“Non è l’Arena” – Massimo Giletti debutta su La7. Prima puntata di domenica 12 novembre 2017.

non è l'arenaDal pomeriggio alla sera, dalla Rai a La7, un non nel titolo. Massimo Giletti cambia tutto. Soppressa l‘Arena alla domenica pomeriggio su Raiuno, il conduttore ha lasciato la tv pubblica per trasferirsi a La7, passa dal pomeriggio alla sera col nuovo titolo “Non è l’Arena“.

Non è L’Arena

Un programma che occuperà il prime time della Rete, mettendo al centro della scena i temi e i protagonisti della più stretta attualità politica, sociale e della cronaca.

Una serie di inchieste “live” con testimonianze, documenti e servizi filmati che aprono la discussione e l’approfondimento in studio, lasciando il campo a un metodo esclusivamente giornalistico.

giletti1Un’arena televisiva moderna in cui la tecnologia è al servizio delle storie e di chi le racconta, dove le immagini non sono solo didascalie ma parte integrante della narrazione e dell’inchiesta giornalistica.

I temi di indagine saranno quelli per i quali Giletti si è sempre battuto nella sua carriera: i privilegi di chi partecipa alla macchina pubblica a confronto con le difficoltà di chi, nel quotidiano, fa i conti con un

Paese impoverito e paralizzato dalla burocrazia.

giletti2Da “L’Arena” a “Non è l’Arena”

4 milioni, il 21% di share.

Questi dati, dalla scorsa primavera, quando ancora di segnali di rottura con la Rai non ce ne erano, Massimo Giletti li ostentava continuamente. A molti la cosa, però ha dato fastidio. Il voler sbandierare continuamente i dati ha ottenuto esattamente l’opposto. Per ultima l’ospitata a CartaBianca in cui il conduttore per la maggior parte del tempo continuò a rimarcare i dati del suo programma.

Ascolti sì, ma ricavi pubblicitari che non ne ripagavano gli alti costi, secondo la dirigenza Rai, che non approvava nemmeno i temi ed i toni trattati. Quindi chiusura. Se i dati forniti relativi a costi e ricavi corrispondono all’esatta realtà è stata una decisione giustissima.

giletti3Il resto dei fatti è risaputo. Una proposta inaccettabile da parte della Rai per Giletti che così ha sposato La7, almeno per due anni. Ed ecco che nasce l’Arena 2.0, con un “non” in più nel titolo.

Come andrà lo diranno gli ascolti, di sicuro non sentiremo più Giletti nominare i suoi 4 milioni di telespettatori…