Linea Bianca – Diciottesima puntata del 24 marzo 2018 – Piani di Bobbio.

bianca1Nei sabati pomeriggio invernali di Raiuno è protagonista la montagna con Linea Bianca, giunta alla quarta edizione. Diciottesimo appuntamento (il quindicesimo del sabato più tre speciali andati in onda il 25 ,26 dicembre e 1 gennaio) oggi, come ogni sabato dalle 14 alle 15, con il programma, condotto da Massimiliano Ossini con la partecipazione della new entry Giulia Capocchi.

Tremilaseicento piste da discesa per un totale di seimilasettecento chilometri, soffici distese bianche, imponenti vette innevate che fanno da sfondo a una natura incontaminata: si va alla scoperta delle montagne più belle ed affascinanti d’Italia.

Diciottesima puntata | 24 marzo 2018

35 chilometri di piste per lo sci, uno snowpark che si sviluppa su un’area di 1500 mq2, tracciati per lo sci di fondo: siamo ai piani di Bobbio, il comprensorio sciistico collocato tra la provincia di Lecco e quella di Bergamo, particolarmente vicino a Milano. Si parte da quota 2.410 metri sul livello del mare: sulla cima del monte Grignone, nel contesto del gruppo delle Grigne, un’emozionante apertura del conduttore con Simone Moro, pilota di elicottero specializzato nel soccorso in Himalaya e unico alpinista della storia ad avere conquistato la vetta di ben 4 cime di 8.000 metri in completa stagione invernale.

bianca2Nel corso della puntata si tratterà anche di come educare alla creatività: sulle piste dei Piani di Bobbio, nella suggestiva cornice del rifugio Ratti, le strabilianti istallazioni artistiche di Mao Fusina, l’uomo delle nuvole. E poi, una parete di roccia alta 80 metri: con Stefano Ghisolfi, miglior atleta italiano nella Coppa del mondo lead di arrampicata, ennesima prova per Massimiliano Ossini, impegnato in una scalata su roccia alla falesia dello Zucco Angelone.

Piani di Bobbio

Ci sarà il tempo per andare dalle miniere di ferro che hanno dato il via all’industria dei coltelli a quelle di barite, materiale schermante che, un tempo, polverizzato e miscelato con il grasso del maiale, rendeva ancora più resistente la crosta di un formaggio tipico locale, il taleggio: tra ricordi e novità, con un geologo, alla scoperta dell’affascinante Parco minierario di Cortabbio, importante risorsa del territorio.

L’antica cultura della lavorazione del ferro: arroccato a 1000 metri sulle pendici del Monte Legnone e Pizzo Alto, curiosità, personaggi e aneddoti di Premana, ultimo e pittoresco paese della Valsassina. Infine, nel Centro di formazione professionale alberghiero di Casargo, una divertente sfida culinaria per i conduttori che si cimenteranno ai fornelli sotto l’attento sguardo di un gruppo di giovani studenti.