Benvenuti a tavola – Seconda serie in produzione. In forse la presenza di Bentivoglio, più spazio alle ricette.

In pochi ci avrebbero scommesso (fatta eccezione per l’entusiasta produttore, Pietro Valsecchi) sul successo di Benvenuti a tavola, la serie di Canale 5 che vede Fabrizio Bentivoglio e Giorgio Tirabassi nei panni di due ristoratori e rivali. La prima serie giunge all’epilogo, con la messa in onda del 15° e 16° episodio, questa sera sull’ammiraglia Mediaset, registrando un media di circa 4milioni 500mila spettatori, per una share media che supera il 18,5% ed una vittoria sulla fiction proposta dalla concorrenza, Nero Wolfe, che, comunque, ha prevalso di misura nelle restanti settimane. Le tradizioni culinarie del bel paese, i motivi della commedia all’italiana, il carisma degli interpreti; innumerevoli le componenti che hanno contribuito al successo della serie prodotta da Taodue. I due protagonisti, capifamiglia dei Monforte e dei Perrone, sulle pagine di Tv Sorrisi&Canzoni commentano il successo della serie che assume, nelle parole di Fabrizio  Bentivoglio, i connotati di un successo personale.

Mi sembra di cogliere un gradimento nel confronto di quello che abbiamo fatto. Anche e soprattutto fra la gente che incontro per strada. Mi sono avvicinato per la prima volta a un prodotto come questo, e non nascondo che uno dei motivi che mi hanno spinto ad accettare è stato proprio farmi conoscere da più persone, in un clima di complessivo soffocamento del cinema italiano, che non si può sottacere. Si ragiona sulla concreta ipotesi di tornare con la seconda serie. Intanto sono sul set del prossimo film di Antonio Albanese, Tutto tutto niente niente’ nel ruolo di un sottosegretario.

Giorgio Tirabassi interviene:

Mi pare sia andata bene. Gli spettatori si divertono e mi fermano al supermercato chiamandomi Perrone, il nome del mio personaggio, e fanno riferimenti a storie e situazioni viste in tv.

Un successo che trovo riscontro nell’intenzione, confermata dal regista, di mettere in cantiere una seconda serie. Ad anticiparne i dettagli Francesco Miccichè, che ha curato la regia della prima stagione:

Siamo soddisfatti, tanto che gli sceneggiatori hanno già iniziato a scrivere la seconda serie. Il primo ciak, salvo imprevisti, dovrebbe essere a settembre. Sulla storia non s può ancora anticipare nulla, ma di certo le varie ricette, anche all’interno della fiction, acquisteranno sempre più peso. Il pubblico l’apprezza e seguiremo questa strada innovativa.