La prova del cuoco – Puntata del 23 ottobre 2015 – Rotolini di pollo di Anna Moroni, supplì di pesce di Pascucci, galateo, panini di Reponi.

pdc1

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. Breve anteprima con l’almanacco di Antonella, la mini rubrica in cui la nostra conduttrice, che ha appena pubblicato l’omonimo ricettario/agenda, elenca il santo del giorno, il detto e le curiosità legate alla data, la pubblicità, la sigla e l’inizio della puntata.

pdc1

Sulle note della sigla Antonella percorre lo studio e subito raggiunge Anna Moroni, protagonista della ricetta del giorno, stavolta una delle sue ricette sciè sciuè, veloci e golose, con cui sfamare il cast e soprattutto Antonella a fine trasmissione. Oggi, degli involtini goduriosissimi, i rotolini di pollo pancetta e asiago.

Ingredienti:

  • 300 g di petto di pollo a fettine sottili, 12 fette di pancetta, 200 g di asiago, 2 zucchine, 5 cucchiai di olio evo, 1 bicchiere di vino bianco, 2 spicchi di aglio, 2 rametti di timo, 3 foglie di salvia, sale e pepe qb

c4

Battiamo le fettine di carne, in modo da ottenere dei filetti sottilissimi. Spolveriamo le stesse di sale e foglie di timo. Mettiamo da parte. Su un tagliare, disponiamo delle fette di pancetta; sopra ad ognuna di queste mettiamo una fettina sottile di zucchina. Tagliamo le fettine di carne a strisce della larghezza della pancetta e delle zucchine.

pdc2

Disponiamo il pollo sull’affettato e sulle zucchine; mettiamo sopra delle fettine di asiago, quindi arrotoliamo stretti e sigilliamo con uno stuzzicadenti. Cuociamo in padella, con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio, salvia e timo. Copriamo e, poco prima di completare la cottura, sfumiamo col vino bianco.

pdc3

Ultimo giorno in gara per Govanna e Luca, madre e figlio marchigiani protagonisti di Chi batterà gli chef?. Oggi devono cercare di superare il cuoco altoatesino Marcus Holzer. Avendo portato farina. uova, zafferano, funghi porcini, burro, salsiccia, brandy, propongono un primo piatto autunnale, le fettuccine allo zafferano con porcini e salsiccia. Lo chef, essendo giudice del venerdì Antonella bendata, deve obbligatoriamente preparare lo stesso piatto, nello stesso modo proposto dalle sfidanti.

pdc1

E’ il momento per Antonella di indossare i suoi occhialoni scuri all’interno e folcroristici fuori, di assaggiare i due piatti senza sapere da chi sono stati fatti e discegliere il suo preferito. Antonella non ha trovato eccezionali nessuno dei due piatti, uno poi lo ha trovato decisamente troppo salato quindi premia l’altro. A vincere è il piatto degli sfidanti.

pdc2

La canzoncina de la paranza introduce lo chef stellato Gianfranco Pascucci, pronto a proporre uno dei suoi piatti di mare, un classico rivisitato, delle squisite polpette, i supplì alla pescatora.

Ingredienti:

  • Per la panatura: pane grattugiato, acqua, farina
  • Per il risotto: 200 g di riso, 2 kg di mitili (cozze, vongole, lupini, tollino), 300 g di calamari, seppioline, totanelli, 1 spicchio di aglio, 4 gamberi, 4 scampi, qualche gamberetto, 4 pomodorini, prezzemolo, 1 bicchiere di vino bianco.

c6

Per realizzari i supplì, utilizziamo il risotto avanzato: l’importante è che sia al dente. Lasciamo asciugare all’interno di una pirofila e spezziamo i gamberi o, in generale, i pesci che fossero rimasti interi o di dimensioni medio-grandi. In una ciotola, prepariamo la pastella, miscelando farina ed acqua. Quindi, prendiamo il riso ormai freddo e formiamo delle polpette a cui diamo la classica forma allungata del supplì.

pdc4

Immergiamo quest’ultimi nella pastella, quindi passiamo nel pangrattato. Friggiamo in olio caldo e profondo per circa 2 minuti o comunque fino a doratura. Serviamo con la verza sbollentata e condita con una vinagrette.

c5

Andiamo a lezione di galateo dal maestro cerimoniere Alessandro Scorsone che accoglie Antonella ad un tavolo, come fosse quello di un ristorante e ci descrive alcune regole da rispettare.

  • Durante una presentazione l’uomo si alza sempre dal tavolo, la donna invece rimane seduta
  • Il tovagliolo non va mai esposto
  • Alle signore va presentato un menu senza prezzi
  • Il pane sta alla sinistra, mentre il bicchiere alla propria destra
  • La mano non deve toccare il bevante del bicchiere
  • I commensali non devono mai chiedere nè proporre un assaggio
  • Lo stuzzicadenti non va mai nè chiesto nè offerto

pdc3

Daniele Reponi, nella sua rubrica L’Italia in un panino, anche stavolta propone due panini da lui creati, oggi utilizzando come ingrediente principe il guanciale marchigiano stagionato. Per i panini di oggi utilizziamo del pane di grano tenero fatto con acqua aromatizzata alla birra. Il primo panino lo facciamo con fettine di guanciale, quindi lo facciamo scaldare qualche secondo, poi mettiamo della polpa di zucca cotta al forno, fettine di formaggio di capra e dello zenzero. Il secondo, lo facciamo con fettine di guanciale, scaldiamo, mettiamo un uovo sodo tagliato a fettine, pezzettini di pecorino a caglio vegetale, completiamo con gherigli di noci sminuzzate e semi di anice.

pdc4

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Maria De La Paz con il campione Cristian e nel peperone Renato Salvatori con la sfidante Silvana. A Fiorella, essendo la campionessa, la scelta del paniere di ingredienti segreti per la sua squadra, entrambe le squadre scoprono i vari ingredienti, pensano a come utilizzarli e la gara prende il via. La giuria composta come sempre da Fede, Tinto a la Stefanelli ha aprezzato entrambe le squadre, trovando la scelta del pomodoro più obbligata visti gli ingredienti più difficili, ma il peperone è stato davvero straordinario e quindi vince. Fiorella si conferma campionessa, e vince i soldi in palio.

pdc1

Ed ora tutti a tavola, e a domani.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter