La prova del cuoco – Puntata del 21/02/2012 – Speciale martedì grasso con le ricette di Carnevale.

Dopo la brevissima anteprima con Marco Di Buono e Barzetti, intento a parlare di brodo vegetale, ecco la sigla e l’ingresso di Antonella che, tra le maschere carnevalesche di Putignano che compongono quest’oggi il pubblico, raggiunge Andrea per i saluti iniziali e la battuta del giorno. “Tra lavastovieglie: è vero che ti sei lasciata col frullatore? Per forza, mi prendeva sempre in giro“.

E poi… tanti auguri a Maelle, che oggi compie tre anni. Antonella fa, quindi, gli auguri alla sua piccolina, promettendole che oggi festeggerà coi bambini. Si inizia con Heinz Beck, il quale, vestito da cuoco, regala una delle sue ricette. Assistito da Martino Ruggieri, propone gli spaghetti all’acqua di pomodoro e tartufi di mare.

Ovviamente, per prima cosa, si mettono a cuocere gli spaghetti, devono essere abbastanza grandi, si lasciano cuocere quattro minuti nell’acqua salata e, poi, si continuano a cuocere nell’acqua di pomodoro, preparata frullando dei pomodori, che poi scoliamo con il cannovaccio, usando l’acqua che cola per ultimare la cottura degli spaghetti per altri 9 minuti. Nel frattempo, apriamo i tartufi di mare, aggiungiamo olio, aglio, peperoncino, sedano, carota e gambe di prezzemolo e facciamo andare in una padella coperta col coperchio. Si fa ora una salsa, sbollentando il basilico e il prezzemolo, poi si mettono in acqua e ghiaccio per non perdere il verde. Intanto, Heinz parla della sua carriera, dei suoi sogni e anche della sua vita privata.

Usiamo qualche patata per legare le erbe aromatiche sbollentate, uniamo un pochino di fondo di cottura dei tartufi di mare e frulliamo il tutto. Si impiatta condendo gli spaghetti con la salsina e i tartufi di mare e…buon appetito!

Ed ora ‘il ballo della casalinga‘ introduce Anna Moroni, la quale propone le frappe, o cenci, o chiacchiere. Ecco gli ingredienti.

Nel mixer mettiamo due uova, 50 gr di burro e due cucchiai di zucchero, un bicchierino di anice, si frulla bene il tutto, mentre si balla il ciupy ciu. Aggiungiamo poi 500 gr di farina, un pizzico di sale (mai mai mettere il lievito), un goccino di vino bianco e si frulla impastando il tutto, fino ad ottenre una palla, che mettiamo tra due piatti o in una busta e lasciamo riposare, per almeno due ore. Poi si stende, passandola nella macchinetta per tirare la sfoglia, iniziando dalla misura più larga per poi finire in quello più stretto. Il segreto per farle buone è ‘tirarle‘ sottilissime. Formiamo le frappe operando un foro al centro.

Si friggono nello strutto oppure nell’olio di arachidi, non in quello extravergine perchè è troppo forte. La frittura è veloce, perchè nell’olio bollente, appena le mettiamo, salgono e sono pronte. Le asciughiamo con carta paglia, le spolveriamo di zucchero a velo e… buon appetito!

L’appetito vien mangiando‘ introduce Sergio Barzetti, il maestro in cucina di oggi, il quale, restando in tema carnevalesco, prepara i tortelloni di sfoglia con salmone. Gli ingredienti:

Si inizia con Antonella che ha il compito di sbattere un uovo, aggiungendoci un filo di acqua. Sergio, intanto, frulla l’alloro, il prezzemolo, il salmone e la ricotta e un pizzico di sale, ottenendo il ripieno. Adesso tagliamo a quadroni la pasta sfoglia (loro utilizzano quella pronta, se li vedesse Alessandra Spisni!), poi la spennelliamo con l’uovo sbattuto, ci aggiungiamo il ripieno fatto di ricotta e salmone e li chiudiamo formando i tortelloni, li mettiamo su carta da forno, spennelliamo ancora con l’uovo, spolveriamo con sesami di papavero e papavero nero e inforniamo a 210° per 8-10 minuti.

Si prepara, infine, l’insalatina per condirli pulendo a vivo l’arancia, tagliando due piccoli finocchi a pezzetti, aggiungendo olio, sale e pepe, ed accompagnando l’insalatina ottenuta ai tortelloni. Ecco il piatto pronto, ideale come antipasto. Buon appetito!

Infine Sergio per Maelle, visto che è il suo compleanno, e in generale per tutti i bambini prepara un orsetto fatto utilizzando un kiwi e una carota.

Adesso tutti dal maestro di panini Vito Vivanti che, usando una treccia di pane all’olio,la tagliamo a metà, la mettiamo a scaldare e poi la riempiamo con la burrata, dei pomodorini secchi messi a bagno con olio, origano e capperi, ci aggiungiamo un pochino di rumola, di mandorle grattugiate e collatura di alici.

Passa ora a preparare un altro panino: scladiamo un bicchiere di latte, ci aggingiamo 1 etto circa di gorgonzola dolce e lasciamo andare fino ad ottenere una crema e con la muffa del gorgonzola che viene a galla, poi lo scoliamo in modo da elimiare le muffe, facciamo scaldare un panino alle noci, lo tagliamo a metà e ci mettiamo la crema di gorgonzola, poi la marmellata di pere williams, un pochino di miele di castagno. Si chiude, si spolvera con cacao amaro ed eccolo pronto!

Infine la gara dei cuochi che vede oggi nel pomodoro Ivano Ricchebono e nel peperone Daniele Caldarulo. Con loro i due concorrenti  Fabio Ciambella e Marina Cianfaglioni. Marina parla di suo marito Francesco, che considera santo e con cui è sposata da otto anni. Parla poi della sua famiglia numerossisima di origine avendo cinque fratelli e ben due sorelle. Racconta il giorno del matrimonio, che è stato un giorno e le ha permesso di vivere una favola con tanto di carrozza e altro.

Fabio invece parla della sua sorellina e del fratellino di 12 anni che è il pupetto di casa e il più coccolato. Parla della sua ragazza, Virginia, che fa la ballerina di hip hop e del fatto che anche lui va a scuola di danza e balla con lei. Si ride e si scherza anche con Ivano, che racconta come la suocera lo guarda sempre e poi commenta le ricette che fa e che gioca a burraco con lei, e l’altro giorno dice le ha dato una bastonata.

Si arriva così al termine della gara dove a vincere è la squadra del peperone, con il 70% di voti del pubblico.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–