Report – Terza puntata del 6 novembre 2017 – Anticipazioni, inchieste.

reportQuesta sera, in prima serata su Raitre terza puntata di Report, il programma di inchieste e approfondimento, che nelle scorse edizioni ha fatto luce su diversi casi scottanti, interessando una platea sempre più ampia. Alla conduzione l’autore Sigfrido Ranucci e la collaborazione delle cinque storiche firme del programma: Giovanna Boursier, Michele Buono, Bernardo Iovene, Paolo Mondani e Stefania Rimini. Gli ascolti delle prime due puntate sono stati positivi, circa il 7% di share, un dato decisamente più alto della stagione primaverile, la prima dopo l’addio della Gabanelli.

Report 2017

Ogni puntata sarà aperta da una “Anteprima”, una mini-inchiesta che svela cosa si nasconde dietro comuni aspetti della vita quotidiana, dall’uso dell’etilometro ai tatuaggi che sfoggiamo, dalla scelta degli occhiali fino al pellet che acquistiamo per la stufa.

Pianificare da giovani

Pianificare da giovani, pensare per tempo a come ci potremo mantenere quando saremo anziani, ogni paese si prepara a proprio modo. In America molti senior vendono la casa e si trasferiscono in Florida, ci sono intere comunità esclusivamente per gli over 55, vietate ai bambini e con strutture attrezzate per chi ha problemi.

In Giappone si sperimentano comunità aperte, finanziate da tutti con l’assicurazione obbligatoria e al posto dei badanti usano i robot. E in Italia? Siamo il paese più vecchio in Europa: nel 2016 la popolazione dei senior (55 – 74 anni) ha superato quella dei giovani adulti (15 – 34 anni) di oltre un milione e mezzo. Chi pagherà le pensioni, le cure sanitarie e l’assistenza all’esercito dei baby boomers in arrivo?

Il mistero della scatola nera

In primo piano anche il mistero della “scatola nera” capace di leggere (e modificare) le nostre vite a colpi di algoritmi; su “Mister Fipronil”, che con il suo Dega16 ha contaminato milioni di uova e messo in crisi l’Europa, bypassando un sistema di controlli; e sulle nuove frontiere della genetica: intervenendo su un embrione è possibile modificare il colore dei capelli di un nascituro, ma anche curare malattie e iniettare geni che lo renderanno immune. Come possiamo capire qual è il limite? E, soprattutto, esiste davvero un limite?