“Sereno Variabile Estate” in Puglia; “Terre Meravigliose” in Sardegna.

2

Se, su Rai1, Donatella Bianchi segue, anche quest’anno, la “Linea Blu” che demarca le coste della nostra, bella penisola; su Rai2, Osvaldo Bevilacqua [ri]parte per le vacanze, raccontando l’Italia dei vacanzieri nel nuovo ciclo di Sereno Variabile Estate, in onda, ogni sabato, alle 13:30.

Nella quarta puntata di quest’edizione, il giornalista, che percorre in lungo ed in largo la penisola dal 1977 (!), rivolgerà un “saluto cordialissimo” dalla Puglia. Osvaldo Bevilacqua, infatti, visita Torre Vado, Santa Maria di Leuca e Salve, località della provincia di Lecce, territorio ricco di bellezze naturalistiche, di tradizioni e di sapori. Il popolare gruppo di musica della tradizione salentina Officina Zoè apre la puntata suonando ai piedi della torre costiera di Torre Vado, località balneare in provincia di Lecce, nei pressi di Santa Maria di Leuca. Dopo una visita al secolare Santuario di Santa Maria di Leuca “De Finibus Terrae” e al porto della città per incontrare i pescatori, le telecamere del programma mostrano le grotte marine che si aprono sulla costa jonica e adriatica. Pesca turismo e immersioni subacquee alla scoperta di relitti e dei fondali caratterizzano la parte dedicata al mare di Torre Vado. A chiusura del viaggio di “Sereno Variabile” in un’antica masseria nelle campagne di Salve Osvaldo Bevilacqua incontra il regista Edoardo Winspeare, autore dei film “Sangue Vivo” e “Pizzicata”, e Lamberto Probo, tamburellista e componente degli Officina Zoè.

Alle 17:15, su Rai2, torna anche Terre Meravigliose, con la sua terza edizione. Federica Peluffo va alla scoperta dell’arcipelago della Maddalena (Olbia – Tempio), con i suoi angoli di fascino e le tante calette da scoprire. Una visita all’isola di Caprera offre lo spunto per parlare di Giuseppe Garibaldi, che visse qui gli ultimi anni della sua vita, e della scuola di vela più importante d’Italia. Un lungo itinerario, ricco di sorprese, fa conoscere da vicino le innumerevoli fortificazioni disseminate sull’arcipelago. Come sempre poi, il momento dedicato alla ricetta. Infine i qr code, che permettono ai telespettatori di scaricare, tramite uno smartphone, ulteriori filmati, per avere informazioni e curiosità supplementari sulla Maddalena.