“Fratelli Caputo” – Quarta e ultima puntata di venerdì 8 gennaio 2021 della fiction di Canale5.

Quarta e ultima puntata, in prima serata su Canale5 la nuova fiction “Fratelli Caputo” con protagonisti Nino Frassica e Cesare Bocci, coppia insolita considerando anche che i due attori sono, per la maggior parte, protagonisti di fiction Rai.

Fratelli Caputo | Quarta e ultima puntata venerdì 8 gennaio 2021

Alberto, già sufficientemente tormentato dalle beghe in comune, scopre, insieme a Patrizia, il segreto del figlio Andrea: pur studiando Economia con il massimo rendimento, sogna di diventare un cantautore e vuole partecipare a un talent show con la complicità dello zio Nino. Patrizia ha avviato il business delle borsette con l’aiuto di Agata, che coordina le sarte con un piglio dittatoriale, e cerca bruscamente di allontanare Carmela per “proteggere” il figlio dalle mire della donna.

Barbara è sempre più assorbita dal latino e da Simone. Alberto, forse per superficialità o forse per dispetto, fa l’ennesimo sgarbo a Nino il quale, offeso nei sentimenti e nell’orgoglio, decide di allearsi con Valenti per sfiduciare il Sindaco. Alberto è messo alle strette da una mozione di sfiducia capeggiata da Nino, deciso più che mai a rispedire il fratellastro a Milano. Andrea, intanto, si esibisce nel talent show e tutta la famiglia si raccoglie davanti alla tv per assistere e commentare insieme la indiscutibile bravura del ragazzo. C’è anche Simone che forse troverà il coraggio di dichiararsi a Barbara.

E c’è Carmela che forse riuscirà a zittire Agata e a stupire Nino che, a sua volta, saprà ribellarsi alla madre per la prima volta in sessant’anni. Aldilà di tutte le beghe e di tutti i litigi, è giunta l’ora, per la famiglia di Alberto, di tornare a Milano. Il sindaco, però, vuole seguire la famiglia ed è intenzionato a dare le dimissioni, lasciando a Nino l’opportunità di sostituirlo. Ogni pezzo sembra essere tornato al posto giusto, eppure quest’addio è troppo doloroso per tutti.

Fratelli Caputo | La Trama

La fiction racconta la storia di un rapporto di amore/odio e di un eterno conflitto tra due fratellastri, Nino (Nino Frassica) e Alberto (Cesare Bocci) che si conoscono per la prima volta a distanza di cinquant’anni. Sono entrambi figli di Calogero Caputo, rimpianto sindaco di Roccatella che nel paesino siciliano aveva sposato Agata (Aurora Quattrocchi) e avuto il suo primo figlio, Nino. Calogero, però, durante un viaggio di lavoro a Milano aveva conosciuto Franca (Anna Teresa Rossini) e da lei aveva avuto il secondo figlio, Alberto (Cesare Bocci), abbandonando così la famiglia siciliana.

Nino è cresciuto così senza padre, con la ferita di un abbandono che la madre non ha mai cercato di attenuare ma che ha acuito, manifestando continuamente il suo odio per il marito fedifrago e peccatore. Alberto, al contrario, ha avuto un padre, una famiglia felice e una formazione universitaria, tutto quello che a Nino è stato negato.

Sulla scia dell’esperienza paterna, Alberto arriva a Roccatella per candidarsi come sindaco ma ben presto invade la vita di Nino. Scopre infatti che il casale in cui vivono Agata e il fratellastro è il suo e li costringe a una convivenza forzata, portando con sé tutta la sua famiglia milanese: la moglie Patrizia (Sara D’Amario), la figlia Barbara (Giorgia Boni), i figli Andrea (Riccardo de Rinaldis) e Giacomo (Riccardo Antonaci).