Linea Bianca – Tredicesima puntata del 8 aprile 2017 – Il carosello sciistico della val di Fiemme.

BiancaIl pomeriggio del sabato di Raiuno vede alternarsi i colori: il blu di Linea Blu e del mare, lascia spazio, nei mesi invernali a quello bianco e a Linea Bianca, il programma dedicato alla montagna e a tutto ciò che la circonda, compresi i prodotti tipici e la gastronomia di quei luoghi.

Linea Bianca

Tredicesimo appuntamento oggi, come ogni sabato dalle 14 alle 15, con Linea Bianca, condotta da Massimiliano Ossini con la partecipazione di Alessandra Del Castello. Tremilaseicento piste da discesa per un totale di seimilasettecento chilometri, soffici distese bianche, imponenti vette innevate che fanno da sfondo a una natura incontaminata: si va alla scoperta delle montagne più belle ed affascinanti d’Italia.

Bianca Non solo neve, ma anche curiosità, sapori, personaggi e divertimento: dal dissesto idrogeologico al problema della sicurezza in montagna, alla tutela e difesa dell’ambiente; queste alcune delle interessanti tematiche, di grande attualità, che verranno affrontate nel corso dei quindici diversi appuntamenti che andranno avanti sino ai primi di Aprile.

Tredicesima puntata | Val Di Fiemme

Oltre cento chilometri di piste, baite, rifugi, neve e divertimento:  un viaggio nel comprensorio dello Ski Center Latemar, il più grande carosello sciistico della Val di Fiemme, con i tre punti d’accesso di Predazzo, Pampeago ed Obereggen, in Trentino Alto Adige. Una spettacolare vista dall’Ortles Cevedale alle Dolomiti: nella cornice della catena montuosa del Lagorai, con una guida alpina, in cima a Pala Santa, a quota 2487 metri, una suggestiva apertura per Massimiliano Ossini e Lino Zani. Il risveglio della natura: alle porte di Cavalese, utili e importanti consigli per avvicinarsi all’arrampicata sportiva.

BiancaOriginali istallazioni che dialogano con i pascoli e le guglie dolomitiche del Latemar lungo un percorso ad anello di tre chilometri: nel comprensorio sciistico di Pampeago, alla scoperta di “Land Art”, uno dei parchi d’arte più alti al mondo. Il pregio di ambienti contigui ma assai eterogenei che si estendono su una superficie di quasi 200 km2, un patrimonio tra fauna e flora di grande valore naturalistico: passeggiando nel bosco di abeti rossi di Paneveggio, il risveglio della montagna ai primi tepori primaverili  e le bellezze del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino.

Un carosello sciistico spettacolare

Un pozzo profondo 200 metri per la realizzazione di un impianto di geotermia, innovativi materiali rispettosi dell’ambiente, travature lignee lasciate a vista, una struttura portante realizzata in legno di abete rosso: ad Obereggen, sulle piste da sci, il rifugio Oberholz, mirabile esempio di audace e raffinato design, ma anche campione di sostenibilità. Il futuro del soccorso sotto la neve: sulle piste dello Ski Latemar, il progetto “Sherpa”, l’innovativo sistema di droni cielo/terra in grado di lavorare in condizioni estreme e localizzare, in pochissimo tempo, una persona sepolta fino a tre metri sotto la neve. Il fenomeno dello slittino naturale: ad Obereggen, sulla nuova pista di slittino Absam, imprese e trionfi di  Patrick Pigneter, il 19 volte campione del mondo.

IMG_3853 IMG_3856 IMG_3861 IMG_3864 IMG_3870 IMG_3871 IMG_3877 IMG_3881 IMG_3885 IMG_3888