Cucine da incubo 5 – Quarta puntata del 16/04/2017 – Con Antonino Cannavacciuolo su Nove.

digitale

Cannavacciuolo 1

Ristoratori di tutta Italia, l’incubo è tornato. Dopo tre edizioni in onda su FOX Life (canale 113 Sky) e in prima visione in chiaro su cielo (canale 26 DTT), Cucine da incubo riapre bottega ma, stavolta, sul Nove per una nuova, scoppiettante quinta stagione. La controparte nostrana di Gordon Ramsay, che ha portato il format al successo sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, sarà ancora una volta Antonino Cannavacciuolo.

La terza puntata, trasmessa settimana scorsa, ha totalizzato di 666.000 spettatori per uno share del 2,60%.

CUCINE DA INCUBO ITALIA | Il programma

Il format del programma è semplice: c’è un ristorante in difficoltà economica; viene richiesto l’intervento di chef Cannavacciuolo, il quale esamina dapprima il menù e la condizione del locale e, poi, valuta il servizio e la gestione della cucina. Attraverso alcune prove psicologiche, un riordino del menù e una totale ristrutturazione dei locali, tenterà di dare nuova linfa al ristorante per cercare di rimetterlo sulla retta via nello spazio di una settimana.

Una volta superati i difetti e le polemiche e messe le basi per il nuovo inizio del ristorante, sui titoli di coda viene mostrato anche il destino del ristorante dopo l’intervento di Cannavacciuolo.

CUCINE DA INCUBO | Quarta puntata

Il quarto appuntamento si compone di una puntata inedita e della replica del quarto episodio, trasmesso la scorsa settimana.

Quinta puntataLe mille bontà – Antonino Cannavacciuolo, questa settimana, incontra Anna, una donna coi nervi a pezzi a causa del pessimo andamento del suo ristorante, Le mille bontà Castiglione delle Stiviere. E per rendere la storia più dolce, ci sarà l’aiuto di un amico molto speciale: Ernst Knam.

L’appuntamento con Cucine da incubo è per questa sera, ore 21:15, sul Nove, ma sarà possibile recuperare l’episodio su DPlay, il portale di Discovery per rivedere il meglio della programmazione sul Web.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter