La prova del cuoco – Puntata del 14 marzo 2018 – Le ricette di oggi.

La prova del cuocoMercoledì 14 marzo 2018, come ogni giorno, c’è solo un programma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quasi diciotto anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

E88C2311-80A9-46A2-B8AA-F731298D2E0F

La gara | Primo round

Dopo la breve anteprima in cui Tinto era in esternain Abruzzo, a L’Aquila alla scoperta di pasta e fagioli, si parte, entra Antonella, i saluti inziali e al via con il 1° round della gara. I cuochi in gara oggi sono per il pomodoro Riccardo Facchini  e per il peperone Francesca Marsetti. In 10 minuti, sul tema della pasta alla boscaiola, Riccardo propone glistrichetti con prosciutto, funghi champignon e crema di formaggio, mentre Francesca propone le pennette con funghi, salsiccia e piselli.

18F394E5-D146-44F3-BFF8-E6FC3146C943A giudicare poi la stessa Antonella, che assaggia e decreta un vincitore. Chi perde ha una penalità nella gara finale, scelta dallo sfidante vincitore tra cinque opzioni di scelta. E per Antonella, vince Riccardo.

68255702-FCE1-4852-AA29-A80219744437Buonissimi entrambi, premia l’amalgama e la crema che si è creata nel piatto di Riccardo. Qui non viene data la ricetta, con gli ingredienti precisi, ma si seguono solo le gesta dei cuochi.

B71ADBE9-A62E-41BB-B2D2-8D012DECA4B1

Stinchi di maiale al forno con insalatina | Alessandra Spisni

Su richiesta di Antonella, Alessandra Spisni prepara un secondo piatto ricchissimo, economico ma dalla lunga preparazione. Prepariamo gli stinchi di maiale al forno.

  • 2 stinchi di maiale interi, 40 g pancetta a striscioline, 2 spicchi di aglio, 4 foglie di salvia, 4 ciuffetti di rosmarino, 20 g burro, 250 g vino bianco, 500 g brodo matto, sale e pepe
  • Insalatina di radicchio: 2 cespi di radicchio tardivo, 100 g pancetta a dadini, aceto di vino bianco, sale e pepe

stinchiPratichiamo delle incisioni sullo stinchi. Passiamo gli spicchi d’aglio nel sale e nel pepe, arrotoliamo nella pancetta affettata ed inseriamo nei tagli praticati sulla carne. Inseriamo anche dei rametti di rosmarino salati e pepati. Posizioniamo gli stinchi all’interno di un tegame e versiamo sopra il burro fuso. Lasciamo abbrustolire sul fornello su tutti i lati. Bagniamo con il vino bianco ed con il brodo. Copriamo e lasciamo cuocere, in forno, a 180° per 1 ora e mezza. Scopriamo e lasciamo cuocere ancora mezz’ora.

pdc1Per l’insalata, tagliamo il radicchio a tocchetti. A parte, facciamo tostare la pancetta a cubetti in padella. Sfumiamo con l’aceto. Condiamo il radicchio con sale, pepe e pancetta abbrustolita e sfumata.

pdc2

Risotto con estratto di carote e toma blu | Sergio Barzetti

Torna Sergio Barzetti, assente da qualche tempo. Ci prepara un risotto raffinato, che prevede un abbinamento inedito, ma semplice e goloso. Ecco il risotto con estratto di carote e toma blu.

  • 320 g riso Carnaroli, 8 carote, 150 g toma blu, carrube in polvere, qualche goccia di limone, 1 mazzo di alloro, olio evo, sale, brodo vegetale a base di mele, carote e alloro

risottoScegliamo un riso Carnaroli. Tostiamo il riso in un tegame per qualche istante, senza aggiungere grassi. Bagniamo con un brodo a base di carote e mele e portiamo a cottura. Intanto, facciamo un estratto di carote con, appunto, l’estrattore. Oppure frulliamo tutto e filtriamo, in modo da ricavare il succo. Aggiungiamo l’estratto di carota a metà cottura e bagniamo con qualche goccia di succo di limone. Completiamo la cottura, aggiungendo del brodo al bisogno.

pdc3Intanto, scaldiamo l’olio con le foglie di alloro. Lasciamo in infusione per qualche tempo. A fine cottura, mantechiamo il risotto con l’olio all’alloro e la toma blu a cubetti. Impiattiamo, spolveriamo con la farina della polpa di carrube e decoriamo con cubetti di toma.

risotto2

Ciambellone soffice con water roux | Natalia Cattelani

Questo mercoledì è più dolce con Natalia Cattelani. L’abile cuoca, oramai pasticcera provetta, propone uno dei suoi ‘dolci di casa’ (il libro con il medesimo titolo è già in libreria). Oggi, in particolare, un trucchetto per mantenere i vostri dolci freschi per più giorni, il water roux.. Prepariamo il ciambellone sofficissimo con water roux.

  • Water Roux: 25 g farina, 125 g acqua
  • Ciambellone: 400 g farina, 200 g zucchero, 4 uova, 120 g burro morbido, 120 g latte, buccia di limone, 80 g mirtilli disidratati, 1 bustina di lievito, 1 pizzico di sale

ciambellone2Sperimenteremo la tecnica del water roux, che ci permette di conservare i nostri dolci freschi e soffici per più giorni e ridurre la quantità di uova e burro. In una ciotola mettiamo la prima dose di farina, 25 g. Aggiungiamo l’acqua fredda, mescolando con una frusta manuale. Traferiamo la pastella ottenuta in un pentolino e, continuando a mescolare, scaldiamo fino ad ottenere una sorta di crema. Trasferiamo in un piatto, lo spalmiamo, lo copriamo con la pellicola a contatto e lasciamo intiepidire in frigorifero.

pdc4In una ciotola, mettiamo le uova intere con lo zucchero ed un pizzico di sale. Lavoriamo con le fruste elettriche per qualche minuto. Aggiungiamo il water roux tiepido e mescoliamo ancora. A questo punto, aggiungiamo il burro morbido e la buccia di limone grattugiata. Continuando a mescolare, aggiungiamo il latte intero e, infine, la farina setacciata insieme al lievito per dolci. Mescoliamo.

ciambellone3Infariniamo ed imburriamo uno stampo da ciambella (oppure usiamo lo staccante per teglie di Natalia, qui la ricetta). Trasferiamo all’interno l’impasto. Infariniamo leggermente i mirtilli disidratati e li disponiamo sull’impasto, quindi mescoliamo leggermente, in modo da coprirli un po’ con l’impasto. Inforniamo a 170° per 40 minuti.

ciambellone1Gara dei cuochi

  • Pomodoro: Riccardo Facchini/ Monica Pietrarelli
  • Peperone: Francesca Marsetti/ Vittorio Porretta
  • Giurato Sonia Peronaci.  Giudizi – Tecnica: 87  Gusto: 86  Impiattamento: 8 Per 20 a 24 vince il pomodoro.

pdc5