Nero Wolfe – Ultima puntata del 24/05/2012 – ‘Coppia di spade’ – Anticipazioni.

Ultima indagine di questa prima e, probabilmente, unica serie di Nero Wolfe, la fiction di Raiuno che vede Francesco Pannofino nei panni dell’omonimo investigatore. La fiction si avvia all’epilogo avendo registrato ascolti discreti, ma ben al di sotto delle aspettative e comunque nettamente inferiori a quelli ottenuti delle altre produzioni a lunga serialità che in precedenza hanno presidiato la serata del giovedì. Per questo motivo, considerando che generalmente le fiction, alla seconda serie, perdono consensi e appeal, è difficile pensare ne sarà ordinato un seguito, un’ipotesi, quella del sequel, che però, al momento, non è del tutto trascurabile. Come sempre, al centro di ogni puntata i gialli da risolvere, è Nero Wolfe colui che si mostra capace di risolvere i misteri più intricati senza uscire (quasi) mai da casa. Lui non stringe mani, non si alza davanti alle signore, non fa nulla per mascherare il fastidio che l’umanità intera, specie se femminile, gli procura. Un’altra sua strategia è imporre a tutti le sue inderogabili abitudini: coltivare orchidee nella serra sul tetto di casa dalle 9 alle 11 e dalle 16 alle 18 di ogni giorno, pranzare alle 13 e cenare alle 20 spaccate, evitare ogni riferimento al lavoro durante i pasti.

Nella puntata in onda stasera, dal titolo Coppia di spade, mentre è a lezione con due allievi, il russo Ludlow e l’americano Faber, nel prestigioso circolo sportivo in cui è istruttrice di scherma, Neya Tormic è accusata dalla signora Falchi del furto di un gioiello. La cugina e collega Carla chiede aiuto a Nero Wolfe: Neya non è altri che la figlia dell’unica donna che l’investigatore ha amato. Nonostante abbia notato che Carla si è recata da lui anche per nascondere un microfilm, Wolfe è attonito e quasi commosso; per questo invia Archie Goodwin al circolo per indagare.

Quando Ludlow viene ucciso con una spada a cui è stato applicato un puntale letale e il puntale viene messo di proposito nell’accappatoio di Neya per accusarla dell’omicidio, appare chiaro che la faccenda è molto più complicata di un semplice furto di gioielli.

Mentre Graziani e la Polizia vengono sollevati dall’indagine con l’intervento dei servizi segreti, un ulteriore omicidio, quello della signora Falchi, conferma a Wolfe che le due ragazze si trovano al centro di un intrigo spionistico. Se da un lato l’investigatore non può evitare di sospettare di omicidio anche la figlia, dall’altro è convinto piuttosto che la ragazza e la cugina si trovino in grave pericolo.