La prova del cuoco – Puntata del 27/12/2012 – Speciale campanile di Natale e tante ricette.

Breve anteprima con Anna Moroni intenta a consigliare un aperitivo per il Capodanno: mettiamo in  infusione dei  frutti di bosco con un liquore dolce e dello zucchero di canna, aggiungiamo dello spumante italiano, versiamo nei bicchieri ed ecco un ottimo aperitivo. Sigla ed ecco Antonella, che raggiunge Andrea al pianoforte, qualche battuta sul capodanno ormai imminente, i saluti al pubblico ed Antonella corre da Franco Martinetti per uno speciale del campanile italiano dedicato al Natale.

Abbiamo un campanile animato dalle gesta di “vecchi amici“, visto che rivedremo i rappresentanti di due località già vincitrici in passato: il Lazio (Casalvieri, Frosinone) con i fratelli Matteo e Marco UIacobelli che propongono il  ragu di anatra con tagliolini e il tacchino ripieno di castagne e  il Trentino Alto Adige (Romero, Trento) con i fratelli  Mario e Sandro Dinuzzo che presentano le tagliatelle con patata e speck su fondua di casodei  e il filetto di salmerino su crema di patate.

Senza nessuna gara, quindi nessun televoto, i concorrenti delle due località fanno un esercizio di stile, presentando i loro piatti migliori. Da sottolineare come i rappresentanti delle due località siano grandi amici tra loro. Antonella e Franco si alternano nelle due cucine per raccontare le tradizioni e le origini dei prodotti tipici delle zone,  Franco, in particolare, ne racconta gli aneddoti e le curiosità.

Ed ora copriamo i segreti dello chef, che anche quest’oggi è Andrea Ribaldone. Il cuoco propone un piatto golosissimo: la  crema bruciata di zabaione con frutta invernale. Ecco gli ingredienti.

In una ciotola mettiamo i dieci rossi delle uova, aggiungiamo cinque cucchiai di zucchero, sbattiamo il tutto con la frusta fino a che non si è ammorbidito bene il tutto. Per uno zabaione leggero aggiungiamo il moscato anzichè il Marsala, e questo è il primo segreto. Aggiungiamo quindi il moscato, amalgamiamo bene e trasferiamo il tutto sul fuoco mettendolo in un pentolino di rame e continuanado ad amalgamare con la frusta  efacciamo cuocere a fiamma bassa fino a quando diventa bello spumoso. Prepariamo un’insalata di frutta invernale usando la melagrana che puliamo, sgraniamo e mettiamo in una ciotola insieme ai chicchi.

Aggiungiamo la mela sbucciata e tagliata a cubetti, l’arancia pelata a vivo e tagliata a spicchi, della frutta secca (noci e pistacchi), aggiungiamo poi anche il frutto della passione perchè aggiunge acidità e contrasterà il gusto dello zabaione. Uniamo anche dei marroni canditi e amalgamiamo il tutto. Impiattiamo mettendo l’insalata, mettiamo una pallina si gelato alla vaniglia (e questo è il secondo segreto per creare il contrasto), mettiamo sopra lo zabaione coprendo tutto, mettiamo sopra dello zucchero di canna e bruciamo creando il brulè. Buon appetito!

‘Tutti a tavola‘ è la canzoncina che introduce Anna Moroni pronta a proporre i suoi antipasti ideali per il Capodanno. Oggi, in particolare, spizzichiamo gli antipasti in crosta di Capodanno.  Prendiamo un rotolo di pasta sfoglia e la tagliamo prima a rettangoli e poi a triangoli. Nella parte più larga dei triangoli mettiamo un gambero che prima puliamo bene, arrotoliamo i triangoli di sfoglia formando dei cornetti, li mettiamo su una teglia foderata con carta forno.

Altri tirnagoli invece li farciamo con dei pezzetti di briè e una prugna e arrotoliamo sempre formando dei cornetti (in alternativa possiamo mettere una noce al psosto della prugna, o altri li facciamo con gorgonzola e noci). Prendiamo un altro rotolo di pasta sfoglia, ne ricaviamo due cerchi più piccoli e altri due più grandi e con un cerchio grande e uno piccolo farciamo i tomini, spennelliamo sempre poi con l’uovo, guarniamo con semi di papavero.

Mettiamo il tutto in frigorifero a riposare, poi spennelliamo tutti i cornetti con l’uovo e inforniamo il tutto per circa 20 minuti a 200° fino a che sono belli dorati. Con la sfoglia avanzata facciamo dei salatini, la spennelliamo con l’uovo, mettiamo sopra del parmigiano e del pepe, la chiudiamo, rispennelliamo con l’uovo, mettiamo altro parmigiano, ritagliamo delle striscette, le spennelliamo ancora con l’uovo e le inforniamo per 15 minuti. Buon appetito!

Ludovica Sagramoso è pronta per presentare la sua tavola di Capodanno, apparecchiata con tutto ciò che può portare bene: innanzitutto con le lenticchie, avendo preparato dei sacchetti segnaposto ripieni di lenticchie, poi la melograna nel centrotavola, ma anche le noci. Ai tovaglioli, invece, avvolge un rametto di vischio con dei nastri di argento.

Viva la mamma‘ è la canzoncina che introduce Natalia Cattelani, maestra in cucina di oggi e mamma per antonomasia, avendo ben quattro figlie e quindi essendo abituata a cucinare per una famiglia numerosa. Oggi, la cuoca prepara una golosissima torta salata di buon augurio. Ecco gli ingredienti.

Rosoliamo in una  padella con un pochino di olio le verdure (carote, sedano e cipolle) tagliate a pezzettini, poi uniamo le lenticchie (che sono già cotte), il cotechino a pezzetti anch’esso già cotto, aggiungiamo una salsina fatta con crema di latte amalgamata con della fecola di patate e saliamo. Lessiamo le patate, le schicciamo, le saliamo e aggiungiamo della crema di latte e amalgamiamo tutto.  Prepariamo la pasta brisè impastando la farina, il burro, l’acqua e  un pizzico di sale. Stendiamo la pasta frisè, foderiamo una tortiera con la pasta brisè, mettiamo alla base uno strato di patate che schiacciamo bene.

Mettiamo sopra uno strato di composto di lenticchie, ancora uno strato di patate, ancora uno con il composto di lenticchie. Copriamo con un altro strato di pasta brisè chiudendo bene i bordi, decoriamo con delle stelline fatte con i ritagli di pasta, la spennelliamo con l’uovo e inforniamo per 50/ 60 minuti a 180°. La accompagniamo con un’insalata a piacere e …buon appetito!

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Christian Bertol con suo fratello gemello Renzo e nel peperone GianPiero Fava con sua moglie Irene. Canederli alla trentina con patè di olive e rombo di cervo cotto nel fieno oppure frittatine e filetto di maiale con cipolle e mele?

Giudice della gara Anna Moroni che subito dopo l’assaggio sottolinea come in tutte le proposte non c’era sale. E’ rimasta colpita dai canederli e quindi a vincere è il pomodoro.

Ed ora tutti a tavola! E a domani con La prova del cuoco.