55° Zecchino d’oro (edizione 2012): i concorrenti e le canzoni.

Domani, alle 17:00, 14 piccoli interpreti, undici provenienti da nove diverse regioni d’Italia e tre originari di Argentina, Ecuador e Grecia, insieme ai 50 bambini che compongono il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna, tornano a celebrare, per il 55esimo anno, la musica, che, dal 1959, incanta grandi e piccini, in ogni angolo del mondo (nel 2008, l’Unesco ha insignito la manifestazione del titolo di “Patrimonio per una cultura di pace“). Lo Zecchino d’Oro si affaccia alla sua 55ª edizione, e torna su Rai1 dal 20 al 24 novembre, con la conduzione di Veronica Maya e Pino Insegno. 12 le canzoni in gara, 9 italiane e 3 straniere, con le quali il repertorio dello Zecchino d’Oro arriva a 706 brani; 12 gli stili musicali presenti, dal blues alla tarantella, dal sirtaki al tango; 14 i piccoli interpreti. Dopo avervi presentato i 3 bambini che porteranno lo Zecchino nel mondo, veniamo ai 9 che, invece, racconteranno le regioni d’Italia.

Matilde Zama ha 6 anni e vive a Faenza. Da grande: vorrebbe aprire un negozio chiamato “negozio tuttofare”, insieme alla sua amica, così, ha spiegato “una fa una cosa e una un’altra. Ogni giorno facciamo un lavoro diverso: veterinario, asilo nido, cuoca, cassiera, scuola materna ed elementare, dottoressa… Mi piacciono tanti lavori e quando sono grande voglio farli tutti“. Piatto preferito: pasta al pomodoro, patatine fritte con ketchup e maionese, formaggio, cioccolato ed anche tutte le verdure, di cui dice: “Sono buonissime!“. Della sua settimana all’Antoniano ha scritto: “mi è piaciuto tutto. Mi è piaciuto provare la canzone e incidere il cd. Mi è piaciuta la mensa perché cucinano cose buonissime. Mi è piaciuto conoscere tanti nuovi amici e giocare con loro. Mi sono piaciute tanto la Bea, la Concetta e la Carlotta ma anche tutti gli altri (Liliana Daniela Sabrina e Siro). Cose brutte non ce ne sono state è tutto bellissimo all’Antoniano e io mi sentivo tanto felice“. Canterà Le galline intelligenti (ma sgrammaticate!).

Giada Pontoni ha 5 anni e vive a Roma. Da grande: vuole fare l’astronauta. Piatto preferito: la pasta in bianco senza parmigiano e il tiramisù che prepara lei stessa con l’aiuto di mamma e papà. La sua famiglia è composta da: “mamma Eleonora, papà Roberto, dalla mia sorellina Ginevra il mio gatto Matisse che però quando lo accarezzo mi graffia… dimenticavo: ci sono anche io! La mia mamma e il mio papà sono belli e anche buoni e la mia sorellina è un po’ tremenda. Mi diverto molto insieme ai miei genitori. Nella mia famiglia ci sono anche 4 nonni, Nonna Anna e Nonna Ninni, con le mie nonne mi piace giocare con le barbie, con Nonno Rino mi diverto molto quando giochiamo al gioco della fisarmonica invece con Nonno Alfredo mi piace fare le gare per la scale a chi arriva prima…  nella mia famiglia ho tanti zii e tanti cugini, alcuni più grandi e altri molto piccoli… a me piace tanto giocare con mia cugina Alessia“. Canterà, in coppia con Matilde, Le galline intelligenti (ma sgrammaticate!)

Massimo Spiccia, 4 anni da Spoleto. Da grande: vuole fare il biologo, per eliminare tutti i batteri cattivi, anche quelli dei dentini. Piatto preferito: i cioccolatini e le caramelle, ma anche la pasta con i tartufi e funghi perché gli piace andarli a raccoglierli in montagna con mamma e nonno Natale. Della sua famiglia ha detto: “La mia famiglia è composta da papà Roberto,mamma Maria Carmela e le sorelline Rita la maggiore che mi viene a prendere all’asilo,Dalila la minore che gli piace ballare e recitare, poi ci sono io massimo che mi piace colorare i libricini e i giochi“. Canterà Il mio nasino.

Arianna Pinna, 10 anni da Capoterra. Da grande: sarà cantante, truccatrice e maestra. Piatto preferito: la pizza con le patatine e la pasta piccante. La sua famiglia è composta da: “mamma, papà, io e mia sorella Aurora. Mia sorella Aurora è un po’ dispettosina e prepotente e certe volte urla e certe volte però è un angelo (quando dorme). La mia famiglia è molto vivace”. Della sua prima settimana all’Antoniano ha detto: “è stata in poche parole favolosissima!!! Non ci sono state mai cose brutte!“. Canterà Quello che mi aspetto da te.

Samuele Ostan, 4 anni da San Giovanni in Persiceto. Da grande: …non vuole diventare grande perché vuole giocare sempre e vuole stare sempre vicino a mamma e papà! Piatto preferito: ketchup con le patatine e i wurstel, ma solo crudi non cotti. Della sua famiglia ha detto: “è bella e buona ma quando faccio il monello è anche un po’ cattiva“. Della sua prima settimana in Antoniano ha detto che: gli è piaciuto cantare e vorrebbe sempre continuare a cantare. Canterà Il mondo delle fiabe (la ballata del principe azzurro).

Andrea Leonardi, 9 anni da Acireale. Da grande: sa che diventerà un poliziotto scientifico, per ora frequenta la quinta elementare. Piatto preferito: ama mangiare i tortellini con la panna e il prosciutto, ma è anche goloso di dolci al cioccolato. La sua famiglia è composta da: mamma Grazia, maestra di scuola materna che ha un asilo privato ad Acireale, papà Tony che lavora in ufficio presso le Poste Italiane a Catania, la sorellina Aurora che ama ballare e frequenta la seconda media e lui. Della sua prima settimana in Antoniano Juan ha detto: “La mia prima settimana all’Antoniano è stata bellissima, ho conosciuto dei bambini simpatici, erano tutti molto gentili e quando non cantavamo giocavamo nella stanza dei giochi in gruppo nel gioco UNO. Per me è stata un’esperienza grandiosa e unica perché ho inciso il cd , mi sono divertito tantissimo e ho trovato nuovi amici. Io canterò allo Zecchino D’oro la canzone ‘La banda sbanda’, sono molto felice di cantare questa canzone perché è molto bella e divertente“. Canterà La banda sbanda.

Maranatha’ Lanfranchi, 6 anni da Dazio. Da grande: vorrebbe fare la parrucchiera. Piatto preferito: le cotolette. La sua famiglia è composta da: mamma, papà, il piccolo Mandela di un anno e la sorella più grande che ha 9 anni e frequenta la quarta elementare. Della sua prima settimana in Antoniano ha detto: ricorda solo cose belle, ad esempio la sua canzone che le piace molto. Canterà, in coppia con Samuele Ostan, Il mondo delle fiabe (la ballata del principe azzurro).

Carla Gibilisco, 8 anni da Ragusa. Da grande: vuole diventare una brava pasticciera, perché le piace impastare e fare dolcetti, ma vorrebbe fare anche la parrucchiera. Piatto preferito: la pasta con le lenticchie e la mozzarella, che è anche il tema della canzone che canterà al 55° Zecchino d’Oro. Ci ha raccontato la sua famiglia così: “La mia famiglia è composta da papà Gaetano (medico), da mamma Laura (cancelliere), da me Carla (ho 8 anni, e sono la primogenita), da mia sorella Federica (6 anni) e da mio fratello Alessandro (5 anni). Siamo una famiglia creativa e musicale: trascorriamo molto tempo a disegnare, colorare, e costruire oggetti e giocattoli di cartone, ma ci piace anche ascoltare musica e cantare. Io ed i miei fratelli Federica e Alessandro cantiamo nel coro “Mariele Ventre” di Ragusa“. Canterà La tarantella della mozzarella.

Lorenzo Duoccio, 7 anni da Valle S. Nicolao. Da grande: vorrebbe diventare un pilota di rally. Piatto preferito: la pasta in bianco, la mozzarella e la pizza perché ha la mozzarella. La sua famiglia è composta da: “4 persone, io il mio papà Cristiano, la mia mamma Linda e la mia sorellina che si chiama Corinne. Mi piace tanto giocare con mia sorella anche se a volte litighiamo e ci picchiamo perché lei quando gioco ai videogiochi mi disturba e mi tocca il telecomando così mi fa perdere la gara. Ho anche un cane che si chiama Walli, mi piace giocare con lui in giardino e lanciargli la palla anche se non me la riporta mai indietro“. Della sua prima settimana all’Antoniano ha detto: “Durante la mia prima settimana all’Antoniano subito non conoscevo nessuno poi mi sono fatto tanti amici. Mi è piaciuto tanto soprattutto quando ho inciso la mia canzone. Mi sono divertito tanto ma mi è dispiaciuto quando sono tornato a casa perché sentivo la mancanza di tutti e soprattutto del mio amico Giovanni“. Canterà Il blues del manichino.

Francesca Blasiol, 10 anni da Rovereto. Da grande: Sopra ogni cosa ama la musica e da grande vorrebbe diventare una musicista o un’insegnante di musica. Piatto preferito: non le piace molto mangiare, preferisce la musica. Della sua famiglia ha scritto: “Mi presento: Francesca son io e mi piace fare tutto a modo mio. La mia è una famiglia normale ma per me un po’ speciale: mamma, papà e tre fratelli tutti uniti nei momenti più belli! Papà Giuliano, severo e un po’ brontolone si rilassa molto davanti alla televisione. Per la mamma Elisabetta ogni cosa dev’esser semplice e perfetta. Mia sorella Michela ha tre anni più di me,tranquilla e studiosa, ecco com’è. Il mio fratellino Nicola è l’ ultimo arrivato e da tutti è il più coccolato“. Della sua prima settimana in Antoniano ha detto: “Il momento di difficoltà? Quando Sabrina mi spiegava che la canzone non doveva essere solo cantata ma ‘interpretata con la voce’ e quando mi ha detto che andava bene ero al settimo cielo!! Il momento più brutto? Il ritorno a casa, non solo perché il giorno dopo ricominciava la scuola, la prima media, ma soprattutto perché dovevo lasciare i miei amici. Per fortuna ci ritroviamo tutti a novembre per una nuova avventura in un posto davvero speciale!“. Canterà Lo gnomo Deodato.

Giovanni Barelli, 6 anni da Firenze. Da grande: vuole fare il pilota di macchine da corsa. Piatto preferito: gli piacciono le cotolette fritte e la pasta al ragù. Della sua famiglia ha detto: “La mia famiglia è bellissima e ci divertiamo insieme al mare a fare i tuffi“. Della sua prima settimana in Antoniano ha detto: “Mi è piaciuto stare con tanti bambini nuovi, giocare ai giardini con Lorenzo, e cantare con le cuffie. Mi piacciono anche la maestra Sabrina e Siro», e della canzone: «mi piace da morire perché il lupo è simpatico e alla fine dice ‘ma allora ce l’avete con me?‘”. Canterà Lupo Teodoro.