La prova del cuoco – Puntata del 15 settembre 2015 – Diretta e ricette.

image

Ogni giorno, puntualissimo a mezzogiorno, c’è solo un prAogramma che dispensa consigli, ricette e divertimento, altro non può essere che La prova del cuoco che, oltre ad insegnare a cucinare ormai da quindici anni a milioni di persone, fa passare anche a chi lo segue un’ora e mezza serena, spensierata e di risate. Anche nella puntata odierna Antonella e tutto lo staff del programma sono pronti con nuove ricette e nuove rubriche.

image

Anteprima con Antonella alle prese con l’almanacco del giorno, poi la sigla ed ecco l’inizio della puntata. I saluti e il via con Chi batterà gli chef?, rubrica che quest’anno ci accompagna tutti i giorni. La  coppia in gara questa settimana e che ieri ha perso, è formata da due simpatiche donne, suocera e nuora, Mirella e Valentina. Oggi cercano di rifarsi cercando di battere il cuoco giapponese Hiro Shoda.

image

Gli ingredienti portati dalla coppia in gara sono: pane grattugiato, mollica di pane, formaggio silano, scamorza, melanzane cotte al forno, prezzemolo, parmigiano, limone, patata, erba cipollina, uova, yogurt greco, farina, aglio e cipolla e con essi preparano il fritto calabro russo, mentre lo chef propone la tempura medio-orientale. A giudicare la sfida Carlo Cambi. Scopriamo la passione della musica da parte del cuoco giapponese, che dice amare le canzoni di Domenico Modugno e tanti altri artisti italiani e viene mandata la versione giapponese di Cuore Matto, un cult della canzone italiana. Per Cambi il fritto deve essere leggero croccante e non impregni il sapore sottostante, la frittura bielorussa deve essere croccante all’esterno e morbido all’esterno, per queste considerazioni premia anche oggi lo chef.

image

Bonci Bonci bon bon bon la canzoncina che introduce Gabriele Bonci, che quest’oggi prepara le famose friselle. Innanzitutto occorre il grano duro, che si coltiva in Sicilia, si pianta a marzo e si raccoglie a giugno. Iniziamo dall’impasto con 700 g di semola rimacinata di grano duro, 200 g di altro grano duro integrale, 100 g di farina di orzo, uniamo 3 g di lievito di birra e iniziamo a miscelare, mettiamo quindi 650 g di acqua, messa in tre volte, e impastiamo. Aggiungiamo 10/15 g di sale, impastiamo aiutandoci con un pochino di grano duro, lasciamo lievitare per 18 ore in frigorifero.

pdc1

Tagliamo l’impasto in pezzature da 100 g e facciamo delle palline rotonde. Lasciamo riposare qualche minuto, poi diamo la forma alla frisella, facendo tipo delle ciambelle che disponiamo su un panno infarinato, chiudiamo il panno e lasciamo lieevitare altre 4 ore. Le mettiamo su una teglia infarinata e inforniamo a 200°, poi subito abbassiamo il forno a 180°. Quindi le tagliamo a metà e le mettiamo a tostare altri 2/3 minuti in forno a 180°. Immergiamo velocissimamente le friselle nell’acqua, mettiamo sopra dei pomodori fatti a pezzetti con un pizzico di sale, un po’ di burrata, le serviamo con intorno dellla rughetta e del sedano e una spolverata di pepe. Buon appetito.

pdc2

Natalia Cattelani ci insegna a confezionare ricette semplici e veloci, ma gustose e sensazionali. In quattro mosse prepariamo oggi le mini cotolette di salmone e patate al pesto.

Ingredienti:

  • 500 g di patate, 250 g di salmone in scatola, 1 uovo, 3 cucchiai di pesto, pangrattato, 500 g di fagiolini lessati, 10 pomodorini rossi e gialli, foglie di basilico

pdc4

Prima mossa: Lessiamo le patate, poi le schiacciamo finchè sono calde e aggiungiamo il salmone in scatola sbriciolato; seconda mossa: aggiungiamo un po’ di peperoncino, un uovo, il pesto di basilico e amalgamiamo bene.

pdc3

Terza mossa: col composto fatto formiamo delle mini cotolette aiutandoci con lo schiacciapatate alla cui base mettiamo della carta forno e del pangrattato, le impaniamo nel pangrattato. Quarta mossa: le cuociamo in padella con un goccio di olio caldo oppure le cuociamo in forno a 180° per 15 minuti. Le serviamo con i fagiolini lessati e i pomodorini colorati. Buon appetito.

pdc5

Momento del dolce, quelli prima del tiggì, e Anna Moroni propone uno dei suoi dolci casalinghi, stavolta la coppa di gelato ai lamponi.

Ingredienti:

  • 4 pesche, 500 g di gelato alla vaniglia, 150 g di lamponi, 200 ml di panna da montare, 70 g di zucchero semolato, 20 g di zucchero a velo,  foglie di menta

pdc1

Mettiamo le pelle con la buccia a cuocere 5 minuti in acqua, togliamo la buccia, mettiamo sopra dello zucchero e le mettiamo coperte in frigorifero per una notte, in alternativa prendiamo delle pesche sciroppate. In una padella mettiamo lo zucchero semolato, lo lasciamo un po’ caramellare e  poi uniamo i lamponi e facciamo cuocere qualche minuto, quindi li frulliamo ad immersione.

pdc2

In una teglia rotonda mettiamo alla base il gelato alla vaniglia pareggiando bene, mettiamo sopra le pesche sciroppate a raggera, tra una e l’altra facciamo delle stelle con la panna montata messa in un sacco a poche, mettiamo una pesca intera sciroppata al centro e decoriamo con qualche lampone intero. Ultimiamo con la salsa di lamponi, guarniamo con qualche foglia di menta e spolveriamo di zucchero a velo. Buon appetito.

pdc3

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Diego Bongiovanni con il campione Stanislao e nel peperone Marco Bottega con Telde. Due peniere di ingredienti sconosciuti, al campione spetta scegliere quello per la sua squadra. Scoprono gli ingredienti e possono così decidere cosa realizzare. Battuta infelice, seppur scherzosa, da parte di Quaranta sul cuoco Bottega, leggermente in carne. Si parlava di calendario dei cuochi e Quaranta esce dicendo per lui ci sarebbe il mese di gennaio, quello del maiale. Per Tinto bisognerebbe fare non i mesi ma i giorni e lui andrebbe bene per giovedì grasso. Si salva la Stefanelli che dice andrebbe bene febbraio, il mese del carnevale. La giuria assegna la vittoria al peperone, quindi Telde è la nuova campionessa, che vince anche 500 euro grazie alla risposta corretta data.

pdc4

Ed ora tutti a tavola, e a domani.

Segui UnDueTre.com su

Facebook | Twitter