Linea Bianca – Undicesima puntata del 18 marzo 2017 – Le Dolomiti friulane.

IMG_3087Il pomeriggio del sabato di Raiuno vede alternarsi i colori: il blu di Linea Blu e del mare, lascia spazio, nei mesi invernali a quello bianco e a Linea Bianca, il programma dedicato alla montagna e a tutto ciò che la circonda, compresi i prodotti tipici e la gastronomia di quei luoghi.

Linea Bianca

Undicesimo appuntamento oggi, come ogni sabato dalle 14 alle 15, con Linea Bianca, condotta da Massimiliano Ossini con la partecipazione di Alessandra Del Castello. Tremilaseicento piste da discesa per un totale di seimilasettecento chilometri, soffici distese bianche, imponenti vette innevate che fanno da sfondo a una natura incontaminata: si va alla scoperta delle montagne più belle ed affascinanti d’Italia.

IMG_3074Non solo neve, ma anche curiosità, sapori, personaggi e divertimento: dal dissesto idrogeologico al problema della sicurezza in montagna, alla tutela e difesa dell’ambiente; queste alcune delle interessanti tematiche, di grande attualità, che verranno affrontate nel corso dei quindici diversi appuntamenti che andranno avanti sino ai primi di Aprile.

Undicesima puntata | Le Dolomiti friulane

Da Cimolais a Piancavallo, a Poffabro, a Spilimbergo: un viaggio dalle Dolomiti Friulane alla pedemontana pordenonese. Quota 2.173 metri: nello straordinario contesto del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, con Mauro Corona, leggendaria guida alpina e scrittore, una spettacolare apertura per Massimiliano Ossini e Lino Zani in scalata verso la vetta del Campanile della Val Montanaia. Un’estensione di quasi 40.000 ettari, un patrimonio faunistico di grande pregio naturalistico, un crocevia di sentieri che si perdono tra boschi e vallate mozzafiato: ad Andreis, nel cuore del Parco delle Dolomiti Friulane, sua maestà l’aquila reale e le attività didattiche del parco.

BiancaUna frana di roccia di circa due chilometri quadrati, un’onda di 230 metri d’altezza, 50 milioni di metri cubi di materiale in sospensione, oltre 1900 morti: ad Erto, sulla colossale diga del Vajont, la sconvolgente cronaca e i toccanti racconti di quella notte di tragedia del 9 ottobre 1963. 17 chilometri di piste per la discesa, circa 25 chilometri di piste per lo sci alpino, completamente coperte da innevamento programmato e adatte a qualsiasi tipologia di sciatore: con i maestri delle scuole sci, sulla pista Nazionale, la finestra sull’Adriatico, una divertente discesa per i conduttori.

Natura | Paesaggi | Borghi | Storia

Tutti sognano di volare liberi nel cielo: in località Castaldia, dalle vette di Piancavallo, ennesima prova di coraggio per Massimiliano Ossini impegnato in un lancio con il deltaplano. Dalle Alpi, inestimabile e prezioso serbatoio di acqua d’Italia, ai cambiamenti climatici: in canoa, alla scoperta delle bellezze del lago di Barcis. Storia di una tecnica millenaria: a Spilimbergo, i segreti della scuola dei mosaicisti del Friuli. Un presepe tra i presepi: a Poffabro, camminando lungo i caratteristici vicoli del piccolo centro storico, curiosità ed aneddoti su uno dei borghi più belli d’Italia, e gustose ricette della tradizione culinaria locale, arricchite dall’ “oro rosso” di San Quirino.

Le foto

IMG_3042 IMG_3049 IMG_3052 IMG_3054 IMG_3059 IMG_3062 IMG_3065 IMG_3069 IMG_3070 IMG_3072 IMG_3074 IMG_3077 IMG_3081 IMG_3084 IMG_3085 IMG_3087 IMG_3094