La prova del cuoco – Puntata del 11/10/2014 – Ricetta della domenica, Natalia Cattelani, nonno&nipote.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 11 ottobre 2014, con Antonella Clerici.

pdc2

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. La puntata è un collage di spazi con nuovi ricette condotti alternativamente da Marco Di Buono e Lorenzo Branchetti e dalle ricette migliori della settimana.

pdc1

Marco Di Buono è in compagnia di Annina Moroni, pronta per la sua ricetta della domenica. La cuoca eugubina oggi propone un piatto completo: i nidi di paglia e fieno con polpettine ripiene.

Ingredienti:

  • Per la pasta paglia e fieno: 200 g di farina, 150 g di farina di grano duro, 4 uova, 50 g di spinaci lessati e strizzati
  • Per le polpettine: 300 g di macinato misto, 3 uova, 1 scamorza, 50 g di grana grattugiato, 2 fette di pane in cassetta, 1 bicchiere di latte, prezzemolo, 600 g di passata di pomodoro, 1 cipolla, basilico, 2 spicchio di aglio, olio extravergine di oliva, sale e pepe qb

pdc1

In una ciotola mettiamo il macinato di carne, uniamo un uovo intero e un rosso, uniamo il formaggio grana, il prezzemolo tagliato finemente, il pane in cassetta ammollato nel latte e strizzato e impastiamo bene con le mani. Una volta impastato tutto, formiamo con le mani con un pochino di composto alla volta delle polpette, dentro ad ognuna mettiamo un pezzetto di provola e le chiudiamo ancora ottenendo così le polpette ripiene. Facciamo uil sugo scaldando in una padella un goccio di olio con la cipolla tagliata a pezzetti, uniamo la passata di pomodoro e facciamo cuocere per qualche minuto, uniamo poi le polpette nel sugo e le facciamo ben cuocere.

pdc2

Prepariamo la pasta impastiamo le farine con le uova, a metà composto poi aggiungiamo gli spinaci lessati, strizzati e sminuzzati e impastiamo ancora. Stendiamo le due sfoglie col mattarello o con la macchinetta apposita, ne ritagliamo delle tagliatelle sottilissime, la cosiddetta pasta paglia e fieno che poi lessiamo in acqua bollente e salata. La scoliamo e la condiamo con il sugo di pomodoro e amalgamiamo. Formiamo dei nidi che mettiamo in una pirofila, dentro ad ogni nido mettiamo una polpetta ripiena con un pochino di sugo di pomodoro e inforniamo a gratinare per 10 minuti a 180°. Buon appetito.

pdc3

Lorenzo Branchetti conduce lo spazio dedicato alla maestra in cucina che, come ormai da tradizione, quello della giornata del sabato è di Natalia Cattelani, per la rubrica Cucina in famiglia. La cuoca oggi propone un piatto particolare, il farro alla cantonese.

Ingredienti:

  • 200 g di farro, 200 g di petto di polli, 2 cipollotti freschi, mezzo peperone rosso, 100 g di piselli, 100 g di fagiolini verdi, 3 uova, olio extravergine di oliva, sale qb

pdc3

Lessiamo il farro, prima si mlava bene sotto l’acqua fredda poi si mette a cuocere in una pentola sempre con l’acqua fredda che poi va portata a bollore, ci vuole parecchio tempo per la cottura. In una pentola scaldiamo un goccio di olio, uniamo i cipollotti tagliati a pezzettoni, il petto di pollo tagliato a dadini molto piccoli e facciamo cuocere qualche minuto mescolando spesso.

pdc2

Poi uniamo anche il peperone tagliato a dadini piccoli (o in alternativa a piacere qualsiasi altra verdura di stagione), infine uniamo anche i piselli e i fagiolini, precedentemente sbollentati, e facciamo insaporire qualche minuto. Mettiamo tutto il composto fatto in una ciotola. Nela stessa padella di cottura di verdure e pollo mettiamo un gocci di olio, versiamo le tre uova che prima sbattiamo e quando inizia a cuocere, ossia si sta addensando, versiamo il farro ed amalgamiamo in modo che l’uovo si straccia. Uniamo quindi anche tutto il composto di verdure e pollo e amalgamiamo bene facendo insaporire. Impiattiamo e …buon appetito!

pdc1

E’ il momento del dolce, quello per Marco di immergersi nelle golosità di puntata, e oggi c’è un latro debutto nel cast del programa. Si tratta di Andrea De Bellis, uno dei giovani maestri pasticceri in ascesa del panorama nazionale. Andrea ha una storia personale curiosa: dopo quasi dieci anni passati tra Napoli e Roma nella Polizia di Stato, inizia a seguire stage presso i più grandi pasticceri europei, del calibro di Paco Torreblanca e Ferran Adrià, tra Spagna e Francia. Lasciando il corpo di Polizia e dedicandosi anima e corpo a quella che da sempre e’ stata la sua vera passione ha scalato, in breve tempo, la vetta del successo diventando uno dei pasticceri più apprezzati in Italia.Il pasticcere propone una tartelletta friabile alla vaniglia con chantilly e lamponi.

pdc2

Iniziamo facendo la frolla della tartelletta e in una ciotola mettiamo della farina, zucchero a velo, burro ammorbidito, fecola di patate e un pizzico di sale, rimandando per le dosi esatte alle varie ricette fatte a Dolci dopo il Tiggì, qualche semino di bacca di vaniglia e lavoriamo bene tutto l’impasto con la punta della dita, poi una volta che l’impasto è omogeneo lo trasfermiamo su un anello di acciaio, stendiamo irregolarmente e inforniamo a 160° per circa 30 minuti. Facciamo la crema chantilly montando con le fruste elettrice 500 g di panna, 100 g di zucchero, 250 g di mascarpone, prima montando a bassa velocità e poi aumentando in modo che sia tutto montato a neve, poi mettiamo tutto in un sacco a poche.

pdc3

Misceliamo ora della classica crema pasticcera con un vasetto di yogurt magro, mettiamo in un sacco a poche e poi a raffreddare in frigorifero. Mettiamo sopra la tartelletta la crema pasticcera alo yogurt messa al centro a spirale, decoriamo i lati con la crema chantilly a ciuffi. Decoriamo con i lamponi, spolveriamo di zucchero a velo. Buon appetito.

pdc1

Infine, dopo i tre spazi “nuovi” alternati dal meglio delle ricette delle ultime puntate, ecco Nonno&Nipote, ossia Augusto Tocci, lo gnomo per eccellenza, insieme a Lorenzo Branchetti. Augusto anche stavolta fa da Cicerone al giovane Lorenzo svelandogli i segreti del bosco. Oggi Augusto ci parla del bosco delle castagne, prodotto tipico di questo mese. Una varietà di castagne è quella dei marroni, sono più dolci e hanno un colore più acceso. Di castagne ce ne sono di diversi tipi, cambia leggermente la forma e la colorazione. Augusto fa bollire le castagne, le ballorre, mettendo anche un po’ di finocchio selvatico, mentre i marroni si possono bollire dopo averli sbucciati. Un altro modo per cucinare le castagne sono le classiche caldarroste. Con delle caldarroste Augusto ne mette un po’ in una padella, aggiunge un po’ di zucchero, un goccio di grappa e dà fuoco con un fiammifero per fare evaporare l’alcool. Quando ha finito di bruciare le mangiamo e sono una bontà.

pdc1

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter