Il Segreto: le trame dal 5 al 10 maggio 2014; mercoledì anche in prima serata – Anticipazioni

Le anticipazioni de “Il Segreto”, la soap opera di Canale5, nella settimana che va dal 5 al 10 maggio 2014. Le trame nel dettaglio.

se2

Ecco le trame delle puntate de Il Segreto, la soap opera di Canale5, in onda da lunedì 5 a venerdì 9 maggio alle 16:15, sabato 10 maggio alle 15:25 e anche in prima serata mercoledì 7 maggio alle 21:10 con un appuntamento lungo 2 ore. Dunque, come consuetudine, vi anticipiamo quanto vedrete nella prossima settimana de Il Segreto.

Pepa e Tristan decidono di partire insieme per indagare su quello che riguarda il testamento di Agueda, ma per farlo dovranno raccontare delle bugie che rischiano di venire alla luce. A casa Miranar si acclama il miracolo, infatti Hipolito sostiene che il Frassino centenario di Puente Viejo abbia poteri guaritivi e che debba essere consacrato come luogo sacro. L’idea viene rifiutata da Dolores, ma sostenuta da Pedro. Alla villa, Rosario si scontra con Emilia. Pepa e Tristan fingono di partire separatamente per due viaggi distinti, invece partono insieme per andare a Santa Marta e parlare con il notaio che ha redatto il testamento di Agueda. Tristan confessa a Pepa di essere geloso di Zamalloa, ma lei lo tranquillizza dicendo che tra loro non c’è niente. Emilia e Rosario discutono perché Rosario si è lamentata del lavoro di Emilia. Alfonso è preoccupato per la sua situazione con Emilia e manda Don Anselmo ad intercedere presso la ragazza, che però non vuole sentire ragioni. Mariana è turbata da diversi giorni ed Enriqueta la convince a raccontare la verità: la ragazza, fidandosi ingenuamente di Lucio, l’ha seguito a La Puebla, dove lui le ha proposto di lavorare come prostituta cercando anche di violentarla. Pedro decide di mandare una lettera al vescovo per parlargli del miracolo avvenuto al frassino centenario. Mentre Hipolito si reca ad inviare la lettera, viene fermato da Don Anselmo che legge la missiva e si arrabbia.

In seguito il prete va da Pedro e Dolores dicendo loro di lasciar stare quella storia sui miracoli e comunica che il vescovo lo ha trasferito in un’altra parrocchia. Pepa e Tristan sono a Santa Marta per chiarire alcuni dubbi, scoprendo che Olmo, qualche giorno dopo la morte di Agueda, si era finto il segretario della defunta e aveva fatto modificare il testamento diseredando Pepa. Soledad non sa più quello che prova per Olmo. Dopo una discussione, Alfonso ed Emilia fanno pace. Mariana continua ad essere arrabbiata con Paquito. Tra Paquito e la farmacista c’è un clima ambiguo di cui si accorge Enriqueta, ma Paquito la obbliga a non farne parola con nessuno. Don Anselmo ha ricevuto una lettera di trasferimento. Dopo che Hipolito e Pedro hanno informato donna Francisca, quest’ultima fa convocare il prete e lo informa che farà il possibile affinché lui rimanga a Puente Viejo. Pepa e Tristan dormono insieme a casa del notaio; Gregoria e Zamalloa ne sono contrariati ma il viaggio si è rivelato fruttuoso: forse è stata trovata una prova decisiva. Francisca chiama Emilia per chiederle di tornare al suo servizio, ma la sua improvvisa gentilezza nasconde ben altro. Soledad si lascia sfuggire una frase ambigua con Tristan, il quale a quel punto preme per sapere quello che la ragazza sa sulla morte di Agueda. Donna Francisca chiede a Pepa di convincere Emilia a ritornare a lavorare alla tenuta. Soledad, complice di Olmo, è sempre più nervosa e capisce che Tristan ha dei sospetti.

Gregoria teme che Tristan e Pepa si riavvicinino a livello sentimentale. Mariana ha paura per via delle molestie di Lucio. Pepa e Tristan si chiedono come mai Zamalloa non sia ancora tornato dal suo viaggio. Inoltre Tristan è in ansia per Pepa, temendo che possa capitarle qualcosa di male a causa di Olmo. Don Anselmo chiede a Donna Francisca di confessare che Tristan non è figlio di Castro in modo che possa vivere la sua storia d’amore con Pepa, ma la matrona si rifiuta. Juan e Alfonso, dopo quello che è accaduto tra Mariana e Lucio alla locanda, fanno un patto affinché ognuno di loro taccia la verità a chiunque per sempre. Zamalloa rivela a Tristan e a Pepa che a La Puebla ha trovato il notaio morto. Pepa a quel punto è sconfortata e decide di allontanare definitivamente Tristan. Emilia ed Alfonso litigano: l’uomo, infatti, ha impegnato altrove i soldi che servono per comprare la culla del bambino senza avvisare la moglie e non vuole dirle per cosa li ha usati. I sospetti di Raimundo si fanno sempre più forti tanto da infastidire Juan. Mariana non smette di stare male per quello che è successo. Zamalloa affronta Olmo che, insieme a Soledad, cerca di scoprire dove sia stato l’investigatore. Hipolito intende cambiare religione e cerca di convincere il padre, ma Dolores non vuole sentirne parlare. Alla porta dell’ambulatorio si presenta un signore che Gregoria sembra conoscere.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter