La prova del cuoco – Puntata del 18 settembre 2015 – Diretta e ricette.

pdc1

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. Anteprima con Antonella alle prese con l’almanacco del giorno, poi la sigla ed ecco l’inizio della puntata. Il proverbio del giorno: “Il giovane cammina più veloce dell’anziano, ma l’anziano conosce la strada“.

pdc2

Il consiglio culinario è di mettere un paio di foglie di lattuga alla abse della vaporiera quando cuociamo le verdure per far si che non si attacchino. I saluti e il via con Chi batterà gli chef?, rubrica che quest’anno ci accompagna tutti i giorni. La coppia in gara questa settimana è formata da due simpatiche donne, suocera e nuora, Mirella e Valentina. Dopo aver vinto solo con il dolce avendo la meglio su Ambra Romani ed aver perso le altre tre puntate, oggi per il loro ultimo giorno di gara cercano di rifarsi sperando di battere Gilberto Rossi.

pdc3

Gli ingredienti a disposizione di oggi, portati dalle signore, sono: rucola, farina, semola, anduja, tonno sbriciolato, cipolla, pomodorini e con essi sia le concorrenti che lo chef propongono i cavatelli ai sapori di Calabria.

Nella puntata del venerdì anche lo chef deve realizzare la stessa ricetta decisa dagli sfidanti. Questo perchè a giudicare la gara è la stessa Antonella che, bendata, assaggia le due proposte senza sapere da chi sono state preparate, quindi non potrebbero esserci due ricette diverse visto che Anto ne segue la preparazione. Ad animare la gara c’è Anna Moroni, che interviene sovente. Antonella mette i suoi occhiali tutti colorati e con somma felicità assaggia i due piatti, la vittoria viene assegnata al piatto dello chef, ha trovato i gusti più evidenziati.

pdc1

Venerdì pesce, quindi Gianfranco Pascucci e la canzoncina della paranza che lo introduce. Oggi prepara gli spaghetti con cozze alla puttanesca. Ad Antonella viene spontanea una domanda: perchè si chiama puttanesca? Una questione di marinai, le viene risposto velocemente bloccando il discorso.

Ingredienti:

  • 300 g di spaghetti
  • per il sugo: 200 g di passata di pomodoro, 100 g di pomodorini, 1 spicchio di aglio, mezzo peperoncino poco piccante, 10 g di alici in olio, olive, capperi, prezzemolo, olio evo qb
  • per le cozze: 1 spicchio di aglio, 300 g di cozze, 3 gambi di prezzemolo, mezzo bicchiere di vino bianco
  • per guarnire: foglie di prezzemolo e ricotta salata.

pdc2

Lessiamo gli spaghetti in acqua bollente e salata. Facciamo il sugo mettendo in una padella antiaderente aglio e peperoncino nella stessa quantità, facciamo rosolare con un goccio di olio, quindi uniamo a sciogliere anche le alici. Aggiungiamo i capperi e un paio di olive, i pomodorini tagliati a pezzetti, amalgamiamo bene, la salsa di pomodoro, sfumiamo con pochissimo vino bianco, un pochino di brodo vegetale e alziamo la fiamma.

pdc3

In un’altra padella antiaderente conn abbondante olio extravergine schiacciamo uno spicchio di aglio, mettiamo i gambi del prezzemolo, uniamo le cozze pulite e facciamo cuocere. Scoliamo gli spaghetti nel sugo di pomodoro, uniamo quindi quello di cozze e facciamo ben mantecare. Impiattiamo e guarniamo con le foglie di prezzemolo e una grattugiata di ricotta salata. Buon appetito.

pdc1

La nuova rubrica fissa del venerdì è Indovina chi viene a pranzo in cui ogni volta viene ospite un cuoco famoso intento a realizzare le sue prelubatezze. Oggi abbiamo un veneziano doc, che sta proprio lì vicino al Ponte di Rialto, abbiamo Mirko Favaretto, che presenta i bakaro tour, gli assaggi tipici del posto, i tradizionali cicchetti. Primo bacaro: un buon salame all’aceto con la polenta, quindi fa scaldare una fetta di salame e una di polenta in padella con un goccio di aceto.

pdc2

Poi abbiamo un cicchetto di pesce con patata cotta, maionese, piovra cotta a pezzetti e messo in un crostino fatto con la pasta da lasagna fritta. Ce ne sono anche tantissimi altri come le scappesante con arancio e caffè, le mozzarelle in carrozza in vari tipi come con acciughe,le verdure, salmone affumicato.

pdc1

Ma sì dai facciamoci un bel panino….Daniele Reponi è già pronto con il pane fresco e bello caldo per confezionare  due tipi dei suoi panini con le sue strepitose inventive. Facciamo il primo usando un pane di grano tenero e lo farciamo con le zucchine tagliate a julienne messe prima sotto sale e condite con scorza di limone e la bottarga di Orbetello che è di cefalo ed erbette tagliuzzate come menta fresca e timo siciliano.

pdc1

Se vogliamo dare anche un tocco di acidità mettiamo anche dei pomodorini tagliati a pezzettini. L’altro panino che è di grano tenero, mettiamo delle fettine di castelmagno piemontese, pancetta stesa fatta diventare croccante prima in padella, fettine di patate cotte al vapore e ripassate in padella dove abbiamo fatto la pancetta e un goccio di miele di acacia. Anna Moroni è curiosa, non solo di osservare ma si offre anche di assaggiare. Che invidia…

pdc2

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro GianPiero Fava con il campione Michele e nel peperone Ivano Ricchebono con la sfidante Mila. Al campione la scelta, tra i due panieri di ingredienti segreti, quello che vuole per la suq squadra. Il tempo di conoscere gli ingredienti e di pensare che cosa realizzare. Fede, Tinto e la Stefanelli, oggi tutti in nero, osservato ed assaggiato il tutto, concordano sul fatto che i piatti siano più belli che buoni. Assegnano la vittoria al peperone, Mila è la nuova campionessa, che vince anche i 500 euro.

pdc1

Ed ora tutti a tavola, e a domani.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter