Mondiali 2018 – Partite e probabili formazioni del 15/06/2018: Portogallo-Spagna si gioca alle ore 20.

L’attesa lunga quattro anni è finita. Tornano i Mondiali di calcio, dopo ben 12 anni nel territorio europeo. Nel 2006, il cielo fu azzurro, in quel di Berlino. Nel 2018, sarà praticamente impossibile ripetere questa scena, a Mosca, in Russia. L’Italia, infatti, sarà assente per la prima volta dopo 60 anni dalla rassegna iridata e per la terza volta nella storia della competizione.

Un grande evento mediatico che, per la prima volta (forse complice l’assenza degli Azzurri?) sarà trasmesso integralmente dai canali di Mediaset. Non accadeva dal 2002 che la competizione si potesse vedere completamente in chiaro, per tutte le 64 partite. Noi di UnDueTre.com, invece, ve li racconteremo giorno dopo giorno.

RUSSIA 2018 | Egitto-Uruguay

Ad aprire le danze di questa giornata, alle ore 14 italiane, ci sarà l’altro incontro del Gruppo A, inaugurato ieri da Russia-Arabia Saudita, conclusosi con un roboante 5-0 per i padroni di casa. Trattasi di Egitto-Uruguay.

Faraoni45° nel ranking FIFA, ritornano a calcare le scene di una rassegna iridata dopo 28 anni (l’ultima volta fu nel 1990, edizione in cui uscirono al primo turno) e, nel frattempo, hanno conosciuto una grossa crescita del loro movimento, che ha portato diversi giocatori a fare esperienza in Europa. Tra loro Mohammed Salah, ex Roma Fiorentina ed ora in forza al Liverpool, ma fuori, forse, per tutto il torneo a causa di un infortunio alla spalla patito nella Finale di Champions League contro il Real Madrid.

La Celeste14° nazionale al mondo, si presenta col solito mix di classe e garra che la pone come una delle favorite per un piazzamento di rilievo, dopo gli ottavi raggiunti nel 2014 e l’ancor migliore quarto posto ottenuto nel 2010. L’attesa è tutta per Edinson Cavani e Luis Suarez, una coppia d’attacco assolutamente invidiabile per i sudamericani, composta dai due bomber più pericolosi che si sono potuti ammirare nelle ultime stagioni nei campionati europei.

RUSSIA 2018 | Marocco-Iran

Alle 17:00, sarà la volta del debutto per il Gruppo B, con la sfida tra Marocco Iran. Le due formazioni sono senza dubbio le vittime sacrificali, in un girone che vede due nette favorite della vigilia di cui vi parleremo a breve.

L’ultima volta del Marocco era stata nel 1998, edizione in cui si fermarono al primo turno. Si tratta della loro quinta partecipazione ad una competizione iridata e vi arrivano da 41° nel ranking FIFA. Tantissimi sono i giocatori maghrebini che militano nei campionati europei, anche se non tutti in squadre di primissima fascia. Le chiavi della difesa sono affidate a Mehdi Benatia, difensore della Juventus, mentre l’uomo più atteso è Hakum Ziyech, dell’Ajax.

Dall’altra parte, l’Iran ritorna in un Mondiale per la quinta volta. L’ultima volta, nel 2014, si era conclusa esattamente come tutte le altre, ovvero con un’eliminazione al primo turno. La formazione asiatica, fra le prime a qualificarsi per la manifestazione esattamente un anno fa, si presenta come la 37° del ranking ed è guidata da Samir Azmoun, attaccante del Rubin Kazan già conosciuto in Europa per alcuni gol decisivi nel 2016/2017 con la maglia del Rostov.

RUSSIA 2018 | Portogallo-Spagna

La sfida più attesa, non solo della giornata ma di tutta la fase a gironi, è il derby iberico tra Portogallo Spagna.

lusitanicampioni d’Europa in carica (nonostante un cammino decisamente poco esaltante), sono senz’altro i sorvegliati speciali di questa manifestazione. La guida in campo è affidata a Cristiano Ronaldo, probabilmente all’ultima apparizione in un Mondiale e, per questo motivo, vorrà senza dubbio lasciare il segno, dopo la beffa del 2014. Nell’ultima edizione, infatti, i portoghesi si sono fermati al primo turno, sorprendentemente eliminati dagli Stati Uniti in un girone in cui figurava anche la Germania successivamente campione.

Gli iberici, invece, partono da una situazione assolutamente singolare: l’avvicendamento tra Julen Lopetegui Fernando Hierro alla guida tecnica della nazionale, avvenuta solo due giorni fa, all’indomani dell’annuncio del passaggio del tecnico basco alla guida del Real Madrid, senza dare preavviso alla Federazione. La Roja vuole riscattare l’eliminazione al primo turno del 2014, in cui arrivavano da campioni in carica. Sarà l’ultima volta per Andres Iniesta, centrocampista del Barcellona che poche settimane fa ha dato l’addio al club blaugrana dopo una vita nella formazione catalana.

RUSSIA 2018 | Gli appuntamenti su Mediaset

Grande impegno per Mediaset e il suo primo Mondiale in quasi quarant’anni di storia. Il gruppo di Cologno Monzese dedicherà quasi 1.000 ore di programmazione all’evento, interamente in chiaro sulle reti generaliste tematiche. Questi gli appuntamenti del 15 giugno.

  • 08:00 – 10:45 Buongiorno Mosca con Dario Donato (Mediaset Extra)
  • 11:15 – 12:20 – Casa Russia con Monica Bertini (Italia 1)
  • 13:00 – 13:40 – Sport Mediaset con Mikaela Calcagno (Italia 1)
  • 13:40 / 16:00 16:40 / 19:00 – Mondiali Mediaset Live con Giorgia Rossi (Italia 1) – pre e postpartita
  • 14:00 – 16:00 – Egitto-Uruguay (Italia 1  Mediaset Extra)
  • 17:00 – 19:00 – Marocco-Iran (Italia 1  Mediaset Extra)
  • 19:40 – Mondiali Mediaset Live con Giorgia Rossi (Canale 5) – pre e postpartita
  • 20:00 – 22:00 – Portogallo-Spagna (Canale 5)
  • 20:00 – 22:00 – Mai Dire Mondiali con la Gialappa’s Band (Mediaset Extra)
  • 22:00 – 00:20 – Balalaika – Dalla Russia col Pallone con Nicola SavinoIlary BlasiMago ForestDiego Abatantuono, la Gialappa’s Band Belen Rodriguez (Canale 5)

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter