Sanremo 2016 – Il testo di “Di me e di te” degli Zero Assoluto.

Sanremo 2016 Testi

ZAS 1

A pochi giorni dall’inizio del 66° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, su UnDueTre.com vi proponiamo i testi delle venti canzoni in gara nella categoria Big.

Gli Zero Assoluto (Matteo Maffucci Thomas De Gasperi) ritornano al Festival di Sanremo per la terza volta, a dieci anni esatti dal grande successo di Svegliarsi la mattina che, pur non vincendo, fu il singolo più venduto e più suonato nelle radio nel 2006. Successo prolungato anche l’anno successivo con Appena prima di partire. Per loro il Festival non è solo l’esibizione sul palco, ma tutto quello che c’è intorno. Ma, a proposito del palco dell’Ariston, secondo loro mette strizza perché si sente la responsabilità e si vuole essere all’altezza.

La cover che gli Zero Assoluto canteranno nella quarta serata è Goldrake di Actarus.

ZERO ASSOLUTO
Di me e di te
(T. De Gasperi – A. Filippelli – M. Maffucci)

Parlami di te e dei tuoi silenzi
Dei tuoi occhi che sono sempre senza sguardi
Parlami di te per non dimenticare per non avere più timore
Parlami di partecipazione
Ma questa vita ci fa solo che mentire
Parlami perché ti so ascoltare
Anche se poi non so che dire
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle levarsi nei tuoi cieli
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
E basterebbe solo sporcarci di parole
Leggendoci negli occhi
La paura e l’emozione
Ci siamo persi in una strada tra follia e vita
La follia eri tu
In questa vita che grida e che spinge lontano
Se molli la presa, mi scivoli piano
Ma che cosa vuol dire sentirsi insicuri
La teoria degli esclusi e la poesia degli illusi
Occhi chiusi
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle levarsi nei tuoi cieli
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
E tira su gli occhi
Non serve guardare lontano
Parliamoci adesso
Di un amore che fa pugni senza guanti
Di ritorni che han sapore di partenze
Di un cuore che ha più stanze di un albergo
Mentre guardo le stelle… le stelle
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
E tira su gli occhi
Non serve guardare lontano
Parliamoci adesso
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te
Di sognare i tuoi sguardi ad occhi aperti
Di temporali che ci urlano contro
Di me e di te
Di me e di te
Di me e di te

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter