sua, una lezione di pasticceria casalinga che oggi prevede la preparazione delle frittelle di banane.

pdc1

Tagliamo le banane a rondelle e uniamo lo zenzero grattugiato, in modo che si insaporiscano (o in alternativa un po’ di succo di limone). Facciamo la pastella con la farina, il latte, lo zucchero, il burro fuso e un quarto di cubetto di lievito di birra; la facciamo riposare circa mezz’ora, in modo che lieviti. Una volta lievitata, uniamo due albumi montati a neve e amalgamiamo.

pdc3

Immergiamo le fette di banane nella pastella e le friggiamo in abbondante olio, fino a quando sono belle dorate. Spolveriamo poi di zucchero a velo o di cioccolato fuso e… buon appetito!

pdc2

Antonella diventa la “terza sorella“, raggiungendo le ormai mitiche sorelle Landra che, per la loro rubrica “Ti impiatto il piatto“, presentano il filetto di vitello lardellato con purea di patate ai tre colori.

pdc1

Facciamo bollire le patate, le sbucciamo e le schiacciamo, mettiamo in una pentola e uniamo un po’ di latte e burro e facciamo il classico purè. Dividiamo il composto in tre parti: in una uniamo del concentrato di pomodoro, nell’altra dello zafferano e l’ultima la lasciamo così mettendo sopra della granella di pistacchi tritati. Puliamo il pezzo di vitello, facciamo dei buchi e lo lardelliamo inserendo quindi nei buchi il lardo tagliato finemente.

pdc2

Lo facciamo rosolare in una padella con un goccio di olio, sfumiamo con il vino rosso e poi uniamo le varie erbe tritate e una foglia di alloro, un po’ di cannella e lasciamo cuocere circa 20 minuti. Una volta pronto lo mettiamo nella carta e lo tagliamo a fette. Prendiamo i pomodori, li buchiamo con uno stuzzicadente e mettiamo in forno a stufare. In una padella mettiamo gli spinaci a sudare con un pochino di burro. Stendiamo col mattarello del pane da tramezzino e tagliamo dei dichetti che mettiamo in dei pirottini da muffin e inforniamo qualche minuto.

pdc3

Filtriamo le erbe dal fondo di cottura del filetto e uniamo della farina sciolta con acqua in modo da raddensare la salsa. Impiattiamo, mettendo un letto di spinaci, sopra i cestini di pane in cui inseriamo una fettina di filetto e sopra in ognuno un pochino di purè che mettiamo usando il sacco a poche e alternando i colori. Uniamo a lato i pomodorini e buon appetito!

pdc4