Teo Mammucari: “Greggio mi ha portato via due programmi”. Sfumata la conduzione di “Striscia” (con la Carrà) e de “Le Iene” (colpa di Brignano).

Teo Mammucari, negli ultimi anni, ha esperito l’ebrezza dell’oblio mediatico, relegato com’era su Italia1, dove ha testato nuovi programmi registrando ascolti tutt’altro che entusiasmanti, dopo la stagione aurea di Libero su Raidue e, grazie al sodalizio con l’nfluente Antonio Ricci, di Veline, Velone e per ultimo Cultura Moderna. Ora, il conduttore ritrova il suo ‘posto al sole’ all’interno del palinsesto Mediaset, tornando, dopo la parentesi Scherzi a parte e Sarabanda, sulla rete ammiraglia alla guida della nuova edizione de Lo show dei record e, da novembre, al sabato sera, di un nuovo show dedicato alla magia, The Illusionist. In un’intervista al settimanale Chi, Mammuccari svela alcuni aneddoti riguardanti la sua carriera, insieme al motivo del divorzio lavorativo con Antonio Ricci.

Qualche anno fa avrei dovuto condurre Striscia la notizia con Raffaella Carrà, era quasi fatta. Ma poi è successo qualcosa che è meglio non racconti, e non se ne fece nulla. Ero uno dei pupilli di Ricci, avevo fatto tanti programmi con lui, poi sono improvvisamente sparito dalla sua trincea.

Il conduttore prosegue nel suo racconto, aggiungendo di aver chiesto a Ricci i motivi del suo allontanamento improvviso dalla squadra: rifiuta di riferire la risposta del patron di Striscia, ma insinua un sospetto.

Ho provato a chiedere ad Antonio come mai non lavorassimo più insieme, ogni tanto andiamo ancora a cena insieme al vegetariano, ma non posso dire la risposta, chiedete a lui. Rivalità con Greggio? Non ci avevo pensato, ora che me lo dice…in effetti Ezio mi ha portato via due programmi, mi ci sta facendo pensare.

Infine, svela che è stato anche uno dei candidati per la conduzione de Le Iene:

Qualche anno fa fui vicino a condurre Le Iene. La scorsa stagione, invece, mi chiamò Davide Parenti, il fondatore del programma, e mi disse che non ero giusto vicino a Brignano. Lo ringraziai di averlo detto perchè non l’avrei mai fatto vicino a Brignano, a lui devi mettere di fianco l’attorino altrimenti scappa, non può fare il monologo di un’ora e mezza.

Eppure, a leggere l’intervista di Chi, si direbbe che le ‘Iene‘ abbiano finalmente trovato il loro guru…