Sanremo 2012 – Chiara Civello canta una canzone già edita? Ecco il video di ‘Al posto del mondo’ (che non è più disponibile)

UPDATE: Come avrete potuto notare, dopo poche ore dalla nostra segnalazione, il video non è più disponibile. Infatti cliccando sul link di Youtube appare la scritta:

“Daniele Magro – Al Posto de…” Questo video non è più disponibile a causa di un reclamo di violazione del copyright da parte di diana tejera.

“L’Organizzazione della 62esima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, dopo attente verifiche e con il parere dell’Ufficio Legale della Rai, ha deciso di mantenere in gara nella sezioni ‘artisti’ i brani ‘Al posto del mondo’ di Chiara Civello e ‘Respirare’ di Gigi D’Alessio e Loredana Bertè, in quanto per entrambi persiste la configurazione di ‘canzone nuova’ ai sensi e per gli effetti del regolamento di Sanremo 2012″.

Questo si legge in una nota che la Rai ha diramato qualche giorno fa tramite l’ufficio stampa dell’azienda di stato. Soffermandoci sulla canzone di Chiara Civello, Al posto del mondo, quando è stata annunciata la partecipazione della cantante a Sanremo, già sapevamo che il titolo del brano combaciava con quello del brano scritto dalla stessa (con Diana Tejera) per Daniele Magro nel 2010. Ora, però, su Sorrisi, nel numero in edicola questa settimana, è stato pubblicato il testo che sembra essere identico a quello della canzone suddetta. 

A riprova di ciò su Youtube è disponibile il video della canzone cantata dall’ex concorrente di X Factor che noi di seguito vi riportiamo.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=HW8sYOk0FqI#!

Si tratta di canzone edita? Il regolamento del Festival però è chiaro. Infatti, l’art. 1, recita:
“Parteciperanno al Festival: 14 (quattordici) canzoni “nuove” e 14 (quattordici) canzoni “edite” famose della musica italiana nella sezione ARTISTI”
E per ‘canzone nuova’ si intende:
“…la canzone che, nell’insieme della sua composizione o nella sola parte musicale o nel solo testo letterario (fatte salve per quest’ ultimo eventuali iniziative editoriali debitamente autorizzate) non sia già stata pubblicata e/o fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano o, comunque, non abbia già avuto un impiego in una qualsiasi attività o iniziativa direttamente o indirettamente commerciale o, in ogni caso, non abbia generato introiti derivanti da un eventuale sfruttamento, riscontrabili e verificabili presso gli enti preposti alla riscossione di diritti d’autore e/o editoriali.”