La prova del cuoco – Puntata del 27 novembre 2017 – Le ricette di oggi.

La prova del cuoco Lunedì 27 novembre 2017, come ogni giorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quasi diciotto anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

pdc1La gara | Primo round

Dopo la breve anteprima in cui Tinto era in esterna a Frontino nelle Marche alla scoperta del tartufo, si parte, entra Antonella, i saluti e al via con il 1° round della gara. I cuochi in gara oggi sono per il pomodoro Francesca Marsetti  e per il peperone Katia Macari.  In 10 minuti, sul tema delle uova strapazzate al pomodoro, Francesca  propone le uova strapazzate al pomodoro con salamina e bitto, mentre Katia la finta trippa con prezzemolo e pomodoro.

pdc3A giudicare poi la stessa Antonella, che assaggia e decreta un vincitore. Chi perde ha una penalità nella gara finale, scelta dallo sfidante vincitore tra cinque opzioni di scelta. E per Antonella, vince Katia. Premia il piatto del ricordo, il primo piatto che ha mangiato quando è venuta a vivere a Roma. Qui non viene data la ricetta, con gli ingredienti precisi, ma si seguono solo le gesta dei cuochi.

pdc2Toro Asado (arrosto di vitello) | David Povedilla

Il menu di oggi prevede il secondo piatto dello scatenatissimo David Povedilla. Un piatto storico, preparato col toro nei decenni passati, oggi con il vitello. Prepariamo il toro asado, ovvero arrosto.

  • 1,5 Kg costine di vitello, mezza testa di aglio, 20 g passata di pomodoro, 1 bottiglia di vino rosso, 1 l brodo di carne, 50 g olio evo, sale e pepe
  • Inoltre: 100 g champignons, 100 g carote bollite, 150 g patate novelle bollite, 80 g pancetta, 30 g olio evo, sale
  • Coriandolo fresco

pdc5Rosoliamo le costine di vitello in padella, con un filo d’olio, sale e pepe. Quando sono appena rosolate, aggiungiamo mezza testa di aglio, la passata di pomodoro, il vino (tutta la bottiglia) ed 1 l di brodo di carne. Portiamo a bollore e lasciamo cuocere a fiamma alta per 10 minuti. Trasferiamo il tutto in una pirofila, copriamo con la carta stagnola ed inforniamo a 170° per 3 ore circa.

pdc6Intanto, saltiamo in padella la pancetta a dadini insieme ai funghi a spicchi, le carote a cubetti e sbolletate e le patate lesse a metà. Facciamo ben rosolare per circa 5 minuti, saliamo e teniamo da parte.

pdc4Serviamo le costine con il fondo di cottura filtrato ed un contorno di verdure saltate. Finiamo con un filo d’olio a crudo e del coriandolo fresco tritato.

toroRisotto in raviolo al burro profumato | Sergio Barzetti

Come ogni lunedì, è il momento del risotto, con il ‘maestro dei risotti’, il mitico Sergio Barzetti. Lo chef quest’oggi prepara un primo piatto inedito, di sua invenzione. Vediamo come preparare il risotto in raviolo al burro profumato.

  • 140 g riso Maratelli, mezzo scalogno, mezzo bicchiere di vino bianco, 80 g ricotta di capra, formaggio grattugiato, 0.10 g pistilli di zafferano, brodo vegetale, olio, alloro, sale e pepe
  • Pasta: 250 g farina di farro bianco, 2 uova, 1 tuorlo, 1 pizzico di zafferano in pistilli ammollato in poca acqua
  • Condimento: 150 g burro, 1 limone, 1 arancia, 10 foglie di salvia, formaggio grattugiato

risottoPer prima cosa, dobbiamo preparare un risotto giallo, allo zafferano. Facciamo soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio. Uniamo il riso e lo facciamo tostare qualche istante. Sfumiamo con il vino bianco e bagniamo con il brodo. Portiamo a cottura, aggiungendo i pistilli di zafferano lasciati in infusione in poco brodo caldo. Allunghiamo con il brodo quando serve.

risotto3A cottura ultimata, spegniamo il fuoco e mantechiamo con un paio di cucchiai di formaggio grattugiato e la ricotta. Mescoliamo per bene e trasferiamo in una pirofila. Lasciamo raffreddare del tutto.

Prepariamo la pasta all’uovo, impastando la farina bianca (di frumento o farro) con le uova ed un goccio di acqua tiepida in cui abbiamo lasciato in infusione il pistillo di zafferano. Lavoriamo fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio. Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare in frigorifero per mezz’ora.

risotto2Tiriamo la sfoglia sottile. Formiamo dei mucchietti di risotto freddo su metà sfoglia. Copriamo con l’altra metà e facciamo aderire bene, in modo da far uscire tutta l’aria. Ritagliamo i ravioli e li lessiamo in acqua bollente e salata per circa 4 minuti.

pdc7Facciamo ammorbidire il burro a temperatura ambiente. Lo montiamo con le fruste elettriche aggiungendo 3 cucchiai di brodo caldo. Profumiamo con la scorza grattugiata degli agrumi e la salvia e montiamo fino ad ottenere un composto soffice. Condiamo i ravioli ancora caldi con il burro montato e formaggio grattugiato a piacere.

risotto4Crostata torronata | Natalia Cattelani

In vista del natale, la fantasiosa Natalia Cattelani ci regala una ricetta che ci permetterà di recuperare il torrone avanzato… o forse no? Una crostata morbida e golosssima. prepariamo la crostata torronata.

  • Frolla: 200 g farina, 80 g burro, 80 g zucchero a velo, mezzo cucchiaino di lievito, 3 tuorli, un pizzico di sale
  • Ripieno: 3 albumi, 100 g cioccolato fondente, 100 g mandorle con la buccia, 100 g zucchero
  • Decorare: 60 g piccole meringhe, 60 g ciliegie candite

crostata4Partiamo dalla frolla. Separiamo i tuorli dagli albumi delle uova. In una ciotola, lavoriamo il burro morbido con la farina ed un pizzico di sale. Successivamente, aggiungiamo il lievito e lo zucchero a velo.

pdc8Infine, dopo aver ottenuto una sorta di sabbia, uniamo i tuorli e lavoriamo fino a compattare il panetto. Copriamo con la pellicola e mettiamo in frigorifero per almeno mezz’ora.

crostata3Passiamo al ripieno. Montiamo con le fruste elettriche gli albumi con parte dello zucchero (da prelevare dal totale). Otterremo una meringa lucida e sostenuta. Tritiamo con il mixer le mandorle con la pelle. Non troppo fini.

crostata2Uniamo le mandorle agli albumi montati. Aggiungiamo anche il cioccolato fondente a scaglie e lo zucchero rimasto. Mescoliamo rapidamente con un cucchiaio. Imburriamo la tortiera (22-24 cm) con burro e farina, oppure con lo staccante fatto in casa di Natalia.

crostata5Inseriamo all’interno della tortiera la pasta frolla, che stendiamo non troppo sottile. Per il realizzare il bordo, Natalia crea un salsicciotto di frolla e poi lo ‘schiaccia’ contro i bordi della tortiera, con le dita. Inseriamo all’interno il ripieno al torrone. Inforniamo per 45 minuti a 170°. Decoriamo a piacere. Questa torta si conserva per lungo tempo, a temperatura ambiente, per 5-6 giorni. Dev’essere ben coperta.

crostataGara dei cuochi

  • Pomodoro: Francesca Marsetti/ Giulia Villari
  • Peperone: Katia Macari / Ester Savetta
  • Giurato Angela Frenda.  Giudizi – Tecnica: 79  Gusto: 68  Impiattamento: 58  Per 25 a 18 vince il peperone.

pdc9