La prova del cuoco – Puntata del 3 febbraio 2016 – Pappardelle al ragù di cinghiale, involtini di cavolo, nocchetti di ricotta con pomodoro e mozzarella, torrone americano.

c9

Mercoledì 3 febbraio 2016,come ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. Breve anteprima con l’almanacco di Antonella, la mini rubrica in cui la nostra conduttrice, autrice dell’omonimo ricettario/agenda, elenca il santo del giorno, il detto e le curiosità legate alla data, la pubblicità, la sigla e l’inizio della puntata.

p1

Ha rischiato di rotolare giù per le scale, ma Antonella, sana e salva, è già pronta ad aprire la valigia di, in modo da scoprire il “mondo di“… ritroviamo all’interno una corda spezzata (come l’ombelico spezzato), un libro d’arte, un cappello da contadino ed un libro di Torquato Tasso… Parliamo di Marco Bottega, uno dei volti più familiari al pubblico de La prova del cuoco, che prepara le pappardelle al ragù di cinghiale.

Ingredienti

  • Per la pasta: 200 g di farina, 3 tuorli, 1 uovo intero
  • Per la marinata: 300 g di polpa di cinghiale (di varie parti), 1 carota, 1/2 cipolla, 1 costa di sedano, fettine di arancia, 500 ml di vino rosso, 1 foglia di alloro, salvia, rosmarino, bacche di ginepro

c4

Partiamo dalla pasta all’uovo, impastando la farina con i tuorli, l’uovo intero ed un pizzico di sale. Ottenuto un panetto omogeneo, lasciamo riposare, avvolta nella pellicola, per 30 minuti almeno. Trascorso questo periodo, tiriamo la sfoglia con il mattarello o la nonna papera e ricaviamo le pappardelle (delle tagliatelle più larghe). Le cuociamo in acqua profonda e salata. Per la marinata, in una ciotola mettiamo il cinghiale con sedano, carota e cipolla tagliati grossolanamente; profumiamo con del rosmarino, delle bacche di ginepro, e degli spicchi d’arancia (mantenendo la buccia). Anneghiamo nel vino rosso.

p2

Lasciamo riposare così la carne per 6-7 ore almeno, coprendo con della pellicola a contatto. Quindi, scoliamo la carne, buttando via la marinatura. In un tegame, rosoliamo il trito di sedano, carota e cipolla con un filo d’olio; facciamo soffriggere. Uniamo la carne di cinghiale a tocchetti e facciamo cuocere per 1 ora almeno; quindi, la tagliamo col coltello, in modo da ottenere il ragù. Scoliamo le pappardelle e le saltiamo in padella con il ragù. Serviamo con una spolverata di formaggio grattugiato.

c3

La ricetta del giorno viene dal passato… o meglio, da Luisanna Messeri, che, nella sua rubrica che ci porta indietro nel tempo, con le ricette del casale del passato, accoglie Antonella con una trombetta di Carnevale. Una ricetta della mitica Petronilla, oggi, quella degli involtini del cavolo.

Ingredienti

  • 1 verza, 2 mazzi di cavolo nero, 300 g di carne già cotta, 200 g di pancetta, 300 g di pane toscano, 1 tazza di latte fresco, 1 spicchio d’aglio, 1 mazzetto di prezzemolo, 100 g di grana, 2 uova, 1 cipolla, concentrato di pomodoro, rosmarino, sale e pepe, olio evo, 300 g di riso basmati per pilaf

c5

Per il riso pilaf, in una terrina, mettiamo il riso con una cipolla puntellata di chiodi di garofano ed il brodo vegetale; copriamo con carta d’alluminio e inforniamo a 180° per 20 minuti. Laviamo le foglie più grandi della verza, privandole della parte inferiore, più dura; le sbollentiamo in acqua (o al vapore). Possiamo scegliere di mettere anche una foglia di cavolo nero, anch’essa sbollentata e sovrapposta alla foglia di verza. Per il ripieno, lavoriamo insieme il pane ammollato nel latte e strizzato, la carne avanzata tritata, dei cubetti di pancetta, parmigiano grattugiato, le uova, il pepe grattugiato.

p3

Mettiamo delle palle di composto al centro delle foglie di verza e copriamo con le estremità delle stesse foglie, sigillando con dello spago alimentare. In un tegame, facciamo soffriggere uno spicchio d’aglio, della cipolla tritata e dei rametti di rosmarino; mettiamo gli involtini, sfumiamo col vino bianco, aggiungiamo il concentrato di pomodoro e lasciamo cuocere, coperto, rigirandoli. Serviamo gli involtini con il riso basmati e del prezzemolo fresco tritato.

c6

Finalmente, è il turno di Anna Moroni, reduce da un pianto a dirotto, per colpa di una cipolla molesta… Annina si lamenta, quindi prepara uno dei suoi sfizi. Prepariamo i gnocchetti di ricotta con pomodoro e mozzarella.

Ingredienti

  • 100 g di farina, 350 g di ricotta mista, 50 g di grana grattugiato, 1 pizzico di noce moscata, 1 cipolla, 1 noce moscata, 1 mozzarella tritata, sale e pepe

c7

Lasciamo scolare la ricotta, quindi la lavoriamo con la farina 0, il parmigiano grattugiato, la noce moscata ed un pizzico di sale. Impastiamo per bene, quindi lasciamo riposare in frigorifero. Stendiamo il panetto ottenuto, infarinando la superfice; ritagliamo delle listarelle, che trasformiamo in serpentelli e, da questi, ricaviamo gli gnocchetti, che passiamo su una forchetta, in modo da renderli rigati (trattengono meglio il sugo).

p4

Intanto, prepariamo il classico sugo di pomdoro, con un generoso trito di cipolla fatto soffriggere con una noce di burro. Quando è quasi pronto, uniamo il fior di latte tritato e mescoliamo. Tuffiamo gli gnocchetti in acqua profonda, salata e con un filo d’olio. Quando vengono a galla, scoliamo e saltiamo in padella con il sugo.

c8

A concludere il menu odierno, il dolce di Ambra Romani, che all’interno dell’amatissima rubrica Dolci prima del tiggì, prepara un dolce golosissimo e che vi permetterà di recuperare un po’ di avanzi dolci. Ecco la ricetta del rocky road (torrone amaricano).

Ingredienti

  • 400 g di cioccolato fondente, 100 g di arachidi tostate, 100 g di nocciole, 150 g di ciliegine rosse e verdi candite, 320 g di marshmallow, 60 g di farina di cocco, 150 g di cioccolato bianco, colorante alimentare giallo e azzurro qb

c10

Sciogliamo, a bagnomaria, il cioccolato fondente (che possiamo sostituire con del cioccolato al latte). Uniamo la frutta secca (arachidi salate e nocciole), la farina di cocco (o di mandorle o di nocciole), le ciliegine candite ed i marshmallow ridotti in piccoli pezzi.

p5

Foderiamo una teglietta con della carta forno; versiamo all’interno tutto il composto ottenuto e lo appianiamo. Fondiamo il cioccolato bianco (ne coloriamo metà di giallo e metà di azzurro) e lo facciamo colare sulla superficie. Mettiamo in frigorifero a rassodare (almeno 1 ora). Sformiamo e tagliamo a cubotti.

c11

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Luigi Gandola con Nando Fabbri e nel peperone Ivano Ricchebono con Rosa Tripodi. Per estrazione si decide chi sceglie tra i due panieri di ingredienti segreti quello che preferisce per la sua squadra, quindi si scoprono gli ingredienti e il via alla gara.

p6

I  concorrenti restano in gara una settimana intera, con la possibilità di vincere i 500 euro in palio ad ogni vittoria giornaliera. La giuria composta da Fede, Tinto e Tiziana Stefanelli, osservato e assaggiato tutto, assegna la vittoria al peperone. Il terzo punto va quindi a Rosa, che però non vince i soldi in palio.

p7

Ed ora tutti a tavola, e a domani.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter