La prova del cuoco – Puntata del 18/12/2014 – “Campanile italiano”, Spisni, Moroni e tante altre ricette.

“La prova del cuoco”: la diretta e le ricette della puntata del 18 dicembre 2014, con Antonella Clerici.

c2

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

La cucina della pasta fresca ha un nome: Alessandra Spisni, che si scatena sulle note dell’ormai classico balletto che la introduce. Come noto, ad Alessandra piace mangiare, e bene, e di certo non ci prepara un piatto dietetico, ma un piatto godurioso, consistente e anche molto allegro alla presentazione, questi infatti sono gli ingredienti di grande successo della cucina della simpaticissima cuoca, che questa volta propone gli gnocchi di semola e tartufo con salsa al prosciutto.

Ingredienti:

  • Per gli gnocchi: ½ l di latte, 130 g di semola, 170 g di farina per sfoglia, un cucchiaio di pasta di tartufo, sale.
  • Per la salsa: 350 g di prosciutto crudo, 1 cucchiaio di strutto, una noce di burro, 80 g di passata di pomodoro, ½ bicchiere di acqua, odore di cipolla, un bicchiere di panna fresca, 1 tartufo, grana grattugiato.

Mettere a bollire il latte con il sale, appena bolle versare a pioggia la farina di semola mescolando velocemente con una frusta per non formare i grumi. Lasciare cuocere mescolando per altri 5 minuti. Versare la “polentina” ottenuta su di un piano liscio e lasciare raffreddare. Appena tiepida, aggiungere la pasta di tartufo (o olio tartufato) ed impastare la farina come se fossero gli gnocchi di patate. L’impasto va lavorato con vigore e deve risultare soffice e compatto. Dividere l’impasto e tagliare gli gnocchi. Lasciare da parte e preparare il condimento. Strofinare un po’ di cipolla sulla base di un tegame; far sciogliere lo strutto con il burro ed aggiungere il prosciutto crudo tagliato a listarelle. Scaldare e poi unire la passata di pomodoro diluita con mezzo bicchiere d’acqua. Cuocere per circa 10 minuti a fuoco basso e scoperto. Aggiungere la panna, correggere sale e pepe. Cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata, scolarli appena salgono a galla e condire con la salsa, spolverare con tartufo e il parmigiano grattugiato e servire.

Accantonati i dolci, che tuttavia torneranno protagonisti nel pomeriggio, con Dolci dopo il Tiggì, Annina Moroni propone le sue frivolezze, degli stuzzichini golosi, perfetti per le cene natalizie: quest’oggi ‘assaggiamo‘ i bignè di granchio.

Ingredienti:

  • Per i bignè: 150 ml di acqua, 60 g di burro, 70 g di farina, 2 uova, olio di semi per friggere.
  • Per il ripieno: 10 g di burro, 1 cipolla piccola, 50 g di semi di finocchio tritati, 150 g di polpa di granchio, scorza di ½ limone, pepe nero macinato, 3 cucchiai di panna acida, 1 tuorlo, 2 cucchiaini di sesamo.

Scaldare il forno a 220°. Per i bignè: scaldare l’acqua e il burro, portare ad ebollizione e togliere dal fuoco. Aggiungere tutta la farina in una sola volta sbattendo energicamente perché la pasta solidifichi. Riportare sul fuoco per qualche secondo, mescolando e formando una palla. Aggiungere le uova una alla volta, per rendere la pasta soffice e lucida. Mettere il composto in un sac a poche con la bocchetta liscia e formare delle palline distanziate sulla placca da forno. Spennellare con il tuorlo d’uovo e cospargere con i semi di sesamo. Cuocere in forno per 15-20 minuti finché i bignè non risultano croccanti e dorati. Lasciare raffreddare.

Per il ripieno: sciogliere il burro in un pentolino, aggiungere la cipolla e i semi di finocchio e scottare per 2 minuti fino a che non si siano appassiti. Togliere il pentolino dal fuoco e mescolare la polpa di granchio, la scorza di limone grattugiata il pepe e la panna finché tutto sia ben amalgamato. Tagliare i bignè a metà e riempirli con il composto. Spolverare con il pepe di Caienna e servire.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter