La prova del cuoco – Puntata del 25 gennaio 2016 – Luganega con cipolle e formagella, conchiglie con spinaci speck croccante e anacardi, kakiage di pesce e verdure, il benessere con Evelina Flachi.

provac1

Lunedì 25 gennaio 2016, come ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

Pdc8

Breve anteprima con l’almanacco di Antonella, la mini rubrica in cui la nostra conduttrice, che ha da poco pubblicato l’omonimo ricettario/agenda, elenca il santo del giorno, il detto e le curiosità legate alla data, la pubblicità, la sigla e l’inizio della puntata.

c6

La sigla, Antonella arrivata di corsa durante l’anteprima perchè era in ritardo e ha fatto le scale ala velocità della luce, i saluti iniziali ed entriamo nel “mondo diFrancesca Marsetti, la giovane chef entrata nel cast del programma da un paio di edizioni e perennemente in cerca di una dolce metà… difatti, per lei, Antonella ha organizzato un incontro con svariati pretendenti.

Pdc1

Per un attimo, ci è parso di essere ad Uomini e Donne! In cucina, Francesca ha proposto la luganega con cipolle e formagella.

Ingredienti:

  • 800 g di locanica (salsiccia luganega), 400 g di cipolla dorata, 200 ml di vino rosso corposo, 8 foglie di salvia, olio evo
  • Per la polenta: 250 g di farina di polenta, 5 g di sale, 1 l d’acqua, 400 g di formagella di valle, sale e pepe qb

c3

Priviamo la formagella della scorza; tagliamo lo stesso formaggio in pezzi piccoli. Intanto, prepariamo la polenta, facendo cuocere la farina di polenta nell’acqua, con 5 g di sale per 1 ora circa. Tuffiamo il formaggio nella polenta calda e mescoliamo fino a farlo sciogliere completamente; saliamo e pepiamo.

Pdc2

Facciamo appassire, in padella, la cipolla; sfumiamo col vino rosso e lasciamo evaporare. In un’altra padella, cuociamo la salsiccia, fino a farla dorare; uniamo la salsiccia cotta alla cipolla e lasciamo insaporire. Serviamo la polenta calda con la salsiccia.

c5

Una mamma in cucina, Natalia Cattelani, che firma la ricetta del giorno. Circondata da innumerevoli mascherine, la cuoca prepara un primo piatto goloso e nutriente. Ecco la ricetta delle conchiglie con spinaci speck croccante e anacardi.

Ingredienti

  • 500 g di conchiglie rigate, 50 g di spinaci teneri, 50 g di anacardi, 50 g di formaggio grana, 1/2 limone, 200 g di speck, 1 spicchio di aglio, olio extravergine di oliva, sale e pepe, 50 g di grana intero

c4

Cuociamo le conchiglie in acqua bollente e salata. Mettiamo poche fettine di speck su una teglia da forno foderata di carta e inforniamo, in modo da farle diventare croccante. Tagliamo a listarelle lo speck rimanente. In una padella, facciamo scaldare abbondante olio con uno spicchio d’aglio. Dopo qualche minuto, uniamo lo speck e lasciamo insaporire.

Pdc3

In un mixer, mettiamo gli spinaci freschi con gli anacardi, il formaggio ed il succo di limone. Frulliamo, quindi aggiungiamo sale, pepe ed olio evo; frulliamo fino ad ottenere un pesto vellutato. Scoliamo la pasta, che mescoliamo al pesto. Uniamo lo speck e mescoliamo per bene. Serviamo con lo speck croccante.

c7

Torniamo in Giappone, con Hiro Shoda, che anche quest’oggi propone una ricetta nipponica che possa ingolosire anche il pubblico italiano. Oggi, una frittura, delle golose frittelle: kakiage di pesce e verdure.

Ingredienti

  • Per il brodo giapponese: 300 g di acqua naturale, 5 g di alga kombu, 10 g di katsuobushi (fiocchi di tonno essiccato)
  • Per la salsa Tentsuyu: 300 g di brodo giapponese, 80 g di salsa di soia, 80 g di miri (saké dolce)
  • Per la pastella Tempura: 1 uovo intero, 200 g di farina, 300 g di acqua naturale, ghiaccio qb
  • Per frittella Kakiage: 1 capasanta, 2 gamberi rossi, 2 calamari piccoli, 1 cipolla, 1 zucchina, prezzemolo qb, salvia qb, farina qb, sale qb
  • Per la finitura: daikon qb, paprika in polvere qb, té matcha qb

c9

In un pentolino, scaldiamo l’acqua; mettiamo a bagno, nell’acqua, l’alga per circa 10 minuti; trascorso questo tempo, uniamo il tonno essiccato, spegniamo il fuoco e lasciamo in infusione per 10 minuti. Filtriamo il liquido ottenuto e lo mettiamo nuovamente in un pentolino, insieme alla salsa di soia, il miri (sakè dolce) e portiamo a bollore.

c8

Per la pastella di tempura, mettiamo in una ciotola l’acqua naturale fredda; a parte, sbattiamo un uovo; ne versiamo circa metà nell’acqua; mettiamo i cubetti di ghiaccio e, pian piano, uniamo la farina, mescolando. Se si formano dei grumi, non è un problema. Prepariamo il pesce, pulendolo e sfilettandolo. Tagliamo il pesce in pezzi piccoli, lo infariniamo ed uniamo la pastella di tempura.

Pdc3

Allo stesso modo, tagliamo le verdure piccolissime, a filettini, e le uniamo al pesce in pastella, insieme alle erbe aromatiche. Tuffiamo il composto ottenuto, a cucchiaiate, in olio profondo a 160°. Saliamo il fritto solo dopo averlo fatto scolare su carta assorbente. Spolveriamo con paprika e tè matcha. Serviamo con la salsina alla soia e la polpa di daikon tritata e privata dell’acqua in eccesso.

c10

E’ il momento adesso di pensare al benessere e alla salute, ovviamente con la nutrizionista, la Dottoressa Evelina Flachi che questa volta ci aiuta con qualche consiglio in cucina per prevenire tosse, raffreddore e mal di gola.

Pdc4

  • Semaforo rosso, quindi evitare: piatti ad alto concentrato lipidico e i rimedi a base di superalcolici
  • Semaforo giallo, quindi moderazione, a pasti troppo abbondanti e mai saltare i pasti
  • Semaforo verde, quindi via libera, ad agrumi, cavoli, rucola, zucca, carote, cachi, yogurt con probiotici, latte caldo, peperoncino, salvia, curcuma e zenzero.

Pdc5

Un centrifugato ideale, ad esempio, può essere fatto con carota, rucola, arancia, finocchio e o salvia o zenzero.

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Maurizio Altamura con Virginia Palmare e nel peperone Ivano Ricchebono con Gabriella Franchini. Per estrazione si decide chi sceglie tra i due panieri di ingredienti segreti quello che preferisce per la sua squadra, quindi si scoprono gli ingredienti e il via alla gara.

Pec6

I  concorrenti restano in gara una settimana intera, con la possibilità di vincere i 500 euro in palio ad ogni vittoria giornaliera. La giuria composta da Fede, Tinto e eccezionalmente Anna Moroni, osservato e assaggiato tutto, assegna la vittoria al peperone. Il primo punto va quindi a Gabriella, che vince i soldi in palio.

Pdc7

Ed ora tutti a tavola, e a domani.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter