Linea Bianca – Terza puntata del 25 dicembre 2017 – Rovereto e Folgaria.

bianca4Linea Bianca, il programma dedicato alla montagna, in onda ogni sabato salle 14 alle 15 e condotto da Massimiliano Ossini con la partecipazione della new entry Giulia Capocchi, va in onda anche oggi e domani, al solito orario, con due puntate, due regali ai suoi fedeli telespettatori.

Tremilaseicento piste da discesa per un totale di seimilasettecento chilometri, soffici distese bianche, imponenti vette innevate che fanno da sfondo a una natura incontaminata: si va alla scoperta delle montagne più belle ed affascinanti d’Italia.

Terza puntata | 25 dicembre 2017

Passare il giorno di Natale con la neve è il sogno di tutti, sin da quando si è bambini. Lineabianca permette di realizzarlo. Oggi ecco una puntata speciale dedicata alla montagna e alla gioia che evoca il Natale. Massimiliano ci porta a  Rovereto e Folgaria, con la loro storia, le loro caratteristiche uniche, il loro sapore inconfondibile.

bianca2Rovereto | Folgaria

Girerà per mercatini alla ricerca dei regali più particolari e dei prodotti enogastronomici più caratteristici, racconterà la più vera atmosfera natalizia. Come sempre si scierà e si ammireranno i panorami più belli dalle vette, si farà sleddog in compagnia di una muta di cani, mentre gli artigiani del luogo racconteranno come la tradizione riesce a vivere nel presente. E poi grande attenzione ai dolci tipici del Natale.

Linea Bianca 2017/2018

Anche quest’anno il programma racconta storie e le tradizioni più interessanti ed affascinanti del territorio, con uno sguardo attento alla storia e alla scienza,perché il mondo delle neve non è solo divertimento e leggerezza, ma anche cultura e approfondimento.

Mauro Mario Mariani anche quest’anno illustrerà i prodotti migliori del territorio con un occhio alla linea e al mangiar sano, dispensando suggerimenti e soluzioni nuove per tutto ciò che concerne la nutrizione.

Roberto Bruni farà scoprire ai telespettatori l’agricoltura di montagna, sottolineando le tecniche per preservare le specificità e le unicità agricole delle terre che verranno visitate, con l’attenzione che un territorio straordinario come quello italiano merita.