La prova del cuoco – Puntata del 19/12/2014 – “Mari&Monti” con Ribaldone e Pascucci.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 19 dicembre 2014, con Antonella Clerici.

pdcc5

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. Anteprima con Pascucci intento a spiegare come riconoscere le ostriche fresche: la prima cosa da controllare è che sia chiusa, poi la ciliatura all’interno, una volta aperta, deve essere lucida e ci deve essere anche un po’ di acqua, infine ci deve essere l’odore di mare. Sigla, ecco Antonella, i saluti iniziali di rito, Antonella chiede comprensione visto che sarà in onda tutto il giorno, oggi anche in prime time, e al via con una nuova manche di Superchef.

pdc1

A rischio eliminazione ci sono gli ultimi due in classifica che sono Joseph Miceli,della provincia di Siracusa e  Massimo Scirocco, provincia di Foggia. I due sfidanti non sanno cosa dovranno cucinare visto che avranno a disposizione ingredienti ea sorpresa decisi e portati dallo chef Antony Genovese, il giudice della gara. I tavoli sono coperti da un lungo telo rosso che ne nasconde gli ingredienti. Una volta scoperto i concorrenti hanno un minuto di tempo per osservarli e decidere che cosa preparare.

pdcc2

Si tratta di un piatto semplice ma che richiede attenzione: sono le patatine fritte con una salsa. La difficoltà sta nella scelta della patata giusta, visto che ce ne sono di vari tipi, e ovviamente nella decisione della salsa. Al termine Antony si mette le mani in faccia, è scioccato e deluso, sia per la frittura delle patate che la salsa: Massimo l’ha fatta al curry e non sa di nulla, gli ha servito patate non fritte con l’olio, Joseph ha inventato una salsa su due piedi giusto per accontentarlo. La delusione è totale e dà 4 a Joseph e 3 a Massimo.

pdcc3

Io mangio italiano, la rubrica che vede protagonista Beppe Bigazzi che questa volta parla di torrone, tipico dolce natalizio che piace a tutti. Inizia subito a dire che quello morbido è quello sbagliato. Tutto dipende dalla quantità di miele, più ce ne è e più è friabile e non si attacca ai denti. Si fa da sempre e si produce in tutta Italia. Ce ne sono tanti tipi: ad esempio la cubaita siciliana, contiene anche pistacchi e è coperto da cioccolato, c’è poi la geggolena con i semi di sesamo, c’è il torrone sardo, che è eccellente perchè ha miele straordinario, come quello di corbezzolo o di mirto, ci sono poi i torroncini piccolini campani e così via. Consiglio è leggere bene l’etichetta: il miele deve essere l’ingrediente principale, se un torrone contiene meno miele rispetto allo zucchero, rinunciamo. Attenzione poi anche agli aromi, che devono essere naturali!.

pdcc4

Mari&Monti”, la rubrica che vede impegnati Gianfranco Pascucci e Andrea Ribaldone preparare, rispettivamente, l’uno un piatto di pesce e il secondo un piatto dei monti, della montagna. Gianfranco prepara il baccalà con farina di carrube e verdure.

Ingredienti:

  • 1 trancio medio di baccalà, 2 rapette bianche piccole, prezzemolo, colatura di alici, olio, cavolo nero,  aromi qb.

Tagliamo la rapa a fettine sottili, mettiamo sopra delle foglioline di prezzemolo e un pochino di colatura di alici e le facciamo marinare. Prendiamo un trancio di baccalà e lo mettiamo a scottare a fiamma alta in un pentolino con la parte della pelle verso l’alto con abbondante olio  aglio, alloro, rosmarino e aglio schiacciato, una volta insaporito proseguiamo la cottura a fiamma lenta aggiungendo altro olio per abbassare la temperatura, dopo qualche minuto aggiungiamo un paio di cucchiai di farina di carrube e inforniamo a 70° per 15 minuti.

pdcc6

In una padella antiaderente mettiamo a stufare il cavolo nero con un goccio di olio, lo saltiamo e poi aggiungiamo un po’ di acqua, infine frulliamo ad immersione ottenendo una passata. Serviamo mettendo alla base del piatto la crema di broccolo, al centro sopra il baccalà, grattugiata di buccia di mandarino e limone e le rapette marinate. Buon appetito.

pdcc7

Andrea Ribaldone, invece, per il piatto dei monti, prepara la sua ricetta del cuore per Natale, quella della sua mamma, gli agnolotti al gran ripieno di Natale.

Ingredienti:

  • Per la pasta: 200 g di farina, 3 uova
  • Per il ripieno: 300 g di reale di manzo, 1 cipolla bianca, 1 carota, 50 g di riso, 100 di coste, 50 g di grana grattugiato, 250 ml di vino rosso, olio extravergine di oliva, sale qb
  • Per il brodo: 200 g di infracosta di manzo, 1 coscia di gallina

pdcc9

Per il ripieno dobbiamo usare una buona carne, la parte del collo del manzo, abbastanza grassa ma tenera, la facciamo a tocchetti e la mettiamo in una padella con un goccio di olio, la cipolla e la carota tagliate a pezzetti, la facciamo rosolare piano piano e uniamo le coste o erbette, il riso, perchè darà morbidezza e darà sapore, dopo qualkche minuto sfumiamo con il vino rosso, saliamo, copriamo e facciamo cuocere a fuoco lento per due ore. Una volta ben cotto frulliamo il tutto e uniamo il formaggio grattugiato. Facciamo un buon brodo usando la fracosta di manzo che facciamo cuocere un’oretta, poi facciamo raffreddare, sgrassiamo, togliamo la carne e riportiamo a bollore e uniamo una coscia di gallina e lasciamo cuocere.

pdcc8

Facciamo la sfoglia impastando la farina con le uova, la stendiamo, farciamo con il ripieno fatto e ne ricaviamo gli agnolotti al plin. Lessiamo gli agnolotti in acqua bollente e salata, quindi li scoliamo e li serviamo con a parte il brodo. Buon appetito.

pdcc10

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter