La prova del cuoco – Puntata del 02/02/2015 – Beppe Bigazzi, sfida per Anna Moroni, ricette di Spisni, Mainardi.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 2 febbraio 2015, con Antonella Clerici.

c3

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

La regina delle sfogline, la bolognese Alessandra Spisni, anche oggi si cimenta nella preparazione di un piatto godurioso, consistente e molto allegro alla presentazione, un primo piatto da leccarsi i baffi: le pappardelle al ragù di cinghiale.

Ingredienti per 8 persone:

  • 500 g di farina da sfoglia, 5 uova, 500 g di polpa di cinghiale, 150 g di cipolla bionda, 1 carota, 1 costa di sedano, 75 g di lardo tritato, 250 g di passata di pomodoro, 1 bicchiere di latte, 1 bicchiere di vino bianco secco, sale e pepe macinati.

Impastare le uova con la farina e tirare la sfoglia. Lasciarla asciugare sul tagliere poi piegarla su se stessa senza stringerla troppo e tagliarla a pappardelle. Tagliare la carne a pezzi non troppo piccoli, delle dimensioni di un clementino, e mettere a bagno nel vino per 5 – 8 ore. Passato questo tempo scolare ed asciugare bene dall’eccesso di vino la carne. Tritare la carne di cinghiale al tritacarne, con i fori grandi una volta sola. Preparare un trito grossolano con sedano, carote e cipolle, stufare gli odori in un tegame con bordi alti e dalle dimensioni adatte al quantitativo. Aggiungere la carne, aggiustare di sale e pepe e, sempre mescolando, lasciarla rosolare a fiamma vivace. Bagnare con il latte e continuare la cottura, quando la carne avrà assorbito il latte unire il pomodoro. Lasciare cuocere a fiamma bassa per un’oretta, aggiungendo, in caso poca acqua per volta fino a completare la cottura. Cuocere le pappardelle in abbondante acqua salata, scolare e condire le pappardelle con il ragù di cinghiale. Servire calde.

c4

Andrea Mainardi, per la sua rubrica della cucina nel mondo, oggi ci porta in Russia, preparando il manzo alla Stroganoff, un piatto squisito di origine russa a base di carne di manzo cotta con la cipolla e i funghi. A fine cottura, viene aggiunta la panna acida che conferisce grande carattere al piatto rendendolo corposo e decisamente saporito. Prepariamo quindi la pagnottella alla Stroganoff.

Ingredienti:

  • 1 kg di polpa di manzo, 3 cipolle, 500 g di funghi champignons, 50 g di burro, 100 g di panna acida, olio extravergine di oliva q.b., 1 mazzetto di prezzemolo, ½ bicchiere di Vodka, 50 g di passata di pomodoro, acqua q.b., farina q.b., sale e pepe q.b.
  • Inoltre: 4 ciabatte di pane, 4 patate, ½ l di olio di semi di girasole.

Soffriggiamo la cipolla tritata finemente con metà del burro previsto dalla ricetta. Uniamo i funchi tagliati grossolanamente in padella. Infariniamo la carne a straccetti e la rosoliamo in padella, con l’altra metà del burro. Sfumiamo con la vodka. Lasciamo cuocere per qualche minuto. Uniamo in un’unica padella ed aggiungiamo la panna acida, il pomodoro ed il prezzemolo tritato. Lasciamo sul fuoco per altri 10 minuti. Per le patatine, tagliamo le patate a fiammifero e le friggiamo nell’olio di semi.

c5

La dottoressa Evelina Flachi, come ogni volta, fa sì che una missione impossibile diventi possibile. Ci permette quindi di gustare un piatto elaborato, alleggerendolo nel suo peso calorico, ma senza renderlo meno appetitoso. Prepariamo oggi il risotto allo zafferano.

c2

Ingredienti per 1 persona:

  • 80 g di riso carnaroli, 20 g di cipolla, 5 cc di vino bianco, 10 g di grana grattugiato, 300 cc di brodo vegetale, zafferano, sale e pepe.

Fare un brodo vegetale con la carota, il sedano, cipolla o scalogno. In una casseruola tostare a secco il riso con la cipolla o scalogno tritato. Sfumare con poco vino bianco e continuare la cottura con il brodo vegetale. A fine cottura prelevare un cucchiaio di risotto e frullarlo con poco brodo e con la purea ottenuta mantecare il restante riso dove nel frattempo avrò messo lo zafferano (se gradisco, anche curcuma) diluito con brodo vegetale. Aggiungere il grana grattugiato e sale q.b. ed una macinata di pepe nero.

c1

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter