Servizio Pubblico – Puntata del 23/10/2014 – Anticipazioni, temi e ospiti.

Anticipazioni, temi ed ospiti della puntata di Servizio Pubblico in onda, su La7, il 23 ottobre 2014.

s1

Marco Travaglio ci sarà. Ad una settimana dallo ‘scazzo in diretta‘ tra il giornalista e Michele Santoro, a Servizio Pubblico, il temibile editorialista de Il Fatto ricompare in video, al fianco del fido collaboratore.  Lo stesso Travaglio, infatti, ha chiarito le ragioni dell’acceso confronto con il sodale: “Semplicemente non condividevo le strampalate e incomprensibili contestazioni dell”angelo’ (che non mi ha posto alcuna domanda) e mi ostinavo a ribattere alle spudorate provocazioni di Burlando“. Quindi, ha sbagliato Urbano Cairo a “credere che io me ne sia andato dallo studio di Servizio Pubblico perché non volevo che l”angelo del fango’ mi ‘facesse domande’ e che il governatore Burlando ‘dicesse la sua’; e che tutto sia nato dal fatto che io e Santoro abbiamo ‘un diverso modo di vedere la politica grillina’“, infatti “non c’entra una beneamata mazza e non ho mai chiesto di zittire qualcuno“. Dunque, la premiata ditta Santoro – Travaglio non si sciogle, almeno fino al 13 novembre, data in cui Servizio Pubblico cederà il passo al neonato Announo.

Veniamo, dunque, alla puntata di Servizio Pubblico, dal titolo “Fuori!“, in onda questa sera, su La7Nelle stesse ore in cui il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, definiva “un fatto di civiltà” dare la cittadinanza italiana in modo più rapido ai bambini stranieri – che studiano e conoscono le nostre tradizioni – annunciando un disegno di legge sul tema per fine anno, la Lega Nord al grido di “Stop all’invasione” riempiva le strade e le piazze di Milano, chiedendo di fermare l’arrivo di nuovi immigrati in Italia. In questi ultimi anni di crisi economica, nel nostro Paese molte aziende hanno chiuso o sono in difficoltà: nei giorni scorsi, a Terni, si sono fermati i lavoratori delle Acciaierie Ast, Thyssenkrupp, perché l’azienda vorrebbe mettere in mobilità 537 lavoratori. E con l’aumento della disoccupazione sembra che una parte crescente della popolazione del nostro Paese, in difficoltà, veda negli stranieri un pericolo. E’ davvero così, la crisi economica c’entra? E la soluzione quale dovrà essere: respingerli? O, al contrario, ampliare i diritti di tutti?

Tra gli ospiti, Simona Bonafè, eurodeputato del Partito democratico, Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, e Mario Borghezio, parlamentare europeo della Lega Nord.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter