Gerry Scotti a C’è posta per te 2012

La storia di un regalo“. In anticipo sulla concorrenza (sono le 21:05 quando vi scriviamo), Maria De Filippi introduce la sesta puntata di C’è posta per te, presentando l’amico e sodale Gerry Scotti. “Hai messo il peggio“, commenta Gerry, bacchettando la collega per via dei momenti ricompresi nella clip di presentazione. “Ho deciso di interrompere la mia semestrale vacanza. Sono felice di essere qui, nel programma più amato dagli italiani“, continua il conduttore, dando dimostrazione del suo proverbiale sense of humor: “proprio questo tuo modo di fare dà un sorriso a suo marito“, spiega Maria, introducendo la protagonista della storia, Angelina. Cinque bocche da sfamare, quelle dei figli, nessun lavoro da 2 anni. Angela riesce a racimolare poco più di 2cento euro accudendo un anziano, il marito, invece, girovaga per campi, raccogliendo lumache, asparagi ed inseguendo la speranza che qualcuno scelga di comperarle. Talvolta, però, la speranza è delusa e la disperazione suggerisce ad Angela parole dure: “cosa campi a fare se non riesci a mantenere la tua famiglia?!“.

Ora, Carmelo siede al cospetto della moglie. Il suo sguardo è malinconico. Nell’ascoltare le parole scelte dalla conduttrice per raccontare 25 anni d’amore, l’uomo si concede qualche sorriso. Al contrario, Gerry asciuga furtivamente le lacrime che già rigano le guance paffute. “C’è qualcosa che io ho e che mai nessuno potrà levarmi dal cuore: io ho te“, Angela giunge alla dolce conclusione, quando Maria annuncia un primo regalo: “qualcuno dall’alto sta per far scendere qualcosa per i tuoi figli“; è un cesto stracolmo di giochi per i ragazzi.

Sorridevi più prima di vedermi“, sdrammatizza Gerry, affiancando l’affezionato spettatore. “Conoscere gente con la vostra dignità, la vostra forza…“, osserva il conduttore, interrotto da Carmelo: “la ricchezza non sono i soldi, la ricchezza è la vita“. Poi, Gerry si lancia in una dura invettiva: “i politici hanno passato 30 anni a rubare… ma non so se quelli hanno una moglie che li ama e cinque figli come te. E’ una magra consolazione, ma…“. Conclude: “se sei mio ammiratore, io sono tuo ammiratore“.

Il conduttore, quindi, abbandona il pouf e lascia lo studio. Rientra in groppa ad un furgoncino carico di sementi. Carmelo, adesso, potrà ricominciare. Angelina sorride ed invoca il perdono del marito per le parole pronunciate in preda alla disperazione. Breve parentesi promozionale, dedicata al nuovo show di Gerry Scotti, di cui trovate i dettagli su questa pagina.

In aggiornamento