Linea Bianca – Quattordicesima puntata del 16 marzo 2019 – Bielmonte.

Nei sabati pomeriggio invernali di Raiuno è protagonista la montagna con Linea Bianca, giunta alla quinta edizione. Quattordicesimo appuntamento oggi, e ogni sabato dalle 14 alle 15, con il programma, condotto da Massimiliano Ossini con la partecipazione di Giulia Capocchi e Lino Zani.

Tremilaseicento piste da discesa per un totale di seimilasettecento chilometri, soffici distese bianche, imponenti vette innevate che fanno da sfondo a una natura incontaminata: si va alla scoperta delle montagne più belle ed affascinanti d’Italia.

Linea Bianca | Quattordicesima puntata | 16 marzo 2019

La puntata di oggi è un viaggio a Bielmonte, in provincia di Biella, in Piemonte: dalla vetta del Monte Bo, a quota 2.556 metri, fino alla Valle di Pray, lungo la famosa strada delle Lana che unisce il comune di Biella con quello di Borgosesia.

Le telecamere  sono entrate nell’antica Fabbrica della Ruota a Pray, esempio di archeologia industriale, simbolo di un passato che ci riporta alla Grande Guerra.

Si conoscerà la bellezza e la biodiversità dell’Oasi Zegna, attraversata dall’omonima panoramica, un’idea di oasi che sogna l’allargamento a tutti i comuni limitrofi, mossa dall’obiettivo di creare un “distretto” di Natura fruibile da tutto quel turismo ambientale che si muove alla ricerca di sentieri, di passeggiate trekking e percorsi in mountain bike.

Linea Bianca | Bielmonte

Un grande e rivoluzionario progetto di valorizzazione e salvaguardia del territorio. Ma non potevano di certo mancare attività lungo le piste da sci di Bielmonte, in compagnia dei maestri delle scuole presenti nel comprensorio, fino al rifugio di Monte Marca. Si andrà alla scoperta della gastronomia e della produzione artigianale della birra, la cui particolare bontà è dovuta proprio alle qualità di leggerezza dell’acqua di questi monti.

Si ammirerà un luogo ideale di sosta, ammirazione, silenzio: l’Eremo di San Bernardo, al centro di una cornice di montagne alpine tra le quali svetta, maestoso, il Monte Rosa. Infine, a valle, l’acqua ritorna con tutta la sua ricchezza: Massimiliano Ossini e Lino Zani indossano stivaloni di gomma ed entrano nel torrente Elvo e sarà di nuovo febbre dell’oro insieme alla locale Associazione Biellese Cercatori d’Oro.