”La Corrida” – Nuovi dilettanti allo sbaraglio anche per l’edizione 2019.

La Corrida è tornata, per il secondo anno consecutivo, nel venerdì sera di Raiuno. Lo storico show ideato e condotto da Corrado pre decenni, prima in radio e poi in tv, è così tornato dopo alcuni anni di pausa e approdando su Raiuno. Capostipiste dei sabati di Canale5 negli anni ’80 e ’90 con Corrado e nei 2000 con Gerry Scotti e infine nel 2011 con Flavio Insinna, dallo scorso anno è condotta da Carlo Conti.

Il pubblico lo scorso anno ha apprezzato e premiato l’originale e il primo programma del genere, in cui a farla da padrona sono le persone comuni e tanto tanto divertimento, condito tavolta da eccezionale bravura e gli ascolti sono stati ottimi con una media di quasi il 24% di share.

La Corrida 2019 | Le puntate

Le prime tre puntate hanno confermato l’affetto che da 51 anni il pubblico ha per questa trasmissione, nata da un’idea di Corrado e Riccardo Mantoni. Quelle portate sul palco televisivo sono sì esibizioni di dilettanti allo sbaraglio, ma capaci di lanciare anche messaggi importanti. Come quello del vincitore della terza puntata il triestino Gabriele Greco, che si è esibito suonando la chitarra con la tecnica del fingerpicking. Sul suo strumento, ecco impresse scritte contro la violenza: “no war, no racism, no violence, no prejudice”.

Un’altra storia che ha commosso il pubblico è stata quella del trionfatore della seconda puntata, Antonio Rustighi, che ha emozionato tutti non solo intonando “Natural Woman” di Aretha Franklin”, ma anche per la sua vicenda personale, segnata da un passato in cui ha dovuto fare i conti con la sua obesità che gli impediva di trovare la fiducia in se stesso.

La Corrida | Edizione 2019

Anche in questo nuovo appuntamento si esibiranno 15 nuovi “dilettanti allo sbaraglio”, pronti a conquistare il pubblico in studio mettendosi alla prova tra canzoni, poesie, imitazioni, giochi circensi, barzellette, eccetera, sempre all’insegna dell’allegria, della spensieratezza e della  goliardia, da sempre tratti distintivi del programma.

Protagonisti sono inimitabili concorrenti “della porta accanto”, non professionisti dello spettacolo che si mettono in gioco per aggiudicarsi il trofeo in palio. E lo fanno conquistando gli applausi delle persone in studio che però sono anche pronte a mostrare il proprio disappunto con fischietti, pentole e campanacci non appena il semaforo posto al centro del palco diventa verde. Alla fine, i più acclamati saranno di nuovo “giudicati” in studio per l’elezione del vincitore finale. Come da tradizione Carlo Conti sceglierà i ballerini tra il pubblico in sala per farli esibire a fine puntata su improbabili coreografie accompagnate dal corpo di ballo di Fabrizio Mainini.

Prima della presentazione del concorrente numero uno in gara, il conduttore sceglierà una valletta dal pubblico che affiancherà Ludovica Caramis nel corso dell’intera diretta, mentre ogni singola esibizione dei “dilettanti” sarà preceduta da un video-messaggio inviato da parenti o amici.