Servizio Pubblico – Puntata del 21/11/2013 – “La congiura degli innocenti”, con Cuperlo, Salvini e Landini.

Video, temi ed ospiti della puntata di Servizio Pubblico in onda, su La7, il 21 novembre 2013.

s2

Alfano, Schifani, Cicchitto, Formigoni, Quagliariello, Giovanardi, Lupi & C., ovvero il “Nuovo Centro-Destra“, come Sergio De Gregorio e la premiata ditta Razzi&Scilipoti; a sostenerlo, in un imperdibile pezzo su Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, che invita i lettori a riflettere su quanto di misero è avvenuto nel Pdl. Nella sua invettiva, il giornalista che gli alfieri delle libertàhanno tradito gli elettori del Pdl (che votano Berlusconi, non certo loro) non per soldi ma per poltrone“; come De Gregorio, che anzi tradì Di Pietro e per soldi e per mantenere la poltrona; e come Razzi e Scilipoti, che, eletti nel 2008 con l’Idv, hanno fatto da stampella alla maggioranza traballante, perché senza i finiani, su cui poggiava il governo Berlusconi, ingolositi dalla generosa offerta del Cavaliere, maestro nella compravendita di parlamentari e mignotte (cito il sommo Feltri). Quelli del Ncdsono stati eletti nel Pdl per contrapporsi al Pd di Bersani. Poi, insieme a Berlusconi, hanno tradito una prima volta il mandato elettorale andando al governo con il Pd“, quindi “hanno tradito una seconda volta il mandato elettorale, staccandosi dal Pdl“, ma “l’ultimo che può scandalizzarsene è proprio Berlusconi: chi di tradimenti ferisce, di tradimenti perisce“. Travaglio, quindi, demolisce l’illusione che, in Italia, possa nascere un centrodestra ‘normale:

Tutti hanno già dimenticato che questi due signori [Alfano e Schifani] hanno prestato il loro nome e la loro eventuale faccia a tre leggi, o “lodi”, poi dichiarate incostituzionali dalla Consulta: il lodo Schifani per impunità delle cinque alte cariche dello Stato (cioè di B.), il lodo Alfano per l’impunità delle quattro alte cariche dello Stato (cioè di B.), il legittimo impedimento Alfano per l’impunità del premier e dei suoi ministri (cioè di B.). Ora questi due impuniti vengono a raccontarci che B. deve scindere le sorti dei suoi processi da quelle del governo.

Quindi, sconsolato, anticipa quello “che accadrà nei prossimi mesi”:

B. passerà all’opposizione di un governo immobile (altro che stabile) che non fa nulla o, se fa qualcosa, è per imporre nuove tasse e sacrifici. Uno spot permanente per B., che è già in campagna elettorale contro il governo delle tasse e dell’euro. Così, quando finalmente si voterà, B. risorgerà un’altra volta grazie a quelli che pensavano di averlo ucciso. E la speranza di un centrodestra normale, anziché più vicina, sarà più lontana.

Veniamo alla puntata di Servizio Pubblico, dal titolo “La congiura degli innocenti“, in onda questa sera, su La7Il Presidente del Consiglio Enrico Letta avverte il Pd “che la sfiducia al Ministro Annamaria Cancellieri sarebbe una sfiducia al Governo“. Ma dietro la fiducia alla Cancellieri c’è solo il giudizio sulla sua credibilità o c’è anche la paura che questo caso potesse pregiudicare la sopravvivenza del Governo, nei giorni in cui sale il dualismo tra Letta e Renzi nel Pd e si avvicina la data delle primarie democratiche dell’8 dicembre, per l’elezione del nuovo segretario? E questo Governo, serve davvero?

In Italia gli imprenditori dichiarano meno dei dipendenti o se ne vanno all’estero per le troppe tasse, la Sardegna devastata da un ciclone si ritrova a fare i conti con i rischi di aver costruito troppo e con i soldi per la ricostruzione che non ci sono e, secondo l’Istat, sempre più famiglie vedono la loro situazione economica peggiorata. Se la Cancellieri merita la fiducia e il Governo ha fatto tutto quello che poteva fare, di chi sono le responsabilità politiche?

Ospiti in studio: Gianni Cuperlo, candidato alle primarie del Pd, Matteo Salvini, Lega Nord, e Maurizio Landini, segreteraio generale della Fiom.

Per il VIDEO dell’editoriale di MARCO TRAVAGLIO clicca qui

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter