La prova del cuoco – Puntata del 18/10/2014 – Rita Dalla Chiesa ai fornelli, ricetta della domenica, Natalia Cattelani, nonno&nipote e nuove rubriche.

La prova del cuoco“: la diretta e le ricette della puntata del 18 ottobre 2014, con Antonella Clerici.

pdc2

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche. Anteprima con Marco Di Buono e Lorenzo Branchetti che assistono al Provino in diretta di un’aspirante concorrente, la signora Rosaria di Barletta che propone un suo piatto, sformato di bucatini con fagiolini.

pdc1

Ingredienti:

  • 100 g di bucatini, 150 g di fagiolini, 200 g di sugo di pomodoro ristretto, 100 g di parmigiano, 100 g di stracciatella, foglie di basilico, olio extravergine di oliva, 1 cipolla

Lessiamo i bucatini in acqua bollente e salata, lessiamo i fagiolini. Prepariamo un sugo di pomodoro scaldando in una padella un goccio di olio, uniamo una cipolla tagliata finemente, la passata di pomodoro e facciamo cuocere tutto. Uniamo quindi i fagiolini lessati, amalgamiamo.

pdc2

Scoliamo i bucatini nel sugo, amalgamiamo bene, trasferiamo in una ciotola e uniamo la stracciatella e un po’ di formaggio grana e mescoliamo bene. Mettiamo il composto in una teglia da forno, spolveriamo di parmigiano e inforniamo a gratinare per circa 10/15 minuti a 180°. Mettiamo sopra ancora un po’ di sugo e qualche foglia di basilico e buon appetito.

pdc1

La breve sigla del sabato ed ecco subito Antonella pronta per la gara dei cuochi. Assisitite dai cuochi Ivano Ricchebono e GianPiero Fava, abbiamo oggi Rita Dalla Chiesa contro una sua amica, Antonella Fazio. Tra risate e racconti si arriva al termine della gara che vede la vittoria con il 55% di preferenze della squadra del peperone.

pdc1

Lorenzo Branchetti è in compagnia del re del barbecue, Donald Scalamarini, che oggi ci propone l’hot dog, proponendo la classica ricetta di New York. Lessiamo, oppure grigliamo dei classici wurstel. Facciamo una salsa di cipolle tagliando a fettine delle cipolle rosse e le emttiamo a stufare in una padella con un goccio di olio e un pizzico di sale, facciamo ben stufare per 45 minuti unendo anche uno spicchio di aglio tritato. In una ciotola mettiamo mezzo bicchiere di acqua, un cucchiaio di amido di mais e amalgamiamo bene con una frusta, uniamo un cucchiaio di concentrati di pomodoro oppure due cucchiai di passata di pomodoro, un cucchiaio di aceto balsamico, un cucchiaino da caffè di senape e uno di zucchero di canna, un pizzico di cannella e di tabasco e amalgamiamo bene tutto. Uniamo il tutto nella pentola con le cipolle e facciamo cuocere a bassissima temperatura per un’ora. Tagliamo in due il classico pane da hotdog, mettiamo dentro un wurstel intero, un pochino di senape, un po’ di salsa di cipolla fatta e un pochino di crauti. Chiudiamo e buon appetito!

pdc2

Suona la campanella, c’è Tata Francesca e anche Marco Di Buono. E’ quindi il momento della merenda, e la tata ce ne consiglia una molto gustosa e salautare per tutti i bambini, ma non solo. La merenda è un pasto spesso molto bistrattato, invece non va bene, è un pasto importante come gli altri. Oggi prepariamo delle focaccine dolci all’uva.

pdc1

Serve del classico impasto per la pizza acanzato, prendiamo quindi dei pezzettini di pasta lievitata e li stendiamo, prendiamo un po’ di uvetta rossa e bianca, la laviamo, asciughiamo e poi tagliamo i vari acini a metà togliendo i vari semini. L’uva fa bene perchè è un prodotto di stagione, è un concentrato di energia, è un potente antiossidante, è ricca di vitamine e di sali minerali. Alternandone i colori mettiamo qualche acino di uva sopra ad ogni impasto steso, aggiungiamo qualche pinolo o in alternativa qualche pezzttino di noce, spolveriamo con un pochino di zucchero di canna e cuociamo in forno a 180°/200° per 20/30 minuti. Buona merenda!

pdc2

Lorenzo Branchetti conduce lo spazio dedicato alla maestra in cucina che, come ormai da tradizione, quello della giornata del sabato è di Natalia Cattelani, per la rubrica Cucina in famiglia. La cuoca oggi propone un classico primo piatto ma rivisitato a modo suo, i paccheri alla mia amatriciana.

pdc1

Ingredienti:

  • 350 g di paccheri, 150 g di guanciale, 500 g di pomodori pelati, 30 g di pecorino, 30 g di grana

Lessiamo i paccheri in acqua bollente e salata. Tagliamo a striscioline le fettine di guanciale e lo mettiamo a rosolare in una padella antiaderente e lasciamo diventare croccante senza aggiungere alcun condimento.

pdc2

Schicciamo con una forchetta la metà dei pelati, l’altra metà li mettiamo nel mixer, uniamo il grana, il pecorino e frulliamo ottenendo così una cremina. Una volta che il guanciale è ben rosolato ne togliamo metà, alla restante uniamo i pelati schiacciati e facciamo cuocere qualche minuto. Scoliamo i paccheri nella padella del sugo, mantechiamo unendo la cremina fatta, amalgamiamo e impiattiamo guarnendo con la restante parte di guanciale croccamte. Buon appetito!

pdc3

Come ogni sabato che si rispetti non può di certo mancare l’angolo del dolce, ed oggi ritroviamo Pietro Macellaro, un pasticcere ma che si dedica anche allagricoltura visto che ha un’azienda agricola nel cilento. Presenta la perla di castagne, un dolce semplice da realizzare ma con alcune particolarità. 

Ingredienti:

  • Per la glassa: 450 g di acqua, 400 g di zucchero semolato, 300 g di panna, 120 g di cacao, 25 g di sciroppo di glucosio, 15 g di gelatina
  • Per la crema di ricotta: 600 g di ricotta di bufala, 150 g di zucchero a velo, 120 g di gocce di cioccolato fondente, un goccio di rhum, 180 g di castagne candite, 1 bacca di vaniglia
  • Per il pan di Spagna: 200 g di tuorlo d’uovo, 100 g di zucchero semolato, 200 g di farina0, 50 g di cacao, 300 g di albume1 150 g di zucchero semolato

pdc3

Prepariamo una gelatina a specchio mettendo in un pentolino l’acqua, lo zucchero, il cacao in polvere, la panna, lo sciroppo di glucosio, facciamo cuocere fino a raggiungere i 104°. Sarà pronta quando immergendo un cucchiaio questo non traspare, quindi a questo punto uniamo la gelatina che prima ammolliamo nell’acqua. Prepariamo ora la crema di ricotta e castagne, mettiamo in una ciotola la ricotta setacciata, lo zucchero a velo, le gocce di cioccolato, le castagne candite e una bacca di vaniglia, un goccio di rhum e amalgamiamo tutto e trasferiamo in un sacco a poche. Realizziamo un pan di Spagna molto morbido, utilizzando gli ingredienti sopra citati e procedendo come spesso visto anche a Dolci dopo il Tiggì. Lo cuociamo in forno a 180° per 20/25 minuti.

pdc2

Componiamo il dolce in uno stampo cilindrico e scodella con un primo strato di crema di ricotta, un disco di pan di Spagna, altra crema di ricotta e così via terminando con il pan di Spagna e mettiamo in abbattitore. Sformiamo il dolce e lo glassiamo con la gelatina a specchio. Facciamo rapprendere la glassa e decoriamo con dei piccoli macarones, semi di papavero e del cioccolato bianco a ciuffi o con decorazioni a piacere. Ultimiamo con marron glacè. Buon appetito.

pdc1

Ecco ora Nonno&Nipote, ossia Augusto Tocci, lo gnomo per eccellenza, insieme a Lorenzo Branchetti. Augusto anche stavolta fa da Cicerone al giovane Lorenzo svelandogli i segreti del bosco. Oggi Augusto ci parla della borragine, erba aromatica tipica della Liguria, si trova lungo le strade, nei campi, nei boschi. Questa pianta ha dei pregi notevoli per la nostra salute, fa bene all’apparato digerente, è la pianta più ricca in assoluto di omega6.

pdc1

Mettiamo in una padella antiaderente delle foglie pulite e lavate di borraggine, le facciamo appassire con un goccio di olio, uniamo due uova sbattute , un pizzico di sale e facciamo un’ottima frittata. Un altro piatto è il pesce verde: mettiamo nel mortaio dei capperi, un po’ di tonno in scatola sbriciolato e dello stracchino e pestiamo facendo un impasto. Mettiamo il composto sopra delle foglie di borragine e chiudiamo arrotolando ad involtino. Li mettiamo in un tegame con un goccio di olio e facciamo cuocere per 5 minuti.

pdc2

Marco Di Buono è in compagnia di Annina Moroni, pronta per la sua ricetta della domenica. La cuoca eugubina oggi propone un piatto completo: lo spinacino di vitella con besciamella ai funghi.

Ingredienti:

  • 600 g di spinacino di vitello, 200 g di latte, foglie di basilico, foglie di salvia, prezzemolo, rosmarino, 100 g di burro, 1 cucchiaio di farina, 50 g di funghi secchi porcini, pane grattugiato, 1 tuorlo d’uovo, 1 cucchiaio di grana, 1 fettina di prosciutto cotto tagliata alta, vino bianco qb, sale
  • Per accompagnare: 500 g di purea di zucca, 200 g di purea di spinaci

pdc2

Prepariamo la besciamella e in un pentolino sciogliamo una noce di burro, uniamo la farina e amalgamiamo bene, a parte scaldiamo il latte con gli aromi, ossia basilico, prezzemolo e rosmarino, poi togliamo gli aromi, uniamo il latte al composto di burro e farina e cuociamo formando così la classica besciamella che deve essere molto densa. Mettiamo a bagno i funghi nell’acqua per farli rinvenire, poi li mettiamo a cuocere in una padella con una noce di burro, unendo anche la loro acqua che prima filtriamo. Una volta cotti li frulliamo ad immersione.

pdc3

Mettiamo la besciamella, che ripetiamo deve essere molto densa, in una ciotola, uniamo un uovo, il formaggio grana, un cucchiaio di pane grattugiato (se occorre), amalgamiamo tutto. Tagliamo a cubetti piccoli la fetta di prsociutto cotto, li uniamo nella ciotola, mettiamo anche tutti i funghi frullati e amalgamiamo bene tutto. Prendiamo ora il pezzo di carne, lo spinacino, lo saliamo all’interno e lo riempiamo con tutto il composto fatto, quindi chiudiamo con ago e filo.

pdc4

Lo rosoliamo in un tegame con un goccio di olio, uno spicchio di aglio e qualche foglia di aglio, poi una volta ben rosolato sfumiamo con il vino bianco e facciamo cuocere per almeno un’ora, unendo del brodo se necessario. Una volta cotto lo tagliamo a fette e lo serviamo con la purea di zucca e di spinaci. Buon appetito.

pdc1

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter