“Reazione a catena” – Termina l’edizione 2018, un altro grande successo. Arrivederci al 2019.

Reazione a catena, oggi termina l’edizione 2018, il dodicesimo anno del programma. Oltre 100 le puntate trasmesse, in onda dallo scorso 4 giugno tutti i giorni, tranne due puntate sospese per la tragedia del ponte di Genova e una nel giorno dei funerali di Stato delle vittime.

Reazione a catena 2018 | Bilanci

Un anno sulla carta particolare, un’incognita all’inizio. Innanzitutto per la nuova conduzione: è arrivato Gabriele Corsi, poco conosciuto prima dagli spettatori del pubblico di Raiuno, che aveva il difficile compito di sostituire l’amatissimo Amadeus che aveva guidato il programma per quattro anni.

E poi la concorrenza, quest’anno molto agguerrita, con Mediaset che da metà giugno a metà luglio aveva inesclusiva i mondiali di calcio, con partite e progrmami di approfondimento ad esso dedicato.

Ma Gabriele è stato sin da subito bravo, spigliato e simpatico, riuscendo fin dalle prime puntate ad ottenere il consenso del pubblico. L’edizione quindi è stata tra le più seguite, lasciando sempre le briciole ai diretti competitor: distanze abissali, infatti, sia nei confronti di Caduta Libera che della soap Il Segreto.

Così come l’estate, anche il nostro amato gioco di parole da domani va in soffita per lasciare spazio alla nuova edizione de L’Eredità, con la nuova conduzione di Flavio Insinna.

Reazione a catena | Edizione 2019 | Quando torna

Reazione a catena è ovviamente già stato confermato nei palinsesti di Raiuno per la prossima estate, sempre da inizio giugno a settembre, quando per l’edizione 2019 tornerà alla conduzione il bravo Gabriele Corsi.